Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
TORBO
Apri Voce completa

pag.100


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
» TORBO
TORBO.
Definiz: Add. Torbido. Lat. turbidus. Gr. θαλερός.
Esempio: Tes. Br. 5. 1. Le nature de' serpenti son tali, che quando elli invecchiano, li suoi occhi diventan torbi, e tenebrosi, perchè egli sono coperti, ed elli sì 'l conosce bene.
Esempio: Albert. 2. 47. La fede pugnatrice sotto dubbiosa sorte di guerra, torba, e con aspro volto è la prima a venire in campo.
Esempio: Alam. Gir. 1. 9. Quando torbo, e cruccioso l'Euro spira, Non mena tal romor, furia, e tempesta Il mar d'Ionia, come questi fanno.
Esempio: Vinc. Mart. rim. 40. E' mi fu 'l torbo chiar, fosco il sereno, Onde l'alma andò in cieca al suo martire (quì in forza di sust.)