Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
ZIBETTO
Apri Voce completa

pag.358


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
» ZIBETTO
ZIBETTO.
Definiz: Animale feroce simile al gatto. Lat. hyaena odorifera, catus zibethicus, felis odoratus. Gr. αἴλορος, πολύοσμος.
Esempio: Cant. Carn. 59. Donne, quest'è un'animal perfetto A molte cose, e chiamasi zibetto.
Definiz: §. Zibetto, si dice ancora una Materia liquida, o sia un Liquore congelato untuoso, e di odore gagliardo, contenuto in una vescica posta tra l'ano, e i testicoli del zibetto.
Esempio: Morg. 14. 80. Muso, camoscio, moscado, e zibetto.
Esempio: Cant. Carn. 60. Poi due dita disotto al codione, Come udirete, si cava il zibetto.
Esempio: Soder. Colt. 66. In questa maniera medesima si farà l'uva odorata, con ponendole intorno o musco, o ambra, o zibetto.
Esempio: Ricett. Fior. 3. Gli escrementi comuni degli altri animali sono l'orina, lo sterco, e 'l sudore; i proprj, come il zibetto, il muschio ec.
Esempio: Red. annot. Ditir. 134. Lo untano o di zibetto, o di balsamo nero.
Esempio: E Oss. an. 10. I cani, le volpi, le lontre, i gatti del zibetto.
Esempio: E Oss. an. 94. Un gatto del zibetto, che iena odorifera fu chiamato da Pietro Castello Messinese, indugiò a morire dieci giorni.