Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 586 msec - Sono state trovate 29080 voci

La ricerca è stata rilevata in 111042 forme, per un totale di 81161 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
109039 2003 111042 forme
79959 1202 81161 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
180) Dizion. 4° Ed. .
DI FATTO
Apri Voce completa

pag.102



2) id: 556e93fe592c4054b4541d102326017e)
Esempio: Stat. Merc. Possa astrignere, pigliare, e pigliar fare di ragione, e di fatto.


3) id: 019a74cc4ac642b397e9d69e4ca787ef)
Esempio: G. V. 11. 39. 1. Stendea il suo uficio di ragione, e di fatto, a modo di bargello, sopra ogni altra signoría.


4) id: 2d8cfeb099c743969368aefdeb3d9c82)
Esempio: Lasc. rim. Ognun di fatto dice, ch'ella è mia.


5) id: 008e9158f87d4f498aa3a77cd5163e45)
Esempio: Pass. 285. Quando la persona disidera di manifestare alcuno bene, che'ell'abbia, e di fatto il manifesta con diritta ragione, e a buono fine.


6) id: b97b41dbcd3247ab89aad3fbef97aa29)
Esempio: Fr. Giord. Pred. Costui di fatto cadde morto nella piana terra.


7) id: c805584a7380423a8ad88707d394ae97)
Esempio: Stat. Merc. Procedendo contro a loro, e loro beni di fatto.


8) id: 57eef9ab1cd3421aaef43dc9a13d29fb)
Esempio: Maestruzz. 1. 78. Che sarà, se vivendo la moglie, alcuno contrasse di fatto coll'altra?


9) id: b08aba8e298e4a3591db1dd6250f34bb)
Esempio: Libr. Viagg. La quale è avvezza, che di fatto porta le dette lettere, ove debbono essere.


10) id: c0a400b43845406e854e6319f99eed70)
Esempio: Cron. Morell. 280. Di fatto i detti porci cascarono tutti morti su que' cenci istracciati da loro.


11) id: 9e95ae5f03e84fac8a03a44f950afef9)
Esempio: M. V. 9. 87. Furono presi ec. e di fatto, e senza alcun soggiorno tutti furono impiccati.


12) id: 0bd0f190b578468e97bdae1abbe804d5)
Definiz: §. II. Di fatto è anche termine legale, e vale Secondo 'l fatto, o In fatto stesso. Lat. de facto.


13) id: aaff406433d242faa4050d98240f9313)
Esempio: E Passav. 328. A quello, che dicono, che di fatto il diavolo predice le cose innanzi ch'elle sieno ec. dico ec.


14) id: 0f221df333734fffae5cefd460cdec6b)
Esempio: Albert. 2. 48. E più dico, che se quello per ragion far potessi, la qual cosa non concedo, di fatto adempiere non potresti.


15) id: f50f1476549a44ae80cf12b08c2f1ac6)
Esempio: E Passav. 346. Prende podestà, e balía (il diavolo) sopra quelle cotali persone, le quali, se non realmente, e di fatto, almeno secondo la 'ntenzione sono malefici.
181) Dizion. 4° Ed. .
DI FERMO
Apri Voce completa

pag.103



2) id: e22e1f1a82e44afda415589e7f29e0d8)
Definiz: Posto avverbialm. vale Fermamente, Di certo. Lat. certè.


3) id: ea618274811c4a7f8fc9b788a9d0d288)
Esempio: G. V. 9. 304. 2. Consigliavano di porsi a santa Maria a Monte ec. e di fermo era il migliore.


4) id: 7129e4012001465b9a79e7204cafede1)
Esempio: Stor. Pist. 76. Ma perchè nol seppi di fermo, neente ne scrivo.
182) Dizion. 4° Ed. .
DI SÙ.
Apri Voce completa

pag.211



2) id: def8013f438f471b8df1d568dbc7a138)
Esempio: Dant. Inf. 5. Di quà, di là, di su, di giù gli mena.


3) id: d9c2341fb1f04752b1a9756fc0655f07)
Esempio: E Dan. Par. 23. Vidi io così più turbe di splendori Fulgurati di su di raggi ardenti Senza veder principio di fulgore.


4) id: 410f3433175f44f0bed8539f82a0e066)
Esempio: E Dan. Inf. 19. O qual che se', che 'l di su tien di sotto, Anima trista (quì in forza di nome)


5) id: ce84b735e1e74314b262a8d0e913ddb6)
Esempio: Petr. canz. 21. 4. Così di su dalla gonfiata vela Vid'io le 'nsegne di quell'altra vita.


