Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
SEMINARE
Apri Voce completa

pag.1500


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
SEMINARE.
Definiz: Gettare, e spargere il seme sopra la materia atta a produrre. Lat. seminare, serere.
Esempio: Cr. 6. 2. 4. Quelle, che nella Primavera semineremo, nel tempo dell'Autunno dobbiam cavare.
Esempio: G. V. 12. 49. 3. E le terre si poterono male lavorare, e seminare.
Esempio: E G. V. 11. 1. 12. E simile di grano, e vino, ch'era per le case, senza la perdita di quello, ch'era seminato.
Esempio: Sen. Pist. Perciocchè s'era dal seminare menato al Consolato di Roma.
Esempio: Dan. Par. 24. Che tu entrasti povero, e digiuno, In campo a seminar la buona pianta, Che fu già vite, e ora è fatta pruno.
Definiz: §. Per metaf. Spargere, divolgare. Lat. seminare, disseminare, spargere, divulgare.
Esempio: Maestr. 2. 7. 12. Quando si infinge di esser santo, acciocchè semini falsa dottrina.
Esempio: Dant. Par. 29. Non vi si pensa quanto sangue costa Seminarla nel Mondo.
Esempio: Vinc. Mart. Lett. Ma qual fu mai più bella sottilità, che dopo aver seminate le mie calunnie per tutte le parti d'Italia, ec.
Esempio: Galat. Chi va profferendo, e seminando il suo consiglio.
Esempio: Varch. Stor. 10. Onde i Panciatichi erano iti seminando, che Pistoia si aveva a spogliare di tutte le grasce, e vettovaglie.