Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 1° Ed. .
O
Apri Voce completa

pag.564


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
O
Definiz: Talora, e interiezione, e serve alla espression di molti affetti, e di varj, come di maraviglia.
Esempio: Bocc. n. 22. 9. O signor mio, questa che novità è stanotte?
Esempio: E Bocc. nov. 73. 18. Oimè, malvagia femmina, ò eri tu costi?
Esempio: E Bocc. nov. 30. 7. Tu hai un'altra cosa, che non l'ho io, e hala in cambio di questo. Disse Alibech: ò che?
Definiz: ¶ Di curiosità.
Esempio: Bocc. g. 4. p. 10. O come si chiamano.
Definiz: ¶ Di ricordanza del bene.
Esempio: Bocc. n. 93. 5. O liberalità di Natan.
Definiz: ¶ D'aggrandimento.
Esempio: Bocc. n. 28. 21. O io, disse il Bolognese, Se vidi lungi delle miglia più di bella cacheremo.
Definiz: ¶ Di dimostrazione.
Esempio: Bocc. n. 28. 21. O disse Ferondo, s'io vi torno mai, io sarò il miglior marito del mondo.
Definiz: ¶ Di magnificare.
Esempio: Dan. Par. 27. O gioia, o ineffabile dolcezza, O vita eterna d'amore, e di pace.
Definiz: ¶ Di dolore.
Esempio: Bocc. introd. n. 27. O quanti gran palagi, ec. ò quante memorabili schiatte, si videro senza successor debito rimanere [ò povero a me, ò sciagurato a me]
Definiz: ¶ Di soverchia gioia.
Esempio: Bocc. Nov. 85. 20. O Calandrin mio dolce, cuor del corpo mio, anima mia.
Definiz: ¶ D'esclamazione.
Esempio: Bocc. no. 37. 11. O felici anime, alle quali in un di avvenne, ec.
Definiz: ¶ Di sospetto, e timore.
Esempio: Bocc. no. 21. 13. O se noi ingravidassimo, come andrebbe il fatto?
Definiz: ¶ Per modo di spaurire, e spaventare.
Esempio: Bocc. n. 54. 7. Fattosi alquanto a quelle vicino, grido. o o: per lo qual grido, ec. le gru cominciarono a fuggire.
Definiz: ¶ D'irrisione.
Esempio: Bocc. n. 77. 15. Aprite, per Dio, ch'io mi muoio di freddo: ò sì ch'io so, che tu se uno assiderato.
Definiz: ¶ Di tenerezza.
Esempio: Bocc. nov. 44. 6. O figliuola, che caldo fa egli?
Definiz: ¶ D'allegrezza, per cosa desiderata, e che soppragiunga fuor di speranza.
Esempio: Ar. Fur. Pensò Aquilante al primo comparire, Che 'l vil Martano il suo fratello fosse, ec. E con quell'o, che d'allegrezza dire Si suole, incominciò, ma poi.
Definiz: ¶ D'eccesso di disiderio.
Esempio: Esempio del Compilatore O s'i' l'avessi, io sarei pur contento.
Definiz: ¶ Di sdegno, d'ira.
Esempio: Esempio del Compilatore O s'i' lo potessi aver nelle mani.
Definiz: ¶ Di ritrosia, di fantasticaggine.
Esempio: Esempio del Compilatore O si, io non lo vo' fare.
Definiz: ¶ Di prontezza, di volontà.
Esempio: Esempio del Compilatore Vuo' tu far questa cosa? O s'i' la vo' fare?
Definiz: ¶ D'amorevolezza, di benignità, di cortesia.
Esempio: Esempio del Compilatore O Antonio, tu sie 'l ben venuto.
Definiz: ¶ Di rincrescimento, noia, stucchevolezza.
Esempio: Esempio del Compilatore O ve' baia: o ve' modi.
Definiz: ¶ D'increscere, e pronunziasi quasi per tre o o o di lunghezza.
Esempio: Esempio del Compilatore O o o, se Dio mi guardi, questo è mal fatto.
Definiz: ¶ E di rammarichío, o o o o, ma si pronunzia, senza distinguergli.