Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 720 msec - Sono state trovate 21321 voci

La ricerca è stata rilevata in 76267 forme, per un totale di 54098 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
74240 2027 76267 forme
52919 1179 54098 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
140) Dizion. 4° Ed. .
ASPERSORIO
Apri Voce completa

pag.287



1) id: d8a4751bb1d2421ea17d2959a0d71cfb)
Esempio: Car. lett. 12. 1. Quella, che simiglia a una sferza, è l'aspersorio.
141) Dizion. 4° Ed. .
BENDATO
Apri Voce completa

pag.413



1) id: fffc0a66212c45dabbbd78c074ce28df)
Esempio: Guitt. lett. Isbendate oramai, isbendate vostro bendato viso, voi a voi rendete.


2) id: 0b591c6a6e62444aa83e40e474a3a2a4)
Esempio: Guitt. lett. 16. Onta n'aggia la mia bendata mente.
142) Dizion. 4° Ed. .
REQUISIZIONE.
Apri Voce completa

pag.110



1) id: 533558ecca204b5e8aeb36a74421fa12)
Esempio: Fir. lett. donn. Prat. 330. Un mio dialoghetto, che a' giorni passati io composi a requisizione d'una cosa a me carissima.


2) id: c14d3958c0db46619321d638822b34b8)
Esempio: Red. esp. nat. 39. Alcuni pescatori, essendo a mia requisizione andati alla pesca di questo pesce, ne pigliarono uno.
143) Dizion. 4° Ed. .
INVITATA
Apri Voce completa

pag.910



1) id: 49a7f4d2c0124a609da26bba121834da)
Esempio: Ret. Tull. Questi veggendo il bisogno, e tenendo la 'nvitata, si partiron da lui.
144) Dizion. 4° Ed. .
SCIAMITO
Apri Voce completa

pag.391



1) id: a231ba0ef2b045bdb82cb90f45771009)
Esempio: Rett. Tull. 97. È d'un bello sciamito, e d'un bello drappo ad oro vestito.
145) Dizion. 4° Ed. .
DISAVVEDUTAMENTE
Apri Voce completa

pag.156



1) id: 085c1cee7d4a4ce8bd0c844a2935d538)
Esempio: Retor. Tull. Ma chi disavvedutamente commette peccato, hae cagione molte volte di domandar perdono.
146) Dizion. 4° Ed. .
MANUCARE
Apri Voce completa

pag.164



1) id: c6deb5125caa4397bccf177d80e6925d)
Esempio: Ret. Tull. G. S. Mangiare conviene all'uomo, acciocch'e' viva, e non vivere, acciocch'e' manuchi.
147) Dizion. 4° Ed. .
NIGHITTOSO
Apri Voce completa

pag.344



1) id: ee5a3315d94f40f5bcc8c6ecb3176b60)
Esempio: Ret. Tull. Chi è nighittoso ne' suo' proprj fatti, come sarà rangoloso negli altrui?
148) Dizion. 4° Ed. .
ZELOSAMENTE
Apri Voce completa

pag.357



1) id: cb78936a637b472fafa092043f987a77)
Esempio: Guitt. lett. Zelosamente ti piacerà diportarti.
149) Dizion. 4° Ed. .
ANCORAQUANDO.
Apri Voce completa

pag.170



1) id: 29bd393b2c474dc7a4677387c284fc18)
Esempio: Cas. lett. Ancoraquando fussero negozj pubblici.
150) Dizion. 4° Ed. .
INSTILLARE
Apri Voce completa

pag.867



1) id: 9d48afd3586a4aaa9f4c26fe445be0ca)
Definiz: Infondere a stilla a stilla.


2) id: 76d52620be3f4f81bb83b78d61bad1e3)
Esempio: Petr. son. 111. Come Amor proprio a' suoi seguaci instilla.
151) Dizion. 4° Ed. .
A DIRITTO, e A DRITTO.
Apri Voce completa

pag.62



2) id: a7f488e36d2c4440b474fe9a8b729256)
Esempio: E G. V. 12. 31. 2. Molti ne furono condennati ec. e chi a diritto, e chi a torto.


3) id: 0e8bf4a3d0c044588e772715990d7945)
Esempio: Albert. cart. 192. Tolga Iddio ira, colla quale non puote uomo far cosa nè a diritto, nè a ragione.


4) id: 6baf867436994708bd0e98abd5c9211f)
Esempio: Ar. Fur. 42. 49. Colpi a dritto, e a riverso tira assai, Ma non ne tira alcun, che fera mai.


5) id: d9db9075adfd45508c3fa834cb0e9fd4)
Definiz: §. Per Giustamente, Convenevolmente, A ragione. Lat. iurè, meritò. Gr. δικαίως.


6) id: f5956247d7044292b85597cf0b1bf0f2)
Esempio: G. V. 10. 61. 3. E però è da guardare da offendere chi è in luogotenente di Cristo, nè Santa Chiesa, a diritto, nè a torto.


