Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 791 msec - Sono state trovate 29517 voci

La ricerca è stata rilevata in 136550 forme, per un totale di 105614 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
132793 3757 136550 forme
103276 2338 105614 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
160) Dizion. 4° Ed. .
SCAMBIEVOLMENTE.
Apri Voce completa

pag.356



1) id: 9ea3410582fb42e8b4558c71ecace459)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 372. Quivi è la fede degli amorosi baci atti a far passar le anime scambievolmente ne' corpi l'uno dell'altro.


2) id: 94ceb19cc73740668ef2e5c9b6ad080e)
Esempio: Red. Oss. an. 38. Quei membri ciondolando fuor del corpo scambievolmente si divincolano, e si scontorcono ec.
161) Dizion. 4° Ed. .
GRAZIATO
Apri Voce completa

pag.669



1) id: 424990c2b0374e049d6d806bbd2fdf6e)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 423. Simili al primo son quelle donne, che hanno la gola lunga, e svelta, le spalle larghe, e graziate.


2) id: 0c9a0ef10e6047debb2cae6e389a07b5)
Esempio: Varch. Suoc. 1. 1. Mai non vidi nè la più bella fanciulla, nè la più graziata di questa.
162) Dizion. 4° Ed. .
PUDICAMENTE.
Apri Voce completa

pag.764



1) id: d342cd229eb546b1b259d543dba3fb6c)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 352. Finalmente sono tutte quelle, che veggiono volentieri la faccia dell'uomo, pudicamente però, e secondochè permettono le sante leggi.
163) Dizion. 4° Ed. .
LEZIO.
Apri Voce completa

pag.60



1) id: 55d66a4400aa401a80c9354873451306)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 414. Mordesi talora il labbro di sotto non affettatamente, ma quasi per inavvertenza, che non paressero attucci, o lezj.


2) id: e760c2e186bb49d09336044fbe6c8c4b)
Esempio: Segr. Fior. Mandr. 4. 8. Quanti lezj ha fatto questa mia pazza.


3) id: c820fe3730f5415aa29899b4de68d797)
Esempio: Red. Vip. 1. 61. Per levare una certa ubbía a quelle volgari donnicciuole ec. le quali come troppo casose ec. erano solite forse di fare grand'atti, e gran lezj.
164) Dizion. 4° Ed. .
DIGNITÀ, DIGNITADE, e DIGNITATE
Apri Voce completa

pag.112



1) id: def2f62171bb4b7ea9c9e991a2b38502)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 385. La dignità nell'uomo non è altro, che un aspetto pieno di vera nobiltà, pieno di riverenzia, e d'ammirazione.
165) Dizion. 4° Ed. .
SCARSETTO
Apri Voce completa

pag.368



1) id: e5810aa049ca4190bf39f013f65d051f)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 424. La gamba ci darà Selvaggia lunga, scarsetta, e schietta nelle parti da basso (cioè: non troppo grossa, scarza)
166) Dizion. 4° Ed. .
SOPRASSALTO
Apri Voce completa

pag.601



1) id: f4bddf8500e540d9b48898b78972d523)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 412. Desidera con un segno di rivoltura mostrarla distinta con un poco quasi di soprassalto colorito, ma non rosso.
167) Dizion. 4° Ed. .
AGGREGAMENTO.
Apri Voce completa

pag.91



1) id: ba97061ea75a4211a9924f117a40dc67)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 346. Quel vocabolo importa, un certo ordine dolce, e pieno di garbo, e quasi vuol dire un attillato aggregamento.
168) Dizion. 4° Ed. .
VERGHEGGIATO
Apri Voce completa

pag.240



1) id: de3fd06f6c4e4bab94c7517868a7bf45)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 404. Le palpebre quando son bianche, e vergheggiate con certe venuzze vermigliette, fanno grande aiuto alla universal bellezza dell'occhio.


2) id: 7b72a94e171442a2b52b5754c8fc6b85)
Esempio: Franc. Sacch. nov. 140. Andaronsene così vergheggiati, chi sciancato, e chi col viso enfiato, e chi col braccio guasto.
169) Dizion. 4° Ed. .
ALLA MANO.
Apri Voce completa

pag.119



1) id: 0f63382a67624431a2d1b0f1b5d1f35a)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 337. Uomo d'assai buone lettere, persona di qualche giudizio, molto alla mano, e molto accomodato alle voglie degli amici.
170) Dizion. 4° Ed. .
SPROFONDARE
Apri Voce completa

pag.686



1) id: ed79832c782943bfa432d9b4d5c110f1)
Esempio: Fir. Luc. 2. 2. Io vorrei volentieri, che quella casa sprofondasse.


2) id: 7f5f8b350e3d49eba2ab9de440cb78ff)
Esempio: Buon. Fier. 4. 4. 12. Sicch'ogni mercante ec. Si contrista, e si duol, piange, e s'adira D'essere sprofondato.


