Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
INGANNEVOLMENTE, e talora anche INGANNEVOLEMENTE.
Apri Voce completa

pag.774


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
INGANNEVOLMENTE, e talora anche INGANNEVOLEMENTE.
Definiz: Avverb. In modo ingannevole, Con inganno, Mediante inganno, e anche A fine d'inganno. –
Esempio: Bocc. Amet. 164: Le quali [troiane battaglie].... con fuoco e con sangue, ingannevolmente dopo più soli furono finite.
Esempio: Cell. G. Maestruzz. volg. 2, 11, 5: Ovvero se commise in esso giuoco inganno, mettendo dadi falsi; ovvero vogliendogli male e ingannevolmente gittandogli.
Esempio: Davil. Guerr. civ. V. 2, 72: Ributtati con tanto impeto dalle picche de gli Svizzeri e dall'archibugiate de' Francesi, con quanta facilità v'erano da principio ingannevolmente stati tirati.
Esempio: Segner. Mann. apr. 26, 1: Se un povero lascia sedursi dalla fame a mentire ingannevolmente, a usar delle furberie, a usar delle fraudi, non è cosa di maraviglia: ma che mentisca un ricco, è obbrobrio grandissimo.
Esempio: Magal. Lett. At. 258: In quella guisa che il fuggir della terra a chi naviga non è altro che il moto dell'istesso navigante raffigurato ingannevolmente nella fermezza del lido, così il successivo del tempo non è altro che il passaggio delle creature per l'essere raffigurato ingannevolmente nell'immobile dell'eternità.
Esempio: E Magal. Lett. At. appr.: Così riduco a creatura degli intelletti quell'idea che si formano i medesimi intelletti nel considerare il passaggio o moto delle creature per l'essere, mentre lo raffigurano ingannevolmente nell'immobile dell'eternità, e lo chiamano tempo.
Definiz: § E per In modo da trarre in inganno, ed altresì Con fallace apparenza. –
Esempio: Simint. Ovid. Metam. 3, 35: Quegli ingannevolemente si muta in tutte le cose che non hanno anima.
Esempio: Galil. Op. astronom. 1, 392: Nè abbiano posto cura alla irradiazione avventizia, che ingannevolmente le mostra (le stelle) cento e più volte maggiori, che quando si veggono senza crini.