Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
DISGRAZIATO.
Apri Voce completa

pag.571


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
DISGRAZIATO.
Definiz: Add. Afflitto da disgrazia, o disgrazie, Sventurato, Infelice; e in senso men grave, Poco fortunato, Al quale la fortuna si addimostra poco favorevole. ‒
Esempio: Red. Lett. 1, 337: Quest'anno V. Sig. è disgraziato. Quei marzolini saranno da quaresima, e gli ho mezzi consumati. Certo vino è arrivato sino a Livorno, e poi è tornato addietro ec.
Esempio: Monet. Poes. 337: Emerico son io, quel disgraziato Che vengo ad implorare il tuo favore.
Esempio: Saccent. Rim. 1, 197: Ordina i seguestri e le catture Per apportar.... spese e disagio Alle più disgraziate creature.
Definiz: § I. Per estensione dicesi anche di animali. ‒
Esempio: Red. Osserv. Vip. 39: Si legge in Ateneo, che due malfattori condennati ad esser fatti morire da gli aspidi,... non provarono la forza del veleno.... Più disgraziati di costoro furono due galletti, che ec.
Definiz: § II. Per Infausto, Funesto, Sinistro. ‒
Esempio: Car. Lett. fam. 1, 147: Dolgomi con voi de la disgraziata morte del vostro nipote.
Esempio: Targ. Viagg. 8, 35: La di lui disgraziata morte.... fece restare inutile ed imperfetta l'impresa.
Definiz: § III. E per Che è senza grazia, garbo, Sgraziato, Spiacevole; ed altresì, Brutto: detto, per lo più, di cose d'arte. ‒
Esempio: Vinc. Tratt. Pitt. 137: Le figure ignude non debbono avere i loro muscoli ricercati interamente, perchè riescono difficili e disgraziati.
Esempio: Car. Lett. fam. 2, 9: Se non sono (certe medaglie) de le bellissime e de le rarissime, non sono ancora nè tanto plebee, nè tanto disgraziate, che almeno la fatica d'averle procacciate non meriti una musata, se non un gran mercè.
Esempio: Galil. Op. lett. 125: Robaccia.... insipida, disgraziata e al solito pedantesca (parla di versi).
Esempio: Fag. Pros. 272: Questi col disgraziato nome d'Arlotto chiamavasi.
Definiz: § IV. Pure per Sgraziato, Sgarbato, Goffo, trovasi detto di persona. ‒
Esempio: Castigl. Corteg. V. 95: Trovarassi talor un uomo, il qual da natura sarà tanto pronto alle facezie, che ciò che dirà porterà seco il riso:... e s'un altro che abbia maniera di gravità, avvenga che sia di buonissimo ingegno, vorrà mettersi a far il medesimo, sarà freddissimo e disgraziato, di sorte che farà stomaco a chi l'udirà.