Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 1° Ed. .
SCARSO
Apri Voce completa

pag.759


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
» SCARSO
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
SCARSO.
Definiz: Alquanto manchevole.
Esempio: Dan. Par. 15. Che tutte somiglianze sono scarse.
Esempio: E Dan. Par. 33. Tutti i miei prieghi Ti porgo, e prego, che non sieno scarsi.
Esempio: Petr. Son. 264. Ma lo 'ngegno, e le rime erano scarse.
Esempio: Bocc. lett. E voi dovete esser contento d'aver più tosto stretta, e scarsa fortuna.
Esempio: G. V. 11. 111. 5. Al Re d'Inghilterra fallía moneta, che i suo' uficiali di là, il tenieno a dieta, e scarso.
Definiz: ¶ Per tenace, misero, che spende a rilente. Lat. parcus.
Esempio: Bocc. n. 72. 8. Che siete tutti quanti più scarsi, che 'l fistolo.
Esempio: Petr. Son. 28. Ho servito a Signor crudele, e scarso.
Esempio: Dan. Purg. 14. Ma da che Dio in te vuol, che traluca Tanta sua grazia, io non ti sarò scarso.
Esempio: E Dan. Par. 33. Quei ch'ancor fa i padri a figli scarsi.
Esempio: Rim. ant. P. N. Ch'Amore ha in se virtute, Che 'l vile huom face prode, S'egli è villano in cortesia lo muta, Di scarso largo a divenir l'aiuta.