Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 455 msec - Sono state trovate 20090 voci

La ricerca è stata rilevata in 65840 forme, per un totale di 45118 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
64275 1565 65840 forme
44185 933 45118 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
120) Dizion. 4° Ed. .
CARRATELLO.
Apri Voce completa

pag.575



1) id: c569372878fe416eb72e3a28426d6b44)
Esempio: Lor. Med. Beon. Il suo naso spugnoso, e pagonazzo Non cura fiaschi, carratelli, o botte.
121) Dizion. 4° Ed. .
GAMMURRINA, e GAMMURRINO.
Apri Voce completa

pag.569



1) id: 2376ccfa5f094a149a5df5fede990560)
Esempio: Lor. Med. Nenc. 22. O vuoi per ammagliar la gammurrina Una cordella a seta cilestrina.
122) Dizion. 4° Ed. .
CILESTRINO.
Apri Voce completa

pag.663



1) id: 9694fd4e52c74eb3a5ae470234317d78)
Esempio: Lor. Med. Nenc. 22. O vuoi per ammagliar la gammurrina Una cordella a seta cilestrina.
123) Dizion. 4° Ed. .
OPIFICE.
Apri Voce completa

pag.412



1) id: 71159fe101264f52acfef14f3f1e294e)
Esempio: Lor. Med. rim. 66. Opifice, che spirto a ciascun dai, Tu sol se' Dio.
124) Dizion. 4° Ed. .
VANGAIUOLE
Apri Voce completa

pag.194



1) id: 6e637468bb1e4322a4a1ae514fc88704)
Esempio: Lor. Med. canz. 19. 2. Voi terrete le vangaiuole, Io son quel, che vo' frugare.
125) Dizion. 4° Ed. .
RABBRUZZARE.
Apri Voce completa

pag.29



1) id: ec85154294f44e13aa7ba8d9e81f1a2a)
Esempio: Lor. Med. canz. 28. 4. Poi gli disse: e' si rabbruzza, Stacci infino a domattina.


2) id: 29ad6621c15646f58e2bdf9ab4020b0e)
Esempio: Ciriff. Calv. 3. 97. E se ignun loco il tempo si rabbruzza Verso di lui.
126) Dizion. 4° Ed. .
SOLLETICO.
Apri Voce completa

pag.574



1) id: 0be35da6acf74186b907806fb014f84a)
Esempio: Lor. Med. canz. 31. 4. Quando un teme il solletico, Menan più, che Arrigo bello.
127) Dizion. 4° Ed. .
MANICO
Apri Voce completa

pag.147



1) id: fe348d3acff94854987558bfae621dc3)
Esempio: Lor. Med. canz. 10. 4. La fanciulla era capresta, Ed al manico s'attiene (quì figuratam.)


2) id: cb7bf929acca4064b69cc9f6ab90653e)
Esempio: Varch. Suoc. 4. 5. Questa sarebbe ben col manico.


3) id: 0a8a0dddecf54a35992cb1c08ded098d)
Esempio: Buon. Fier. 3. 2. 2. Ed uscito è del manico, e 'ngozzati Ci ha molto bene a isonne.
128) Dizion. 4° Ed. .
VISSUTO.
Apri Voce completa

pag.288



1) id: 50445d0ecaf1437d92ba49d86e82014e)
Esempio: Lor. Med. canz. 10. 4. E la vecchia mal vissuta A casa grattò la tigna.
129) Dizion. 4° Ed. .
LEZIO.
Apri Voce completa

pag.60



1) id: 048572d60f004ea885f7a9d7a17bb89f)
Esempio: Lor. Med. canz. 65. 3. Sempre mai questa sazievole, E' 'n su' lezj, e smancerie.


2) id: e760c2e186bb49d09336044fbe6c8c4b)
Esempio: Segr. Fior. Mandr. 4. 8. Quanti lezj ha fatto questa mia pazza.
130) Dizion. 4° Ed. .
PIPISTRELLO.
Apri Voce completa

pag.632



1) id: 167d42eb74ad4fe3b8c82100fdc40822)
Esempio: Lor. Med. canz. 32. 3. Poi ritrova il bucolino, Come il topo, e il pipistrello.
131) Dizion. 4° Ed. .
MOCCIO.
Apri Voce completa

pag.263



1) id: 05f1fd8d53b848319a083785e7195f3e)
Esempio: Lor. Med. canz. 59. 3. Sempre fu una zambracca Col suo naso pien di mocci.
132) Dizion. 4° Ed. .
ZAMBRACCA
Apri Voce completa

pag.352



1) id: 7ffe1dd4bc8d43b1abdfdd423b361a40)
Esempio: Lor. Med. canz. 59. 3. Sempre fu una zambracca Col suo naso pien di mocci.


2) id: f45f631e0e574e439c5ba73f771d56f7)
Esempio: Lasc. Pinz. 3. 3. Mi son pur voluta raffazzonare un poco; che volevi tu, ch'io paressi una zambracca?
133) Dizion. 4° Ed. .
UNCINELLO
Apri Voce completa

pag.307



1) id: e2481785015a406fb8b13ab88dbbdca1)
Esempio: Lor. Med. canz. 44. 3. Ell'avea più uncinelli, Che non è punte in un pruno.
134) Dizion. 4° Ed. .
ATTIVE
Apri Voce completa

pag.320



1) id: dce93d7fc484487fa1330a4ab364e274)
Esempio: Lor. Med. Com. Si verifica, che gli occhi attive, e passive son principio d'amore.
135) Dizion. 4° Ed. .
PALLENTE.
Apri Voce completa

pag.467



1) id: f9aa8b6c117b43ff932548f4cb1a5cbc)
Esempio: Lor. Med. rim. 71. Senza sospetto i bei pasciuti armenti Lieti si stanno nella lor quiete, E ruminando forse erbe pallenti.
136) Dizion. 4° Ed. .
SONAGLIERA
Apri Voce completa

pag.585



1) id: 9d110e4edbde41c0b7febe0e5580e316)
Esempio: Lor. Med. canz. 59. 5. Al culo ha la sonagliera, Che fa sempre la stampita.
137) Dizion. 4° Ed. .
SPENNACCHIATO
Apri Voce completa

pag.651



1) id: 9b68db50913649fb80aeb957aab36762)
Esempio: Lor. Med. canz. 55. 6. E' si son pien di pollini, E son tutti spennacchiati.


2) id: 921450f92c4c4bd98dc978ec9ce2cd06)
Esempio: Ciriff. Calv. 3. 96. A questa volta il gufo sia pur egli, Che rimarrà nel vischio spennacchiato.


3) id: 55d90f9e890446ad8c6474e6e44a6393)
Esempio: Liv. Dec. 3. Nondimeno così spennacchiato, com'era, il conosceva la gente, e dicevano, ch'egli era stato conestabile.
138) Dizion. 4° Ed. .
SCIUGATOIO
Apri Voce completa

pag.400



1) id: 83d52c18e09e48fea4cdda42df6e71d9)
Esempio: Lor. Med. canz. 12. 5. Le si veggono in que' panni Con soggoli, e sciugatoi.
139) Dizion. 4° Ed. .
LISCA
Apri Voce completa

pag.76



1) id: daaf939c89f54ef1ac518172dc129a29)
Esempio: Lor. Med. canz. 71. 2. Sempre al labbro ha qualche lisca Del filar, ch'ella morseggia.