Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
RANCIDO.
Apri Voce completa

pag.62


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
RANCIDO.
Definiz: Add. Vieto, Putrido per vecchiezza, Stantío. Lat. putridus, rancidus. Gr. δυσώδης, σαπρός.
Esempio: Pallad. Novemb. 7. Potando solamente i secchi, i rancidi, e fracidi se ne taglino.
Esempio: Fir. rim. burl. 125. E non è vecchia sì rancida, e vieta, Che non s'intenerisca in sugli arnioni, Se sente un scempio sonare a compieta,