Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 578 msec - Sono state trovate 21321 voci

La ricerca è stata rilevata in 76267 forme, per un totale di 54098 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
74240 2027 76267 forme
52919 1179 54098 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
120) Dizion. 4° Ed. .
A GOCCIA A GOCCIA.
Apri Voce completa

pag.98



2) id: b73a30634a6b438296377f8bf7c99e18)
Esempio: Ar. Fur. 23. 133. L'umor, che vorria uscir tanto s'affretta ec. Ch'a goccia a goccia fuori esce, a fatica.


3) id: be1351e52a0e42b39522637feb997237)
Esempio: Dant. Purg. 20. Che la gente, che fonde a goccia a goccia Per gli occhi il mal, che tutto il Mondo occupa, Dall'altra parte infuor troppo s'approccia.
121) Dizion. 4° Ed. .
A GRADO A GRADO.
Apri Voce completa

pag.98



2) id: 1fa8f502305d4861a7b0b51bc59a6ec8)
Esempio: Cr. 4. 9. 4. E a grado a grado quelle (viti) che piuttosto si maturano, prima riporre.
122) Dizion. 4° Ed. .
A MUTA A MUTA.
Apri Voce completa

pag.167



2) id: 4ab47ff87a5049d2850c9fdb6ac584d7)
Esempio: But. A muta a muta, cioè scambiandogli a brigata a brigata.


3) id: fb92ab3c05464a22b7c84938059f3f51)
Esempio: Dant. Inf. 14. O s'egli stanchi gli altri a muta a muta In Mongibello alla fucina negra.


4) id: e0061cc329fd466abb610064e4a09f92)
Definiz: Posto avverbialm. vale lo stesso, che A muta.
123) Dizion. 4° Ed. .
A PIÙ A PIÙ
Apri Voce completa

pag.220



2) id: 4c10973f205a4e71b7a75d393dcbf0ac)
Esempio: Dant. Inf. 12. Così a più a più si facea basso Quel sangue sì, che copria pur li piedi.


3) id: 9a94c12ac4084650bc031f61499985f8)
Esempio: E Dan. Inf. appresso: Disse 'l Centauro: voglio che tu credi, Che da quest'altra a più a più giù prema Lo fondo suo, infin che si raggiugne, Ove la tirannia convien, che gema.
124) Dizion. 4° Ed. .
A POCO A POCO
Apri Voce completa

pag.220



2) id: 4eeb7fe620fe4823b13ce38736bded48)
Esempio: Bocc. nov. 77. 32. A poco a poco levò quella scala, che saliva in sul battuto.


3) id: bdab4fdcb25842d5b17c0fc50526aa41)
Esempio: Dant. Inf. 1. Che venendomi incontro, a poco a poco, Mi ripingeva là, dove 'l Sol tace.


4) id: d3784dcf7d4141418c5eddce4d5de664)
Esempio: E Bocc. canz. 5. 4. Già mi consumo amando, e nel martire Mi sfaccio a poco a poco.


5) id: e661798131fa4f84901eaf3fcceab422)
Esempio: Petr. son. 62. Se bianche non son prima ambe le tempie, Che a poco a poco par, che 'l tempo mischi.
125) Dizion. 4° Ed. .
CONCLUSIONE
Apri Voce completa

pag.744



1) id: 370f9f2311224514940a600b58704b0c)
Esempio: Retor. Tull. M. A. Conclusione è la sesta parte della dicería, la quale si può fare in tre modi.


2) id: 20cc61fc61d540e48f7e4d1301db933c)
Esempio: Bocc. nov. 2. 10. Aspettava dirittamente contraria conclusione a questa.


3) id: 317fe19f67984981bfc88ed38b8319c7)
Esempio: E Bocc. nov. 71. 4. La donna dopo molte novelle, venne a questa conclusione.


4) id: e1081966863547b5a64b423b7caff3ea)
Definiz: §. I. Venire a conclusione, trattandosi d'alcuna operazione, vale Dar fine, Terminare. Lat. absolvere, perficere. Gr. ἀποτελεῖν.


