Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
GRIDANTE.
Apri Voce completa

pag.592


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
GRIDANTE.
Definiz: Partic. pres. di Gridare. Che grida. –
Esempio: Bocc. Decam. 4, 124: Presente agli occhi suoi, lei gridante mercè ed aiuto, svenarono.
Esempio: E Bocc. Decam. 8, 99: E lei gridante aiuto si sforzava di tirar via.
Definiz: § I. E in forma d'Add. Che manda gridi, forti lamenti od esclamazioni, Che fa strepito, e simili. –
Esempio: Cic. Tusc. 53: Egli nel monte Oeta aveva veduto Ercole con grande pianto gridante, per la grandezza degl'inganni.
Esempio: S. Ag. Espos. Salm. 74: Odi lui gridante, e chiama con lui: odi lui piagnente, e gemisci con lui; odi lui che gemisce e lagrima con lui.
Esempio: Strat. Mor. S. Greg. 2, 97: Non m'è riputato a poco senno, se tu di subito non essaudisci me gridante a te.
Esempio: Alf. Trag. 2, 84: Ecco Virginia addolorata; segue, Lacera il manto e il crine, alto gridante, La madre.
Definiz: § II. E pure per Che grida, Che schiamazza, detto di volatili. –
Esempio: Cresc. Agric. volg. 477: I galli vogliono esser spesso gridanti e battaglieri.
Definiz: § III. E per Che parla, annunzia, e simili, ad alta voce; anche in forza di Sost. –
Esempio: Bibb. N. 6, 527: La voce del gridante nel deserto, che dice: apparecchiate la via del Signore, e fate ec.