Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 830 msec - Sono state trovate 29080 voci

La ricerca è stata rilevata in 111042 forme, per un totale di 81161 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
109039 2003 111042 forme
79959 1202 81161 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
140) Dizion. 4° Ed. .
GAVOTTA.
Apri Voce completa

pag.578



1) id: 766ca2cff8dd4e83a3f5f3552f22bf9b)
Definiz: Spezie di pesce di mare.


2) id: 2fa29f27855045b08afe11d38de7c576)
Esempio: Red. Oss. an. 176. Altri nuotatoi son distinti in tre cavità, o ventri, come quelli della tinca di mare, della gavotta, e del pesce chiamato organo.
141) Dizion. 4° Ed. .
ROMBOIDALE.
Apri Voce completa

pag.261



1) id: fbc3b9a8249e47e0aafc53f83d4cf749)
Definiz: Add. Di figura di romboide.


2) id: 81362c69fc91496aa663858b41d9f0df)
Esempio: E Red. Ins. 101. Nel ventre inferiore son più tronchi, e di figura romboidale.
142) Dizion. 4° Ed. .
GINNETTO
Apri Voce completa

pag.606



1) id: a4ac78838e984703b598c152ed720c66)
Definiz: Sorta di cavallo di Spagna.
143) Dizion. 4° Ed. .
GIULÈ.
Apri Voce completa

pag.623



1) id: 832b530844a54986a4dfcfe8c9b84d1d)
Definiz: Sorta di giuoco di carte.


2) id: 12d44c81a9ee4ce5aaa9707ed14cb25e)
Esempio: E Tanc. 4. 6. Ch'io non vo' stare a dir di que' festini, Di que' giulè sino alle sette, e l'otto.
144) Dizion. 4° Ed. .
PIFFERONE.
Apri Voce completa

pag.619



1) id: 8ea234701efa4ba2a85b47fa6bf37272)
Definiz: Sorta di Strumento di fiato.


2) id: d51da1f6dfef48f59dc6885b0bce2141)
Esempio: Ciriff. Calv. 2. 70. Sentivasi in un tratto tante strida, E squilli di trombetti, e pifferoni, Che par, che l'aria, e 'l ciel s'apra, e divida.
145) Dizion. 4° Ed. .
RABICANO.
Apri Voce completa

pag.30



1) id: a602386342f04a2f87ebc6af8f69ec30)
Definiz: Sorta di Mantello di cavallo.


2) id: 1499eea56fe342c6b27b4f56c3771d87)
Esempio: Buon. Fier. 2. 3. 4. Ma per dir de' mantelli, Cavezze assai di moro, e rabicani Giudicai la più parte.
146) Dizion. 4° Ed. .
DI POI, e DI PO'
Apri Voce completa

pag.136



2) id: a2b2714b15ad4393a40cc6bd3b420767)
Esempio: Nov. ant. 2. 3. Di po' non molti giorni lo Re si pensò di non esser legittimo.


3) id: 2a67701feaf64575a96e06880118b9fa)
Esempio: Albert. 2. Di po' la dottrina ti dissi, che era mestiere lo favellare.


4) id: 2ea543fea6734e4ca10a89e9bb46b4ce)
Esempio: E Albert. appresso: Perciocchè sopra tutte l'altre cose di po' Dio, la veritade è da coltivare, e da riverire.


5) id: 4dc80590e9284a60b1bf817a4ef3e204)
Esempio: E Albert. 38. Come disse santo Agostino nel sermone suo, che si legge nella sesta feria di poi la Pentecoste.
147) Dizion. 4° Ed. .
DI CONTRA, e DI CONTRO
Apri Voce completa

pag.99



2) id: c6b41414b75b46f6b18ab78d470cbdb8)
Esempio: G. V. 7. 7. 2. Giunse ad ora di mezzogiorno appiè di Benivento alla valle di contro alla città.


3) id: 344223035a914ce9a8ed7d3efae87aaa)
Esempio: E G. V. 11. 139. 4. E se 'l capitano fosse almeno isceso al piano di contro al Prato di Lucca, si fornía allora la terra per forza.


4) id: daee9295850640fb8800e67d4285320c)
Esempio: Dant. Purg. 10. Di contra effigiata ad una vista D'un gran palazzo Micol ammirava.


5) id: f45dd1a87dd9441f95531d788d622bf3)
Esempio: E Dan. Purg. 14. Folgore parve, quando l'aer fende, Voce, che giunse di contra, dicendo.
148) Dizion. 4° Ed. .
RASCIA.
Apri Voce completa

pag.72



1) id: 9454590e7977409cab85cb9ed96f6abd)
Definiz: Spezie di panno di lana.