6) id: 35dac8e915494c0aa5c979adbc56ac39)
Esempio: G. V. 6. 58. 1. Partitasi la ben avventurosa oste de' Fiorentini di su 'l contado di Siena.


7) id: d346dd66ce1d432897d057cddb97269e)
Definiz: Lo stesso, che Di sopra; e si pone avverbialm. e talora in forza di preposizione. Lat. super, supernè. Gr. ἄνω, ἄνωθεν.


8) id: ff4b8ca9ebf64e1b9331f7b5b49ce3a0)
Esempio: E Dan. Par. 25. E questi fue Di sulla croce al grande uficio eletto.


9) id: 6b701ff7c24b455cb9c32db9c2259cb7)
Esempio: Bocc. nov. 30. 11. Anzi che di su il letticello si movessero, vel' rimisero.


10) id: 1c37bf97d22a4d1c8c323ce1dd76746e)
Esempio: E G. V. 12. 3. 6. Riducendosi il detto ordinato parlamento in sulla piazza de' priori per confermare i patti di su detti.


11) id: 2dc20eaa708f40e8b6cc834f40ff7339)
Esempio: E G. V. cap. 79. 3. Renderono savio consiglio, che per lo migliore l'oste non procedesse al presente per le ragioni di su dette.
183) Dizion. 4° Ed. .
DI SUBITO.
Apri Voce completa

pag.211



2) id: fc18cd70c73240be9efb4cafd63548e9)
Esempio: Albert. 28. L'amico non è da lodare di subito, nè di soperchio.


3) id: 996f96d2b34a4cb19e9d1eaeced9c2b2)
Esempio: E Pass. 340. Come sarebbe, ec. considerare figure, che si facessono di piombo strutto bogliente gittato di subito nell'acqua fredda.


4) id: d97d60b132e94eb88865a5ed2137a23f)
Esempio: Bocc. nov. 5. 4. Di subito ferventemente la cominciò ad amare.


5) id: e19e43b9ae3e424888ddd1d0e97332cd)
Esempio: Nov. ant. 59. 1. Molte volte adiviene, che l'uomo ne muore di subito.


6) id: cc11d68fc671417eb587e231442cf58f)
Esempio: Petr. son. 52. M'agghiaccio dentro in guisa d'uom, ch'ascolta Novella, che di subito l'accuora.


7) id: 7a477b00193d410683b88fe886dc816a)
Esempio: Stor. Eur. 109. 5. Il che udendo il Re Gormo, sopraffatto da duolo estremo, strinse le pugna, e morì di subito.


8) id: cdac887f468a44e19f1126640b4a9246)
Esempio: Pass. 62. E così partendosi con tutta sua compagnía, anzichè molto fossono dilungati s'aprì di subito la terra, ed inghiottì l'albergo, e l'albergatore.
184) Dizion. 4° Ed. .
DI VER.
Apri Voce completa

pag.218



2) id: cf9b30d42156406c9d63f1dcf9e86e28)
v. DI VERSO §. II.
185) Dizion. 4° Ed. .
DI VERNO
Apri Voce completa

pag.218



2) id: 7fbb50a001344ba4b2e9124a250b5c41)
Esempio: Bocc. nov. 77. tit. Una notte di verno il fa stare sopra la neve ad aspettarsi.
186) Dizion. 4° Ed. .
DI VERO.
Apri Voce completa

pag.218



2) id: 9973c2234e12452d88d102a4f087eac0)
Esempio: Lab. 292. Egli è di vero uscito del sentimento.


3) id: 8961ac5879384bfca6a55bfd9f9a5792)
Esempio: Bocc. nov. 15. 16. Di vero tu cenerai con esso meco.


4) id: 044310bb750f4803b3be7d7a8e9c04d8)
Esempio: G. V. 10. 167. 1. E di vero vi si mandarono bandiere per li Fiorentini.


5) id: 052259c4a2ca454f9d90e90e7ba95290)
Esempio: Cron. Morell. 359. Indugiossi tanto più, che si perdè per ogni fiorino cinquanta di vero.
187) Dizion. 4° Ed. .
DI VERSO.
Apri Voce completa

pag.218



2) id: 76a9f040661246ffbe45bfd90542f723)
Esempio: G. V. 9. 309. 1. Fuggiti in una casa di verso il borgo di Bruggia.