3) id: e963e8b1ab55405cbeb3522fa52dab9f)
Esempio: Bern. Orl. 2. 7. 18. Ma colla spada la spezza, e sprofonda.


4) id: 010eecdfb5444e0c920c6b25116ab971)
Esempio: Buon. Fier. 1. 5. 2. I pazzi oggi hanno a dominare: i pazzi Guastare, e portar via l'altrui fatiche, E le sostanze altrui, E 'l tutto sprofondar, far ogni male.


5) id: f491eb1f625b4691a06844d26efdda01)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 21. Io sarò buono a rappaciarvi colla gente Germanna, ove ella voglia anzi pentirsi, che sprofondare.
171) Dizion. 4° Ed. .
INGABBIATO
Apri Voce completa

pag.827



1) id: fb37fbb13ce847a2917fc751f14181ea)
Esempio: Fir. disc. an. 8. Come ben parse lo sparviere alla ingabbiata quaglia.


2) id: 3a3b677a2df44046b3febba9566a5ed4)
Esempio: Buon. Fier. 3. 1. 8. Femmina, che così a quel mo' ingabbiata Non serva di zimbel a tal brigata.
172) Dizion. 4° Ed. .
BERTEGGIARE
Apri Voce completa

pag.422



1) id: 38bccf585ff94bd9bebeb3436b8b9c3f)
Esempio: Fir. Trin. 2. 5. Berteggia, ch'ella ti va a vanga.


2) id: ddbb744b8e3d46ea81f57e7b9dcf3280)
Esempio: E Luc. 3. 2. Berteggiami pur bene. L. Io non vi berteggio; sì voi berteggiate me a dir, ch'io v'abbia veduto altra volta.


3) id: bb47d73e200a42a98b61e9b3d3230566)
Esempio: Ambr. Cof. 1. 4. Colla quale m'è lecito ec. Ciarlare, e berteggiare.


4) id: d7e16c61a15c48a4b5b27428152070ce)
Esempio: Segr. Fior. Cliz. 3. 4. Io veggo mogliema, che torna; io la voglio un poco berteggiare.
173) Dizion. 4° Ed. .
AUDACEMENTE
Apri Voce completa

pag.329



1) id: fd1a68ca9afa49558c4e036eae4f538e)
Esempio: Fir. lett. Don. Pr. 331. Rispondete loro audacemente quello, che io uso di dire tutto 'l dì.


2) id: 711d811747f2429189fa2a9ec6f539bc)
Esempio: E As. 145. Taglia audacemente 'l capo al velenoso serpente.
174) Dizion. 4° Ed. .
IN TUTTO IN TUTTO
Apri Voce completa

pag.900



1) id: cd971457e09c4a30ba2697dd2343632a)
Esempio: Fir. Trin. 2. 4. Che vuo' tu in tutto in tutto?


2) id: cfbd34a3d39349989de3a2a6ebb0fc79)
Esempio: Cecch. Dot. 4. 2. E in tutto in tutto a che riuscirà questa tua cosa?
175) Dizion. 4° Ed. .
DIPANARE
Apri Voce completa

pag.134



1) id: 16c2421124de454abca2a92768193b16)
Esempio: Fir. rim. burl. 117. Dipana, e annaspa per sette persone.


2) id: ddb2c9353af940809d3e12a9e326a383)
Esempio: Buon. Fier. 2. 3. 9. Lasciar le madri, e le suocere sole In casa a dipanare, e a cucire.
176) Dizion. 4° Ed. .
POCCIONE.
Apri Voce completa

pag.642



1) id: 4b2789f552704ce58e79b61e85086cb3)
Esempio: Fir. rim. 115. Lucon quei duo' poccion, come duo ampolle.
177) Dizion. 4° Ed. .
BOCCALACCIO
Apri Voce completa

pag.442



1) id: f46108819a8e412d8596120eba2e3f75)
Esempio: Fir. rim. burl. Con un gran boccalaccio pien di vino.
178) Dizion. 4° Ed. .
PROSCENIO.
Apri Voce completa

pag.750



1) id: 1ee666b5cf91410da4f29d221733b12d)
Esempio: Fir. rim. 77. Giunge al proscenio Della neggra tragedia l'istrione.


2) id: 073c2960e5b84fd881d319f2cd4d3417)
Esempio: E Fir. rim. 78. Salito ch'ebbe il misero istrione Il tragico proscenio.
179) Dizion. 4° Ed. .
ELEGANZA, e ELEGANZIA.
Apri Voce completa

pag.274



1) id: db29978e976844f1bd2565a05d23ad77)
Esempio: Fir. lett. lod. donn. 120. Vedete l'eleganza della Rodiana Erinna far più fiate concorrenza col duca, e maestro di tutti i poeti.


2) id: 5dc8873ca5f64620827079494cb23154)
Esempio: E Fir. Rag. 134. Piaceva loro quella novità del parlare Romano, che ella mescolato col Fiorentino usava con una naturale eleganzia.