2) id: 33f684d03b7e48df9445939062706c21)
Esempio: Varch. stor. 9. 265. Con una berretta di panno nero in capo, o di rascia leggerissimamente soppannata.


3) id: 87703ce542b7457a80ab0026c9616671)
Esempio: Cecch. Spir. 3. 2. Dodici braccia di rascia?
149) Dizion. 4° Ed. .
DI NECESSITÀ, e DI NICESSITÀ
Apri Voce completa

pag.130



2) id: 057a236781bf409b933a67758ec3cd40)
Esempio: Maestruzz. 1. 6. Ma se egli nol puote avere (il prete) allora se di necessità è di comunicare, o di celebrare, per lo scandolo del popolo ec. non pecca, se si comunica, o dice messa.


3) id: 8502a7316b914ff3815047c77f349d86)
Esempio: E G. V. 12. 40. 4. Questo non diciamo fia di necessità, ma fia il più, e 'l meno al piacere di Dio.


4) id: 124d4e15f4ef43faa6534956e333df96)
Esempio: Bocc. nov. 77. 46. Nè guari di tempo era ad andare, che di necessità, se questo avvenuto non fosse, ti conveniva in uno incappare.


5) id: a100dfb4168c461ebaa7f5e9d9714fef)
Esempio: G. V. 2. 17. 2. Di necessità da' baroni fu disposto dello 'mperio, e del reame.


6) id: 35d1fb6cdb7c4fc5ac09455375a02957)
Esempio: Dant. Purg. 30. Quando mi volsi al suon del nome mio, Che di necessità quì si registra.


7) id: f537764afd3842d3b383dcc1a1e87f85)
Esempio: Pass. 332. Può il diavolo provocare, tentando, e incitando la volontà dell'uomo, ma non di necessità inchinarla.
150) Dizion. 4° Ed. .
DI RETRO, e DI RIETRO,
Apri Voce completa

pag.141



2) id: 4d07e836565741a38c7b1842caad96d1)
Esempio: E Dan. Inf. 13. Di rietro a loro era la selva piena Di nere cagne bramose, e correnti.


3) id: 0709f6eabd3d4627857f83990bc64723)
Esempio: Bern. rim. 63. Che fa chi suona gli organi di dreto.


4) id: ea186ba0f0c04106a99450960da08a44)
Esempio: E Conv. 107. Dico, che pensai, che da molti, che di retro da me forse sarei stato ripreso di levezza d'animo, udendo me essere dal primo amore mutato.


5) id: ad5d722e35e94cc6bb0b11f613d3bd1e)
Definiz: che nell'uso si dice anche DI DRETO, e DI DRIETO, del che v. Salv. avvert. 1. 2. 16. Preposiz. e vale lo stesso, che Di dietro; e al terzo caso si congiugne comunemente, benchè pur col sesto se ne leggano esempli. Lat. retro, retrorsum. Gr. ὄπισθεν.


6) id: dd994d8dbcb04ba58901511911508796)
Esempio: E Dan. Purg. 10. Perch'io mi mossi col viso, e vedea Di retro da Maria per quella costa.


7) id: 7bfc12637fe54600952081fa4fa40242)
Esempio: E Dan. Inf. 14. Poi disse: omai è tempo da scostarsi Dal bosco, fa, che di retro a me vegne.


8) id: a95c11b1fc73403cb707124f9ef61518)
Esempio: E Dan. Purg. 29. Poi vidi quattro in umile paruta, E di retro da tutti un veglio solo Venir dormendo colla faccia arguta.


9) id: 7ad9c7bcb5c7492aa285dac5e7a9e245)
Esempio: Dant. Inf. 11. Questo modo di retro par, che uccida Pur lo vincol d'amor, che fa natura (quì in forza d'add. e vale: quest'ultimo modo)
151) Dizion. 4° Ed. .
DI FUORI, e DI FUORE
Apri Voce completa

pag.108



2) id: 647b06644e7b468b895933033cb054b0)
Definiz: §. III. Di furi, in vece di Di fuori, il disse in rima


3) id: 4dba555e6d294def9723732acb220113)
Esempio: Dant. Inf. 12. Po' vidi genti, che di fuor di rio Tenean la testa.


4) id: 580b905edcee4a2d88ddb273be92f007)
Definiz: §. IV. Per proprietà di linguaggio, si dice Essere di fuori, Andare ec. di fuori, e vale Fuor della città, o della terra murata. Lat. rusticari.


5) id: f42fd676a7814a069fccc2f2f3b5c4b0)
Esempio: Petr. son. 9. E non pur quel, che s'apre a noi di fuore, Le rive, e i colli di fioretti adorna.


6) id: 2b2291718b9e4925b3030e8d087f75bb)
Esempio: E Bocc. nov. 4. 12. Onestamente miser la giovinetta di fuori.