3) id: 798fc3c40d9d4f6fbd4e134d987d5fc1)
Definiz: §. II. Di ver, troncato da Di verso, vale lo stesso. In oggi è della poesia.


4) id: d90ba1546a8647faabaf7d6e287396a1)
Esempio: Dant. Inf. 19. Che dopo lui verrà di più laid'opra Di ver Ponente un pastor senza legge.


5) id: f1dab5d8a0cc4564a7e418db74ec3627)
Esempio: But. Chi viene di verso Bologna a Firenze.


6) id: 6a2ab84bf1fd4aa6837a31d0d56334ec)
Esempio: M. V. 10. 15. E mostrando di andarsene gli Ungheri di verso Ferrara, ec. valicarono Modona, e Reggio.


7) id: c025ac31d14c4561b8ebca7a14efc1da)
Esempio: E Tes. Br. appresso: Di verso Tramontana vi ha un altro, ch'è più di buon'aria, che ha nome Corus.


8) id: 229f16f9f7b14043ac9452c2826d242b)
Esempio: M. Aldobr. P. N. 61. Le cittadi, che sono di verso Oriente elle sono più temperate dell'altre, sicchè i venti d'Occidente, nè di verso mezzo giorno non vi possono ventare.


9) id: 101c029b45184295a4af0e69b8a345e0)
Esempio: Tes. Br. 2. 37. L'altro principale, che viene di verso Ponente, caccia 'l freddo, e 'l verno.


10) id: d3885783ff894de4a8c81e83c6d17796)
Esempio: E M. V. cap. 17. E non potendo in quel paese acquistare se non fame, presono la via di verso la Puglia.
188) Dizion. 4° Ed. .
DI STATE.
Apri Voce completa

pag.206



2) id: 625419c7983c4093980e3db5a342dc7f)
Definiz: Posto avverbialm. vale In tempo di state. Lat. aestivo tempore.


3) id: 4ec42bb5b485436abbb5b53fe7090d30)
Esempio: Bern. rim. 1. Fu a' sette d'Agosto, idest di state.


4) id: 1d8c0be2fe8d4b0d9420478e05a72d71)
Esempio: Bocc. nov. 55. 5. Avvenne, come spesso di state veggiamo avvenire, che una subita piova gli soprapprese.
189) Dizion. 4° Ed. .
DI STRAFORO.
Apri Voce completa

pag.209



2) id: 5f4d00e0398743439b8d9d4c24c15e8b)
Esempio: Fir. rim. 127. E però ordinò 'n un concistoro Un certo di que' buon Papi all'antica, Che non ci lavoraron di straforo, Che la campana sì si benedica.


3) id: 69f51858c187429e88942033572c5ade)
Esempio: Bart. Ben. rim. E cantar con che spillo di straforo M'abbia amor cominciato a lavorare.


4) id: ac5cd93dc15f45f59ba690e1dee53f3d)
Esempio: Bern. Orl. 1. 8. 14. Ma il conte, ch'era esperto, ed avvisato, Lavora di straforo ad ogni mano.
190) Dizion. 4° Ed. .
DI NOTTE
Apri Voce completa

pag.132



2) id: 06a64ff934ba40f29c77acfd41b41dfe)
Esempio: Sen. ben. Varch. 2. 10. Sta saldo a questo modo; nollo scamperesti tu di notte, e al buio?
191) Dizion. 4° Ed. .
DI NOVELLO
Apri Voce completa

pag.132



2) id: be6f13d46ef14ee7af7427187c7aff84)
Esempio: Cr. 9. 80. 2. Tanta è la fecondità di questi quadrupedi ec. che poichè hanno figliato di novello, incontanente son grosse degli altri, i quali hanno nel ventre.


3) id: 9de8cebaa0dd4e34ab5de27a80672806)
Esempio: M. V. 1. 81. Temeano forte del signor di Melano, ch'avea preso di novello la città di Bologna.


4) id: 1d010a89657943fd82223e489f826144)
Definiz: Posto avverbialm. Di nuovo, Di corto. Lat. nuper, paulo ante, recens. Gr. νέον, νεωστί, ἄρτι.


