Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 343 msec - Sono state trovate 8 voci

La ricerca è stata rilevata in 16 forme, per un totale di 8 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
16 0 16 forme
8 0 8 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 4° Ed. .
SAETTA
Apri Voce completa

pag.294



1) id: 7deb9e58d0ad4615844768c25b37adc9)
Definiz: §. II. Saetta, per metaf. Lat. lucida tela diei, Lucr.
2) Dizion. 4° Ed. .
INTANGIBILE
Apri Voce completa

pag.871



1) id: ec96524d0b2b400cb071c209f345d972)
Definiz: Add. Che non si può toccare. Lat. intactilis, Lucr. Gr. ἄψαυστος.
3) Dizion. 4° Ed. .
ABBAIARE.
Apri Voce completa

pag.5



1) id: 45aa13ebf7294addafbead4239698eb8)
Definiz: §. III. Per metaf. in attivo significato, Manifestare. Lat. patefacere, ostendere, latrare, Lucr.
4) Dizion. 4° Ed. .
DARE
Apri Voce completa

pag.13



1) id: b4571e10c2494767a879d3c599d2f477)
Definiz: DARE VENDITA, e DARE IN VENDITA. Vendere. Lat. dare mancipio, Lucr. Gr. πωλεῖν.
5) Dizion. 4° Ed. .
FILO
Apri Voce completa

pag.460



1) id: dc41734926164db7b8f74879618af71c)
Definiz: §. XXIV. A filo a filo, posto avverbialm. come a uno a uno, a cosa a cosa, e simili, vale A un filo per volta, siccome si direbbe, A una cosa per volta, A uno per volta. Lat. filatim, Lucr.
6) Dizion. 4° Ed. .
PROEMIO
Apri Voce completa

pag.731



1) id: 3f4db9ef8cd54dcf8d252b2b3c62c9ce)
Esempio: Cas. lett. 60. Prego V. S. che, quando gli avanza tempo, pensi un poco sopra il proemio del primo libro di Lucrezio.
7) Dizion. 4° Ed. .
SUBBIETTO, e SUBIETTO.
Apri Voce completa

pag.793



1) id: 43118c90b3cc4d3d910a8c8190e629f7)
Esempio: Cas. lett. 61. Ma perchè Lucrezio è pure un bello, e prudente poeta, in quel subbietto falso, ch'egli prese, può, e debb'esser vero, che quel proemio sia congruo.
8) Dizion. 4° Ed. .
QUATTRINO.
Apri Voce completa

pag.15



1) id: 1779ffcae29b4ed687ebc426ce46bad4)
Definiz: §. II. Quattrino risparmiato due volte guadagnato; proverbio vulgato, e vale, che La parsimonia equivale al guadagno; al qual proverbio corrisponde quel detto di Lucrezio e divitiae grandes homini sunt vivere parce.