Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
COLÀ.
Apri Voce completa

pag.133


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
COLÀ.
Definiz: Avverb. che accenna a luogo distante tanto dalla persona che parla, quanto da quella che ascolta. In quel luogo, Là; e si usa così coi verbi di stato, come coi verbi di moto.
Dal lat. eccu e illac. –
Esempio: Dant. Inf. 17: Lo Duca disse, or convien che si torca La nostra via un poco infino a quella Bestia malvagia che colà si corca.
Esempio: Bocc. Decam. 2, 282: La buona femina tornò per la cassa sua, e colà la riportò.
Esempio: Red. Ditir. 17: Che vino è quel colà, Ch'ha quel color dorè?
Esempio: Magal. Lett. fam. 1, 40: La gran venerazione che colà si porta al suo nome ec.
Definiz: § I. Talora si usa per accennare, in modo alquanto indeterminato, tempo un po' lontano; e vale Intorno, Circa. –
Esempio: Bocc. Decam. 7, 103: Era sua usanza sempre colà di dicembre d'andarsene la moglie ed egli in villa.
Esempio: E Bocc. Decam. 7, 239: Colà un poco dopo l'avemaria, passai allato al cimitero de' Frati minori.
Esempio: Vill. M. 104: Feciono fare comandamento a tutti i conestabili delle masnade da cavallo e da piè, che colà da mezza notte fossono apparecchiati delle armi e dei cavalli.
Definiz: § II. Costruito con la particella Di di colà o Per per colà, forma una maniera avverbiale indicante moto da luogo o per luogo. Di o Per quel luogo, Di o Per là. –
Esempio: Bocc. Decam. 2, 190: Le disse, che dove ella volesse, egli assai bene di ciò l'aiuterebbe, faccendola di colà ove era trarre e menarla via.
Definiz: § III. Trovasi anche costruito con la particella A a colà, per indicare moto a luogo. A quel luogo. –
Esempio: Bocc. Decam. 6, 34: Essendo forse la via lunghetta di là, onde si partivano, a colà, dove tutti a piè d'andare intendevano.
Definiz: § IV. Si unisce anche ad altri avverbj, e se ne formano varie maniere, come ad esempio: Colà dove, Colà ove e Colà 've; lo stesso che Dove, In quel luogo nel quale. –
Esempio: Dant. Inf. 3: Vuolsi così colà dove si puote Ciò che si vuole.
Esempio: EDant. Inf. 4: N'andammo infino alla lumiera, Parlando cose che il tacere è bello, Sì com'era il parlar colà dov'era.
Esempio: Cas. Rim. 1, 40: Colà 've dolce parli e dolce rida Bella donna, ivi presso è pianto e morte.
Definiz: Per estensione trovasi riferito anche alle persone e alle azioni loro. –
Esempio: Dant. Conv. 140: E però dico che, a fuggire questo, si guardi in costei, cioè colà dov'ella è essemplo d'umiltà.
Esempio: Bocc. Filoc. 358: Reina, non voler porgere ora con lusinghevoli parole conforto colà, dove ad inganno hai tu messo tristizia.
Definiz: Colà entro, e Colà dentro, vale Dentro a quel luogo.
Definiz: Colà intorno, vale In quei contorni, In quelle vicinanze. –
Esempio: Bart. D. Ghiacc. 175: Viene [l'umore dell'ambra] a gittarsi a varie spiaggie de' paesi di colà intorno, alla ventura delle correnti o del fiotto del mare.
Definiz: Colà oltre, vale In quella parte. –
Esempio: Bemb. Stor. 6, 72 t.: Alcune navi colà oltre da lui mandate, esser di pepe e di cinnamomo, e d'altre simili cose, cariche a Lisbona tornate.
Definiz: Colà onde, e Colà donde, vale In o A quel luogo dal quale. –
Esempio: Petr. Rim. 1, 48: Corro spesso e rientro Colà donde più largo il duol trabocchi.
Esempio: Bocc. Filoc. 710: A niuna [anima] era possibile per suo merito il risalir colà donde peccando era caduta.
Definiz: Più colà, trovasi per Più oltre, Più avanti. –
Esempio: Firenz. Pros. 2, 176: Quivi gabbando una vecchia, e più colà sforzando una giovane.