Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
MASTICARE
Apri Voce completa

pag.1010


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
MASTICARE.
Definiz: Disfare, e disfare il cibo co' denti. Lat. mandere.
Esempio: Mor. S. Greg. Colli denti si mastica lo cibo, acciocchè poi possa esser tranghiottito.
Esempio: Bocc. Nov. 76. 14. Ma pur, vergognandosi di sputarla, alquanto masticandola, la tenne in bocca.
Definiz: §. Per metaf.
Esempio: Cavalc. Fr. Ling. Come adiviene oggi di molti, che tutto 'l giorno pare, che mastichino Salmi, e Paternostri, e non inghiottiscono niente, cioè nullo abbiano intendimento.
Esempio: Galat. E se tu proferirai le lettere, e le sillabe, ec. ne anche le masticherai, ne inghiottiraile appiccate, e impiastricciate insieme l'una coll'altra.
Definiz: §. Per Bene esaminar la cosa seco medesimo, ragionando di lei tra se. Lat. perpendere, meditari, mussitare.
Esempio: Vit. S. Pad. E quivi tutte le virtù, che aveva in altrui singolarmente vedute, si riduceva a memoria, e quasi per una santa considerazion masticandole, guardava d'incorporarsele a modo, che, ec.
Esempio: Bern. Orl. 1. 5. 15. Rinaldo senza troppo masticare A Gradasso rispose: alto Signore, ec.
Definiz: §. In questo significato diciamo anche, e più comunemente Rugumare.