Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
RINTENERIRE
Apri Voce completa

pag.199


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
RINTENERIRE.
Definiz: Intenerir nuovamente. Lat. rursus emollire.
Definiz: §. Per simili.
Esempio: Filoc. 7. 437. L'antica morte ec. non rintenerì li cuori con tanta pietà, che per l'udite parole agli occhi venissero lagrime.
Esempio: Fir. nov. 2. 207. Fece tanto rintenerire il buon vecchio, che e' le chiese perdonanza.
Esempio: Alam. Gir. 12. 121. Ma che gli augelli ancor con dolci lai Facesser quì rintenerir la mente Di ciascun, che gli ascolti.
Esempio: Morg. 1. 78. Rintenerì nel cuor per la dolcezza (quì in signific. neutr.)