7) id: 2db9894a7cf24f449f288af21901e05f)
Definiz: §. II. E in forza di sust. vale Banda, o Parte esteriore.


8) id: 4a64403ff85844a9a807092dcfa59eb5)
Esempio: Com. Inf. 24. Questi fossi dalla parte del di fuori, son più certi.


9) id: fb11dba0850846b0a334375ee4cfa3df)
Esempio: Tes. Br. 5. 17. Lo Re la fa cacciare di fuori da lor magione.


10) id: 6c8a1ec0e456426bb46d9ae5a50be653)
Esempio: Sen. ben. Varch. 4. 11. Non donerò a uno, il quale sia per istar sempre di fuori.


11) id: 3a4d146a2aad45a684558450b7dd0d09)
Esempio: E Dan. Purg. Or le bagna la pioggia, e muove il vento Di fuor dal regno quasi lungo 'l verde.


12) id: c528f10e2a754988b3c55f81eac20c85)
Esempio: Pass. 190. Amare Dio con tutta la mente è, che tutti i sentimenti e que' d'entro, e que' di fuori intendano a Dio.


13) id: 1a04ab0b16fa4bd7b0a1eed5fd9ecc66)
Esempio: Dant. Purg. 19. Se voi venite dal giacer sicuri, E volete trovar la via più tosto, le vostre destre sien sempre di furi.


14) id: 79ec23a79c3045e4985a1a5bdd627c91)
Esempio: Fiamm. 1. 29. Quel, che fuori non s'esprimeva, il cuor lo 'ntendeva seco, in se ritenendo quel, che se di fuori fosse andato, forse libera ancor sarei.


15) id: 16be44cbb753414eacf04b6fe2f0e72d)
Esempio: Maestruzz. 2. 1. Il micidio, il quale è contro alla sustanza dell'uomo, è più grave, che non è quello, che è contro alle cose di fuori, siccome il furto.


16) id: 54a7f45eee77450f916342364d9b32b9)
Esempio: Bocc. introd. 54. E ciascuno generalmente, per quanto egli avrà cara la nostra grazia, vogliamo, e comandiamo, che si guardi ec. niuna novella, altro che lieta, ci rechi di fuori.
152) Dizion. 4° Ed. .
PICCHETTO.
Apri Voce completa

pag.606



1) id: bd9dff7166434be2ab2734bb2c8c5b41)
Definiz: Sorta di Giuoco di data.
153) Dizion. 4° Ed. .
PRIMIERA.
Apri Voce completa

pag.720



1) id: 1434bfa8869f48d59121ece403d5a4a6)
Definiz: Sorta di Giuoco di carte.


2) id: 25e0c499b3d049e595d9edc6792e6e0c)
Definiz: §. Primiera, si dicono anche Quattro carte di quattro semi.
154) Dizion. 4° Ed. .
STERPIGNO
Apri Voce completa

pag.740



1) id: 81ca93acfd624f57a36649ebabc28e4d)
Definiz: Add. Di natura di sterpo.
155) Dizion. 4° Ed. .
QUADRANGOLARE.
Apri Voce completa

pag.3



1) id: 2a7d852677d84b3bb3a7f71ec70afa1c)
Definiz: Add. Di figura di quadrangolo.


2) id: ff65e1c79448452984ba3f7fa557ca61)
Esempio: Fr. Giord. Pred. R. Fabbricata di pietre quadrangolari.
156) Dizion. 4° Ed. .
SPINELLO.
Apri Voce completa

pag.670



1) id: 8ea083bd5f3d4906bd8dbb8367f6be8d)
Definiz: Spezie di Pesce di mare.
157) Dizion. 4° Ed. .
ARSELLA
Apri Voce completa

pag.275



1) id: b5d5b97d1a7e480aa18902cecae45a9b)
Definiz: Spezie di conchiglia di mare.


2) id: c89b478383184bfea3ab6b6f942eb138)
Esempio: E Red. Ins. Gamberi di mare, e di fiume, granchi, ed arselle sgusciate.
158) Dizion. 4° Ed. .
CORNIOLETTO
Apri Voce completa

pag.820



1) id: 3d3783012aff420d8287e1990f84d8e2)
Definiz: Spezie di pesce di mare.
159) Dizion. 4° Ed. .
VERBALE.
Apri Voce completa

pag.236



1) id: d2bfd4d57bcd4c8ba24bd82197414910)
Definiz: Add. Di verbo, Di parola.


2) id: d62068077e26431da79430726c5619df)
Definiz: §. Verbale, è anche termine grammaticale, ed è aggiunto di Nome dependente dal verbo, e formato dal verbo.