5) id: 5ee801e819d142b88ec894689787d14d)
Esempio: Tes. Br. 4. 6. Egli va suso per le canne, che sono tagliate di novello, tanto che 'l sangue gli esce de' piedi in grande abbondanza.
192) Dizion. 4° Ed. .
DI NUOVO
Apri Voce completa

pag.132



2) id: 6e35ea810aac43d4be72e6ebed0d8eb5)
Esempio: G. V. 12. 8. 13. Del mese di Marzo detto il Duca fece in contado sei Podestadi ec. e i più furono de' grandi, che di nuovo erano stati rubelli rimessi in Firenze di poco.


3) id: 5c8a6570f5f94f0c8d70ce39666e22d5)
Esempio: Dant. Purg. 22. Tacevansi amendue già li poeti Di nuovo attenti.


4) id: d2753ebc687d4194b5aac434af05dfe2)
Esempio: G. V. 11. 39. tit. I Fiorentini crearono di nuovo l'uficio del conservadore.


5) id: b2a77e06c2b447fe93cfc9b39feed399)
Definiz: §. II. Per Di fresco, Poco fa. Lat. recens, nuper, paulo ante. Gr. νεωστί.


6) id: 12a79ba1e80941a99718289dd46290cf)
Esempio: Bocc. nov. 23. 17. E di nuovo ingiuriosamente, e crucciato parlandogli, il riprese molto.


7) id: 1ff0dfdcf0274cf9a3da8fec6d4e9917)
Esempio: Bocc. nov. 98. 35. E questo non è miracolo, nè cosa, che di nuovo avvenga.


8) id: dcb4198560cf42b898645436ddaa4502)
Esempio: E Fiamm. 65. Le lagrime, i giuramenti, e le promissioni de' giovani non sono ora di nuovo arra di futuro inganno alle donne. Essi fanno generalmente prima far queste cose, che amare.


9) id: 8a9e676c019e4f65b4a731072a44be33)
Esempio: E Fiamm. 55. Li fiumi non apparano ora di nuovo a far queste ingiurie a' camminanti, nè a tranghiottire gli uomini.


10) id: bf8f832ce6bc49bab87529d8bc83e625)
Esempio: Fiamm. 3. 17. Esso siccome in ciò esperto conosce quanto fatica sia il disporre una donna, che di nuovo piaccia, a farsi amare.
193) Dizion. 4° Ed. .
DI PARI
Apri Voce completa

pag.134



2) id: ed79ece525d74f4c9960c625284712b0)
Definiz: §. Andar di pari, vale Andar del pari, Uguagliarsi. Lat. aequiparari. Gr. ἰσοῦσθαι.


3) id: 7158c4f061564aef92853453dbaf2df6)
Esempio: Dant. Purg. 12. Di pari, come buoi, che vanno a giogo, M'andava io con quell'anima carca.


4) id: 23f63a055bd8486395a9af5d36dc581c)
Esempio: Alam. Colt. 5. 132. Ch'andar la face Altera oggi di pari al Tebro, e 'l Xanto.
194) Dizion. 4° Ed. .
DI PAROLA
Apri Voce completa

pag.134

195) Dizion. 4° Ed. .
DI PESO
Apri Voce completa

pag.135



2) id: aa6e985498354e5ebd58596bc97ab403)
Esempio: Bern. rim. 81. E guarda, se i ducati son di peso.


3) id: 2ef3ac1668464eceb6cbe3d3b3c2ab76)
Esempio: Bern. rim. 17. Notate quì, ch'io metto questo esempio Levato dall'Eneida di peso.


4) id: 57fddfb8e7b8457c87337daba6b48a76)
Definiz: §. I. Per similit. Levare di peso, e Rubar di peso, si dice quand'altri si vale interamente de' concetti, e de' componimenti altrui. Lat. plagiarium esse. Gr. ἀνδραποδιστὴν εἶναι.


5) id: 131297f6189940ddbd991e7693d19b22)
Esempio: Fir. Luc. 5. 5. Il padrone n'è portato di peso da non so che canaglia.


6) id: 18de2d0f1cf24030a1bcddff82abd519)
Esempio: Bocc. nov. 79. 36. Poscia presala di peso, credo, ch'io la portassi presso a una balestrata.


7) id: 3b535bf0a9354c4899b712bc8183d442)
Esempio: Ciriff. Calv. 3. 87. Così ne fu portato alla marina Di peso, com'un cero, e messo in nave.


