Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 1° Ed. .
RISTARE
Apri Voce completa

pag.725


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
» RISTARE
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
RISTARE.
Definiz: Fermarsi, rimanere, stare, trattenersi. Lat. restitare, remanere, morari.
Esempio: Bocc. n. 72. 7. Messasi la via tra i piedi, Non ristette, si fu a casa di lei.
Esempio: E Bocc. nov. 66. 7. E montato a cavallo, per niuna cagione seco ristate.
Esempio: E Bocc. nov. 73. 17. Alquanto con le guardie de' gabellieri si ristettono.
Esempio: Dan. Purg. 4. Rimira, com'io rimango sol, se non ristai.
Esempio: E Dan. Purg. cant. 18. Noi siam di voglia muoverci sì pieni, Che ristar non potém, però perdona.
Esempio: G. V. 9. 304. 1. E in questo stettero, e ristettero ad Altopasco.
Esempio: E G. V. lib. 6. 71. 2. Il leone niuno male fece, ne alla madre, ne al fanciullo, se non che guatò, e ristettesi.
Definiz: Per cessare, restare. Lat. desinere, desistere.
Esempio: Bocc. n. 63. 10. Il buon'huomo non era ancora restato di picchiare, che la moglie rispose.
Esempio: Fav. Esop. E so che non ristai di pregare Iddio, acciocchè la mia vita non abbia mal fine.