Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
VICENDA
Apri Voce completa

pag.926


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
» VICENDA
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
VICENDA.
Definiz: Contraccambio, ricompensa. Lat. par, hostimentum.
Esempio: Albert. cap... O tu rendi la vicenda, o tu ti rimani d'esser disonore, e sempre ricevere, e niente dare.
Esempio: Amm. ant. Ne con pietosa vicenda, essendo giovani, rendono quello, che da' padri, essendo parvoli, ricevettono.
Definiz: ¶ E per subentramento. L. vicem.
Esempio: Dan. Inf. 7. Necessità la fa esser veloce, Sì spesso vien, chi vicenda consegue.
Esempio: Conv. c. 69. E alle sue difensioni aver vicenda, e fratellanza con le circonvicine Città [cioè commerzio]
Definiz: ¶ Per vece. Lat. vicem.
Esempio: Stor. Pistol. Il magnifico Mess. Pandolfo Malatesta, in nome, e vicenda del popolo di Firenze.
Esempio: Albert. cap. 16. Vicenda, di vero contiene quello, che falsamente si crede.
Definiz: ¶ Per faccenda, affare, fatto in vece d'un'altro.
Esempio: Franc. Sacch. rim. Vadansi a letto quelli, che han vicende D'andar cercando ove sien Salamoni. Lat. negocium.
Esempio: Liv. M. A pregar per colui, per le cui vicende egli s'era fuggito.
Esempio: Lab. n. 53. La clemenza, e la benignità di colui, il quale t'ha in questa vicenda mandato.
Esempio: Bocc. n. 72. 6. In buona verità, ch'io vo infino a Città, per alcuna mia vicenda. Qui, in bocca d'un contadino, per ischerzo.
Definiz: ¶ Per mutazione. Latin. vicissitudo.
Esempio: G. V. 11. 63. 5. E nota, lettore, isvariate vicende, e casi, che fa la fortuna, ec.
Definiz: A vicenda, e Per vicenda avverbj, vedi a' lor luoghi.