Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
FRALE
Apri Voce completa

pag.513


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 4 ° Ed.
» FRALE
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
FRALE.
Definiz: Add. Fragile, Fievole. Lat. fragilis, debilis, imbecillus. Gr. εὔθραυστος, ἀσθενής.
Esempio: Varch. lez. 483. Frale, parola proprio Toscana, e molto usata dal Petrarca, tratta, per quanto stimo, da questa parola Latina fragile, levata del mezzo la sillaba gi, per la figura chiamata sincope da' Greci, cioè mozzamento, onde tanto significa frale sincopato, quanto fragile intero, cioè cosa debile, e che agevolmente si spezzi, che tanto significa il verbo frangere, onde è derivato.
Esempio: Petr. son. 266. Trovámi all'opra via più lento, e frale D'un piccol ramo.
Esempio: E Petr. 316. Deh porgi mano all'affannato ingegno, Amore, ed allo stile stanco, e frale.
Esempio: Dant. rim. 6. Mentre io pensava alla mia frale vita.
Definiz: §. In forza di sust.
Esempio: Red. son. Ella con alto impero, Meco non già, ma col mio fral si sdegna.