Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
LAPIDA
Apri Voce completa

pag.17


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
» LAPIDA
LAPIDA.
Definiz: Pietra, ma si dice più propriamente, che d'altra, di quella, che cuopre la sepoltura. Lat. lapis. Gr. λίθος.
Esempio: Vit. Crist. Chi ci rivolgerà la lapida, ch'è così grande, dall'uscio del monimento?
Esempio: Franc. Sacch. Op. div. Il terzo fu questo Lazzaro, che era legato, e suggellato con la lapida nel sepolcro, ovvero spelonca.
Esempio: Vit. Benv. Cell. 126. Lo feci sotterrare ec. dipoi gli feci fare una bellissima lapida di marmo, nella quale vi si fece alcuni trofei, e bandiere intagliate.
Esempio: Bern. Orl. 2. 26. 7. Poich'ebbe il verso Brandimarte letto, La lapida pesante in aria alzava.