Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 1° Ed. .
TEMERE.
Apri Voce completa

pag.876


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
TEMERE.
Definiz: Aver paura, essere oppresso da timore. Lat. timere, metuere.
Esempio: Boc. n. 11. 13. Temetter forte, seco dicendo.
Esempio: E Bocc. nov. 92. 4. Messer, voi siate in parte venuto, dove dalla forza di Dio in fuori, niente si teme per noi.
Esempio: Dan. Inf. 3. Alla riva malvagia, Ch'attende ciascun'huom, che Dio non teme.
Esempio: Petr. Son. 208. Onde il cuor lasso ancor s'allegra, e teme.
Esempio: E Petr. Son. 31. Io temo sì de' begli occhi l'assalto.
Esempio: Albert. cap... Ciascun dì si condanna colui, che sempre teme.
Definiz: ¶ In signif. di dubitare. Lat. dubitare, vereri.
Esempio: Bocc. n. 43. 4. Temevano d'esser seguitati.
Esempio: E Bocc. nov. 21. 7. Temette di non dovervi esser ricevuto.
Esempio: E Bocc. nov. 77. 12. Credi tu, che io, se quel ben gli volessi, che tu temi, sofferissi, che, ec.
Esempio: Petr. Son. 85. Ch'io temo lasso no 'l soverchio affanno, distrugga il cuore.