Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
BASE e anche BASA
Apri Voce completa

pag.82


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
BASE e anche BASA.
Definiz: Sost. femm. Sostegno e quasi Piede, sul quale si posa colonna o simile.
Dal gr. βασις βάσις, lat. basis. −
Esempio: Bibb. Maccab. M. 12: Noi abbiamo ricevuta la corona dell'oro e la base, la quale ci mandaste.
Esempio: Cennin. Tratt. Pitt. 60: Lavorrai quelle cornicette con gran piacere e diletto; e per lo simile, base, colonne, capitelli, frontispizj ec.
Esempio: Cellin. Vit. 325: Ancora detti ordine a gittar la basa del ditto Giove, qual feci di bronzo.
Esempio: Vasar. Vit. Pitt. 13, 85: Fa questa opera una bellissima basa al detto campanile.
Esempio: Maff. Veron. illustr. 5, 160: E poichè dorica è la base, non avendo la toscana, oltre al zoccolo o dado, se non toro o bastone, ec.
Definiz: § I. E per similit. −
Esempio: Ar. Orl. fur. 23, 113: Così veggiam restar l'acqua nel vase, Che largo il ventre e la bocca abbia stretta, Che nel voltar che si fa in su la base, L'umor, che vorria uscir, tanto s'affretta, ec.
Definiz: § II. E figuratam. dicesi di Tutto ciò che è sostegno o principal fondamento di checchessia. −
Esempio: Giannott. Op. 1, 4: Sarà dunque questo membro il gran Consiglio, che fia la basa e il fondamento di tutto lo Stato.
Esempio: Varch. Ercol. 427: Credo che la lingua comune non solo non nascesse dal mescolamento delle quattro proprie,.... ma che ella fosse la basa e il fondamento, e per conseguente prima e come madre di tutte.
Esempio: Tass. Gerus. 5, 39: Cade ogni regno, e ruinosa è senza La base del timor ogni clemenza.
Esempio: Segner. Crist. instr. 2, 30: Questa è la base su cui si appoggia stabilmente ogni dominio naturale, l'eccellenza della natura.
Definiz: § III. Base, term. di Geom., significa il Lato o la Parte inferiore di una figura, ed è l'opposto di Vertice. −
Esempio: Magal. Sagg. nat. esp. 20: Il triangolo minore, che spunta dalla strettissima commessura delle due parti della taglia, e quella ha per base ec.
Definiz: § IV. Base, term. de' Botanici. −
Esempio: Vallisn. Op. 3, 375: Base chiamano i botanici quella parte inferiore del bulbo da cui spuntano le radici.
Definiz: § V. Base, così dicesi oggi dai Chimici la sostanza o materia principale che entra in un composto o in una preparazione qualunque.