Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
CICATRIZZARE
Apri Voce completa

pag.16


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
CICATRIZZARE.
Definiz: Att. Ridurre a cicatrice, detto di piaga o ferita. –
Esempio: Red. Esp. nat. 34: Questo sugo.... con prestezza rammargina e cicatrizza le piaghe.
Definiz: § I. E figuratam. –
Esempio: Ricc. A. M. Fond. Sap. volg. 71: Chi non lascia al discorso, che lo ha punto e ferito, fermare e cicatrizzare la piaga, vassene invero dalla filosofia morso e dolente.
Definiz: § II. Neutr. pass. cicatrizzarsi Farsi, Ridursi a cicatrice. –
Esempio: Red. Cons. 1, 233: Presto ritorna [il tumore], e questo non può più cicatrizzarsi.
Definiz: § III. E in forma di Neutr. Far la cicatrice. –
Esempio: Menz. Pros. 3, 60: Le loro ferite sinuose e profonde nè per balsamo orientale, nè per lunghezza di tempo, non cicatrizzano (qui figuratam.).
Definiz: § IV. E per similit., detto delle piante. –
Esempio: Targ. Viagg. 7, 359: L'albero.... non credo che rincarni o cicatrizzi mai perfettamente, perchè di marzo vi distinsi l'escoriazioni fattevi nell'estate antecedente.