5) id: cb5eaa5896c447d5a00a4193fccbeea7)
Esempio: Cron. Morell. 270. In conclusione recati a questo, di nascondere la roba tua, e 'l guadagno, quanto t'è possibile.
126) Dizion. 4° Ed. .
ATTACCATURA
Apri Voce completa

pag.313



1) id: 7b6e4e1c88aa44c9b0792d73dd780747)
Esempio: Car. lett. 2. 93. Miro sempre volentieri a' sensi, a' numeri, e alle attaccature delle voci.
127) Dizion. 4° Ed. .
CIRCONSPEZIONE.
Apri Voce completa

pag.673



1) id: 74c3902365eb4a6e98024438bb04aebe)
Esempio: Car. lett. 2. 156. A voi s'appartiene più, che a nessun altro, di procedere con circonspezione.
128) Dizion. 4° Ed. .
INSINUAZIONE
Apri Voce completa

pag.864



1) id: e39cf466a2eb49d7ac4bc5efe01ffdaf)
Esempio: Ret. Tull. Strad. Potemo cominciare nostra aringa per infignimento di parole con insinuazione.
129) Dizion. 4° Ed. .
SCALTERIMENTO
Apri Voce completa

pag.353



1) id: 27ffd2a9a95b44159517ec5aa95a731c)
Esempio: Rett. Tull. Si fa per via di scalterimento, e fassi in due modi.


2) id: 3ecb48ce9c154b09b6206e3f2c70e9aa)
Esempio: M. V. 7. 62. Oltre a questo usarono un altro scalterimento.
130) Dizion. 4° Ed. .
PREAMBOLO, e PREAMBULO
Apri Voce completa

pag.689



1) id: ad9bcaac461a4737903a7f2304e0231e)
Esempio: Ret. Tull. Posto di sopra alcuno preambulo ad invitare gli animi degli uditori.
131) Dizion. 4° Ed. .
ARINGA
Apri Voce completa

pag.258



1) id: 04f224334e954c52b5cc4b1dfb232821)
Esempio: Retor. Tull. Se alcuno fa, e compone sua aringa per lodare, ovvero vituperare.


2) id: 2b99dee89f2a4121a30b64341665f4fc)
Esempio: E Retor. Tull. appresso: Potemo incominciare nostra aringa con infignimento di parole, per insinuazione.
132) Dizion. 4° Ed. .
PILLICCIAIO
Apri Voce completa

pag.626



1) id: 6b2055e3c0f04b60af334ed01ecf88e6)
Esempio: Ret. Tull. In questa veggendola un pillicciaio così sbigottita, vennele bellamente di dietro.
133) Dizion. 4° Ed. .
VENEFICO.
Apri Voce completa

pag.222



1) id: 4f627d14dcaf40c3b03b8db38e8b6bca)
Esempio: Ret. Tull. 76. Quando vedeano la femmina lussurriosa, sì l'aveano per venefica incontanente.


2) id: ce235588349b4b2599255da6f6705a4a)
Esempio: Sen. ben. Varch. 5. 13. Come è venefico, ovvero avvelenatore colui, il quale, credendolo tossico, dà a bere ad uno del trebbiano.
134) Dizion. 4° Ed. .
FRUSTO
Apri Voce completa

pag.537



1) id: 359f0fe9061a4a3796008273c9a7b76d)
Definiz: §. A frusto a frusto, posto avverbialm. vale A pezzo a pezzo, A boccone a boccone.


2) id: 1d1748ab50e64cac9a5921c642015fc9)
Esempio: Dant. Par. 6. Mendicando sua vita a frusto a frusto.
135) Dizion. 4° Ed. .
FRIVOLO, e FRIVOLE
Apri Voce completa

pag.532



1) id: 414993dcbe594a65905a601de2cac5ee)
Esempio: Cas. lett. 67. Ed ogni scusa leggieri, e frivola basta a impedirlo.
136) Dizion. 4° Ed. .
EVANGELICAMENTE.
Apri Voce completa

pag.324



1) id: 6ba669febe8c4bd6ae9004839301e904)
Esempio: S. Bern. lett. Non è negato anche a coloro, che vivono evangelicamente.
137) Dizion. 4° Ed. .
ADASTIATO.
Apri Voce completa

pag.53



1) id: 0a9ec73bec8d477888e914daa787f285)
Esempio: Guitt. lett. Posso dire a voi, che me truovo ec. molto adastiato.
138) Dizion. 4° Ed. .
CATENATO.
Apri Voce completa

pag.592



1) id: 1f42105d98b24bd4bd22395cc4c99ed3)
Esempio: Bocc. lett. Pin. Ross. 273. Soggiogata Affrica, catenato menò a Roma Giugurta.
139) Dizion. 4° Ed. .
SATURITÀ, SATURITADE, e SATURITATE
Apri Voce completa

pag.331



1) id: 1ae91e1db84047c495a6e180748aa77a)
Esempio: Cas. lett. 76. Di dieci scudi il mese vi sarebbe a saturità.