8) id: b863c02c7f3544de820bbf745ebae831)
Esempio: Bern. Orl. 2. 3. 54. Che sarai come gli altri anche tu preso, Ed al serpente portato di peso.


9) id: 692cf89bcb6f45c7821ecc9b5c9a0d19)
Definiz: §. II. Moneta di peso, vale Quella, che niente cala del suo legittimo peso. Lat. iusta moneta. Gr. ἄρτιον νόμισμα.


10) id: e9ecb369b01f4c8facfc6b7bdb99f8af)
Esempio: Cavalc. med. cuor. 2. 24. Deesi dunque ec. discretamente considerare ogni pensiero, al modo, che si considera la moneta dal banchiero, cioè ec. se ha debito peso, perocchè 'l pensiero, a modo del danaio può esser falso, cioè reo, ma colorito di bene. Può avere mala specie, e intenzione, ed essere non di peso, cioè non sufficiente, e perfetto bene.
196) Dizion. 4° Ed. .
DI PIANO
Apri Voce completa

pag.135



2) id: e99aadbde28e4679a7112986df5e0a23)
Esempio: Varch. stor. 11. Il quale di piano, e di cheto ne lo cavò, e la fece condurre ec.


3) id: 537ae183cfd24859922fe30551764b0a)
Esempio: Dant. Inf. 22. Denar si tolse, e lasciógli di piano, Siccom'e' dice.
197) Dizion. 4° Ed. .
DI PIATTO
Apri Voce completa

pag.135



2) id: c53f24eccbd34742bb6ec3851270dc23)
Definiz: §. L'usiamo anche per Di nascoso. Lat. clam. Gr. κρύφα.


3) id: b6217a66772649c2b470df63fd4f4434)
Esempio: Morg. 7. 84. Ma col battaglio non dava di piatto.


4) id: 8ac425122d5f4e2998137d905ccf8e2c)
Esempio: Franc. Sacch. nov. 138. Viva Buonanno; e dagli una buona di piatto.


5) id: cd12309d03614422b6c2de90dd52e8cd)
Esempio: Ar. Fur. 27. 106. Ma quel, che più fiate, e più di piatto Con lei fu ec.


6) id: e28e0351b6eb4839899fc28a00bcb01a)
Esempio: Bern. Orl. 2. 17. 31. Che tra gli armeggiatori era fermato, Che si menasser le spade di piatto.


7) id: 7af94e5f369d441aa2d1f03add37fd4c)
Esempio: Malm. 1. 11. Sta cheto, e con due man di piatto Batte la spada sopra ad una cassa.


8) id: b49cee46bcab4c679c4688215658bd3b)
Esempio: Ambr. Bern. 2. 3. Talor ci dà ad intendere D'ir fuori, e poi di piatto usa nascondersi O sotto scala, o nel necessario.
198) Dizion. 4° Ed. .
DI PIATTONE
Apri Voce completa

pag.135



2) id: f0754efd96ca4c4e8e09c260f36b6465)
Esempio: Bern. Orl. 2. 7. 26. E come volle Iddio nol giunse in piena Di taglio, ma lo colse di piattone.


3) id: ee873d2a935248efb111e77a72e9f1b9)
Definiz: Posto avverbialm. vale lo stesso, che Di piatto nel primo signific.
199) Dizion. 4° Ed. .
DI PIGLIO
Apri Voce completa

pag.135



2) id: 2ad2d572d57b4cd0a38199280fbb6c52)
Esempio: Franc. Sacch. rim. Ch'a questa vecchia voi diate di piglio.


3) id: f6e88d93f9c3443bbf5424f6e9071644)
Definiz: Posto avverbialm. col verbo Dare, vale Pigliare; e dinota un non so che di prestezza, e di violenza. Lat. arripere. Gr. προσαρπάζειν.


4) id: 667f16ac409845b5a28ee65deebe911b)
Esempio: Dant. Inf. 12. Ei son tiranni, Che dier nel sangue, e nell'aver di piglio.


5) id: 503020d7e79a4563b32641154110b992)
Esempio: Rim. ant. inc. 123. Dicendo, vedi allegro dar di piglio Dentro a quel labro sottile, e vermiglio.


6) id: 6943f29841ed435f88d0804c333bf7e7)
Esempio: Pass. prol. Conviene, che sieno molto accorti a dar di piglio, e a fortemente tenere alcuna tavola, o legno della rotta nave.