Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
CORSALE
Apri Voce completa

pag.834.


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
CORSALE .
Definiz: Ladrone di mare. Lat. pirata. Gr. πειρατής.
Esempio: Fior. Virt. A. M. Un ladro, che imbolava in mare, cioè un corsale.
Esempio: Bocc. nov. 16. 5. Una galea di corsali sopravvenne, la quale tutti a man salva gli prese.
Esempio: E Bocc. nov. 20. 7. Egli sanza pro, e in Pisa, e altrove si dolse della malvagità de' corsali.
Esempio: Bern. Orl. 2. 25. 22. Che, benchè il suo mestier fosse corsale, Era ancor destro, e franco cavaliero.
Definiz: §. I. In proverb. Andar tra corsale, e corsale, che vale lo stesso, che Ell'è tra Baiante, e Ferrante; Tanto sa altri quanto altri. Lat. Bithus cum Bacchio, Cretensis cum Aegineta. v. Flos 309.
Definiz: §. II. Pure in proverb. Tra corsale, e corsale non si guadagna se non i barili voti; e vale lo stesso.