Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 465 msec - Sono state trovate 7578 voci

La ricerca è stata rilevata in 45935 forme, per un totale di 38093 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
44937 998 45935 forme
37359 734 38093 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 4° Ed. .
CORROMPIMENTO
Apri Voce completa

pag.831



1) id: b41c83986a374039a09fa4812402c34a)
Esempio: Stor. S. Margh. D. La quale hae servata la mia virginità infino a ora sanza corrompimento.
2) Dizion. 4° Ed. .
DISCOSTO
Apri Voce completa

pag.167



1) id: db26f9c891d44eef828defd4446c0e51)
Esempio: Vit. S. Margh. Discosto alla terra cinque miglia.
3) Dizion. 4° Ed. .
INCAPESTRATO
Apri Voce completa

pag.768



1) id: 041c137288814f5c9ea7f5a2f02933b4)
Esempio: Vit. S. Margh. Vidi quello divoratore abbattuto, e incapestrato.
4) Dizion. 4° Ed. .
REINA.
Apri Voce completa

pag.98



1) id: f28338bd2aeb4b76b5100620c3d9eb16)
Esempio: Vit. S. Margh. 154. Ch'io ti voglio fare Reina.
5) Dizion. 4° Ed. .
PREGIONE.
Apri Voce completa

pag.698



1) id: df269f128c8245799ebf7dfab5715d2e)
Esempio: Vit. S. Margh. 147. Sì la fe mettere in pregione.
6) Dizion. 4° Ed. .
SIGNORE, e SEGNORE
Apri Voce completa

pag.529



1) id: e118b5d5e9e1428591f1870d78fe607f)
Esempio: Vit. S. Margh. 142. Segnori, per Dio ogni uomo m'intenda.


2) id: 06ee7f5b8bf44f909c455715d19db8ba)
Esempio: Vit. S. Margh. 151. Non possono aver ragione Nella Vergine del Segnore.
7) Dizion. 4° Ed. .
IMBOGLIENTATO
Apri Voce completa

pag.722



1) id: 6f07f5491a1e4b4ba7b56d44a9654f1d)
Esempio: Vit. S. Margh. D. Comandò, che fosse recato uno grande vasello d'acqua, e fosse bene imboglientato.
8) Dizion. 4° Ed. .
SOSPENDERE
Apri Voce completa

pag.612



1) id: e8cb333fbc5c4d32b0860acb7d9b93ae)
Esempio: Vit. S. Margh. Spogliatela, e sospendetela, e sì l'accendete con ferri ardenti.


2) id: f2f96490313646f78c2711d6c08b3602)
Esempio: Guicc. stor. 15. 746. Molti ne fece sospendere Giovanni de Medici per punizione d'essersi prima fuggiti da lui.
9) Dizion. 4° Ed. .
LALDARE.
Apri Voce completa

pag.10



1) id: 1aa671bee10848ebae2531aee27762e3)
Esempio: Vit. S. Margh. Fammi, signor mio Giesù Cristo, sempre degnamente laldare te.
10) Dizion. 4° Ed. .
TORMENTATORE
Apri Voce completa

pag.102



1) id: 5c9a3ff7542c46d7880eb3438dbada1e)
Esempio: Vit. S. Margh. Allora dice, che questi tormentatori tormentavan lo corpo suo.
11) Dizion. 4° Ed. .
SCIPARE.
Apri Voce completa

pag.399



1) id: 4b7ac73ec9584516b44d7c7c78a16d47)
Esempio: Vit. S. Margh. Io ho distrutte, e scipate le fatiche di molti giusti.


2) id: f0a38aef00724e59bce01c0ce542176d)
Esempio: Mor. S. Greg. Lo bue concepette, e non si scipóe; la vacca partoríe, e non fu privata del parto suo.
12) Dizion. 4° Ed. .
DOLERE
Apri Voce completa

pag.233



1) id: 203630f68e4a4386858cc96a3cd9d8e6)
Esempio: Vit. S. Margh. Margherita, fortemente dolemo di te, perocchè ti veggiamo ignuda lacerare.
13) Dizion. 4° Ed. .
S
Apri Voce completa