7) id: cf4578cc9fbf4cf9b62859b003097451)
Esempio: Tes. Br. 2. 35. E la rinchiudesse dentro da se sì egualmente, e sì a diritto, che non toccasse più da una parte, che dall'altra.
152) Dizion. 4° Ed. .
A CHETICHELLI, e A CHETICHELLA.
Apri Voce completa

pag.45



2) id: 42b48e96260040168a5f54d093d693fa)
Esempio: Varch. stor. 15. Per le case si facevano delle ragunate a chetichelli.


3) id: 2083484fe8964275a37d9450fff95841)
Esempio: Malm. 9. 35. Fate, che la cagione almen s'intenda, Ch'a chetichella a questo mo' non vale.
153) Dizion. 4° Ed. .
SCHENCIRE
Apri Voce completa

pag.378



1) id: 0bb2221887a047e899569970f41a3fe4)
Definiz: V. A. Andare a schiancío.
154) Dizion. 4° Ed. .
A SCHIANCÍO, e A SCANCÍO.
Apri Voce completa

pag.282



2) id: 9f846ac7e66644bfaaaf90fc0cadc491)
Esempio: Pallad. Tagliandolo a schiancío in giù dall'una parte, salvo il midollo.


3) id: 2decfec34abc4adb811f4b13a6d12ef1)
Esempio: Cr. 5. 51. 3. Le sue pertiche ec. si ricidano ritondamente, o almeno non molto a schiancío.


4) id: f75b5dd3d2b8407b8a10ed4b96c867cf)
Definiz: Posto avverbialm. Dicesi una cosa essere tagliata a schiancío, o situata a schiancío, quando è situata, o tagliata in maniera, che participa del lungo, e del largo, siccome fa la diagonále del quadro, altrimenti detta schianciána.


5) id: a0a0f8fcf00246b692d3334a4e05b5cf)
Esempio: Ciriff. Calv. 3. 94. Per dar le frutte al padre avanti cena, Un colpo trasse col brando a schiancío Al destro braccio.
155) Dizion. 4° Ed. .
A SCROCCHIO, e A SCROCCO
Apri Voce completa

pag.284



2) id: 5eda96210e0b42479a84ac064104838f)
Definiz: Posto avverbialm. A ufo.


3) id: 01ed7e535ad945e7acb79d93924df294)
Esempio: Cant. Carn. 112. Pagando di contanti, Che non son cosa da allogarsi a scrocchio.


4) id: c6630b674ec44d6d8a7a178e9e6431f9)
Esempio: Buon. Fier. 1. 4. 6. Preda di chi volea sfamarsi a scrocco, Son quì condotto, come un nuovo pesce.
156) Dizion. 4° Ed. .
A CARRA, e A CARRI.
Apri Voce completa

pag.21



2) id: 00aa2aa4e5754837ada2c5d3928d2471)
Esempio: Bern. Orl. 2. 4. 75. Ma pur al fin di vincer si conforta, Se nascessero a some, a balle, a carra.
157) Dizion. 4° Ed. .
A CAVALCIONI, e A CAVALCIONE.
Apri Voce completa

pag.21



2) id: 621a511142f6435c8e401a69cf69105d)
Esempio: Bocc. nov. 85. 19. E salígli addosso a cavalcione.


3) id: 2e938500093a4da996778bb0e6c046f3)
Esempio: Malm. 3. 5. Un par d'occhiali affumicati, e rotti, I quali sopra il naso a petonciano Colla sua flemma pose a cavalcioni.


4) id: 6bd13b47d0df4f2cbe3ee8101ea1a085)
Esempio: Franc. Sacch. nov. 25. Lo fece salire su la botte a cavalcioni.
158) Dizion. 4° Ed. .
A VOLTA, e A VOLTE
Apri Voce completa

pag.342



2) id: b4a145806ef7446e9f8754d144d7f66e)
Esempio: M. Aldobr. Fece (Dio) l'entrata degli orecchi a volte, acciocchè la voce potesse meglio risonare.
159) Dizion. 4° Ed. .
OTTA .
Apri Voce completa

pag.445



1) id: be3441aad7ae442bb56d9d1b09748226)
v. A OTTA A OTTA.

2) id: 634364a9c11a4d13b1f9a8c84ecf4aeb)
v. A OTTA A OTTA.

3) id: fb217c48f11f4419a95ed6cfb56e635c)
Definiz: §. II. A otta a otta, posto avverbialm. A ora a ora, Di quando in quando. Lat. subinde. Gr. θαμά.


4) id: ed2457527a5b4f73a13124c40746e3f8)
Esempio: Car. lett. 2. 193. Di grazia fategli riverenza da mia parte, e ricordatemegli otta catotta.


5) id: e29277a34c8942d8900ff6f591d84499)
Esempio: Serd. stor. 16. 631. In tanto a otta a otta alcuni di loro deboli, e fiacchi per la stanchezza ec. restavano preda a' crudeli Etiopi.


6) id: 27b827786f964b4d9e422f61ab8d24da)
Esempio: Fr. Giord. Pred. R. Or grideranno tutti a un'otta? or come s'udirà la voce, e come s'intenderà tanta gente a un tratto?


7) id: 21e15fa4adbb40a68a275924ee2a32d0)
Esempio: Bocc. nov. 64. 10. S'addormenta per le taverne, e poscia torna a quest'otta.