Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
SOFFIARE
Apri Voce completa

pag.1542


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
SOFFIARE.
Definiz: Spigner l'aria violentemente col fiato, aguzzando le labbra. Lat. flare.
Esempio: Dan. Inf. 23. Tutto si distorse, Soffiando nella barba co' sospiri.
Esempio: Sagg. Nat. Esp. 258. E però necessario a voler che questo effetto segua, oltre al fuoco gagliardo il soffiar continuamente ne' carboni.
Esempio: E Sagg. Nat. Esp. appresso. E ciò si avverta a farlo per un foro di un'asse, che serva di parapetto a chi soffia.
Definiz: §. Soffiare: lo Spirar de' venti. Lat. spirare, flare.
Esempio: Dan. Par. 28. Quando soffia Borea da quella guancia, ond'è più leno.
Esempio: E Dan. Purg. 5. Sta come torre ferma, che non crolla Giammai la cima, per soffiar de' venti.
Esempio: Boc. g. 4. p. 19. Dando le spalle a questo vento, lasciandol soffiare.
Definiz: §. Soffiare: Isbuffare per superbia, collora, o altra passion d'animo. Lat. fremere.
Esempio: Boc. Nov. 58. 4. Postaglisi presso a sedere, altro non facea, che soffiare.
Esempio: E Bocc. Nov. 65. 15. Il geloso, colla sua malaventura, soffiando, s'andò a spogliare i panni del Prete.
Esempio: E Bocc. Nov. 73. 16. Calandrino, sentendo 'l duolo, levò alto il piè, e cominciò a soffiare.
Esempio: E Bocc. Nov. 85. 6. Calandrino, tornato a lavorare, altro che soffiar non facea, ec. Che Diavolo ha tu sozio Calandrino, tu non fai altro che soffiare?
Definiz: §. Soffiare: metaf. Lat. suscitare.
Esempio: Vit. S. Gio. Batt. E soffiava, e accendeva l'ira nel cuor d'Erode.
Esempio: Fiam. 7. 1. Tanto più con disiderio soffiando nelle mie fiamme le fa maggiori.
Esempio: Galat. Ne più, ne meno, come se eglino non favellassono, ma soffiassono.
Definiz: §. Soffiare il naso, e Soffiarsi il naso: vale Trarne fuori i mocci. Lat. nares emungere.
Esempio: Galat. Non si vuole anco soffiato che tu ti sarai il naso, aprire il moccichino, e guatare entro.
Esempio: Alleg. Soffiarsi il naso un tratto nelle mani.
Definiz: §. Soffiar parole negli orecchi altrui: e anche assolut. Soffiar negli orecchi ad alcuno: dicesi del Darli alcuna notizia, o avvertimento segretamente. Lat. in aurem insusurrare.
Esempio: Fir. As. 153. Queste, e altre simili parole soffiando negli orecchi di Venere.
Definiz: §. Soffiare: dicesi anche in modo basso del Far la spia. Lat. deferre.
Definiz: §. Aprir la bocca, e soffiare: Il favellar senza considerazione, e riguardo. Latin. verba effutire.