pag.288



2) id: 33a3c871063b4e1aa676f3c639d73991)
Definiz: Lettera di suono veemente, come la R. Posta in composizione co' suoi primitivi ha forza molte volte di privativo, come CALZARE, SCALZARE, MONTARE, SMONTARE. Alle volte d'accrescitivo, come PORCO, SPORCO, MUNTO, SMUNTO. Alle volte di frequentativo, come BATTERE, SBATTERE. Alle volte non opera nulla, valendo lo stesso CAMPARE, e SCAMPARE, BANDITO, e SBANDITO, BEFFARE, e SBEFFARE. Appo di noi ha due varj suoni; il primo più gagliardo, e a noi più familiare, come CASA, ASSE, SPIRITO. L'altro più sottile, o rimesso, usato più di rado, come SPOSA, ROSA, ACCUSA, SDENTATO, SVENATO. In questo secondo suono non si raddoppia giammai, nè anche si pone in principio della parola, se non quando immediatamente ne segue una consonante, come SMERALDO, SDENTATO. Consente dopo di se nel principio della parola tutte le consonanti, salvo la Z. Nel mezzo della parola, e in diversa sillaba riceve dopo di se le medesime consonanti, ma più malagevolmente, e per lo più in composizione, colla preposizione DIS, o MIS, come DISDETTA, MISLEALE; ma col C, P, T s'accoppia frequentemente senza difficultà, come TASCA, CESPUGLIO, PRESTO. Quando è posta avanti al C, F, P, T, si dee pronunziare nel primo modo, cioè col suono più gagliardo, come SCALA, SFORZO, VESPA, STUDIO, CESTO, ma avanti al B, D, G, L, M, N, R, V, si pronunzia col suono più sottile, o rimesso, come SBARRARE, SDEGNO, SGUARDO, SLEGARE, SMANIA, SNELLO, SRADICARE, SVENTURA. Avanti di se ammette la L, N, R in mezzo della dizione, e in diversa sillaba, come FALSO, MENSA, ORSO. Raddoppiasi nel mezzo della parola, come l'altre consonanti, dove lo ricerca il bisogno.
14) Dizion. 4° Ed. .
D
Apri Voce completa

pag.2



2) id: 5b68d5749a9a44e8af96ce9ce76b3a86)
Esempio: Ar. Fur. 35. 4. Che vent'anni principio prima avrebbe, Che coll'M, e col D fosse notato.


3) id: 3e45835e490f43aea9c751792379a105)
Esempio: But. Purg. 33 Nel quale un cinquecento diece, e cinque Messo di Dio anciderà la suia, E quel gigante, che con lei delinque. La lettera D rileva cinquecento, sicchè per questo intende uno D.


4) id: 8b804fdadfc744d1863cca4657307cdb)
Definiz: Lettera, che ha gran parentela colla T, e perciò molte voci latine nel farsi nostrali hanno mutato il T in D, come più dolce di suono, siccome Latro, LADRO: Potestas, PODESTÀ: Litus, LIDO. Ammette dopo di se solamente la R (oltre alle vocali) tanto in principio, quanto in mezzo della dizione, e nella stessa sillaba, con perdere alquanto di suono, come DRAGO, SALAMANDRA. Riceve avanti di se , nel mezzo della parola, ma in diversa sillaba, la L, N, R, S, come GELDRA, BANDO, VERDE, DISDICEVOLE. Ma la S avanti la D si trova di rado in mezzo di parola, e quasi sempre ne' verbi composti dalla particella DIS, come DISDIRE. Nel principio si trova più spesso, come SDEGNO, SDENTATO; e deesi sempre profferire la S, avanti nel secondo suono, e più rimesso, come nella voce ACCUSA, siccome si dice nella lettera S. Raddoppiasi nel mezzo, quando egli occorre, come FREDDO, ADDURRE.
15) Dizion. 4° Ed. .
TERRENAMENTE
Apri Voce completa

pag.65



1) id: 429cc57adf5b4e118d1f958c8f8f3ffb)
Esempio: S. Ag. C. D. Allora intendono terrenamente.
16) Dizion. 4° Ed. .
INCENDERE
Apri Voce completa

pag.771



1) id: 0437692685324f25a75a2a79573d6de7)
Esempio: Vit. S. Margh. D. I carnefici incontanente ebbono le piastre roventi, e tutto incesero il suo tenero, e bellissimo corpo.
17) Dizion. 4° Ed. .
FANCELLO
Apri Voce completa

pag.342



1) id: 3da5e4d7bb1a4e9ead681fe4b6b3e3ac)
Esempio: Vit. S. Margh. Nella casa sua non nasca fancello cieco, nè zoppo, nè sordo.


2) id: a0303f4bb0f140e8a9a7a25a3bcf5113)
Esempio: E Vit. S. Margh. appresso: Sì la mandava a guardar le pecore con esso l'altre fancelle.


3) id: d019a211bf454dc08216570fad1c0884)
Esempio: E Vit. S. Margh. altrove: Credettono in Domeneddio cinque mila uomini, senza le femmine, e senza li fancelli.
18) Dizion. 4° Ed. .
SOPERCHIARE, e SUPERCHIARE
Apri Voce completa

pag.590



1) id: 464544a633e0420dbf8b17bbb377fce4)
Esempio: Vit. S. Margh. 153. Tu, Margherita, mi vincesti ec. E la mia forza soperchiasti.
19) Dizion. 4° Ed. .
SENTENZIARE
Apri Voce completa

pag.476



1) id: 04df45fed1454b77b5c16889f7a8ea70)
Esempio: Vit. S. Margh. 155. E Margherita fue sentenziata, Ch'a lei fosse fatto il simigliante.
20) Dizion. 4° Ed. .
VIA.
Apri Voce completa

pag.263



1) id: c0e0f8097aef4504b8743b6b4c11eaaa)
Esempio: Vit. S. Margh. Via via che ella fu nata, fu ripiena di Spirito Santo.