Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
RAPPATTUMARE.
Apri Voce completa

pag.67


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
RAPPATTUMARE.
Definiz: Rappacificare. Lat. reconciliare. Gr. διαλλάττειν.
Esempio: Tac. Dav. ann. 12. 154. Mitridate gli fu mezzano a rappattumarlo col padre.
Esempio: Malm. 12. 56. Ed egli, e Psiche Rappattumato fu da i cavalieri.
Esempio: Lasc. Pinz. 4. 12. C. Tosto pur quel, che tu vuoi fare. G. Il più bel colpo del mondo; rappattumare, racconciare ogni cosa, fare ognun contento.
Definiz: §. In signific. neutr. pass. vale Rappacificarsi. Lat. reconciliari. Gr. διαλλάττεσθαι.
Esempio: Bocc. nov. 72. 16. Entro col mosto, e colle castagne calde si rappattumò con lui.
Esempio: Dav. Scism. 60. Mise il Duca di Cleves in gran sinistro, e terrore, e Arrigo in pensiero di rappattumarsi con Carlo.
Esempio: Red. Ditir. 7. E forse allor rappattumarmi seco Non fia ch'io sdegni.