Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
RANNATA.
Apri Voce completa

pag.63


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
RANNATA.
Definiz: Quell'Acqua, che si trae della conca piena di panni sudici, gettatavi bollente sopra la cenere; lo stesso, che Ranno, ma di più forza. Lat. lixivia, lixivium. Gr. κονία, λίγδος.
Esempio: Franc. Sacch. nov. 147. Si lavò il culo, ma non sì, che non ingiallasse le lenzuola, prima che avesse parecchie rannate, le quali furon di necessità, tanto erano le tuorla cogli albumi, e co' gusci incrosticate.
Esempio: Buon. Fier. 3. 3. 2. S'io non era presto A pigliar quel catin, che di rannata Fredda votar appunto volea l'Agnola.
Esempio: E Buon. Fier. 4. 1. 5. Piglia, piglia il puleggio, O tu t'aspetta da questa 'npannata Un paiol di rannata.
Esempio: Malm. 9. 18. Chi versa giù bollente la rannta, Che pela i visi, e porta via i bordoni.