Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 424 msec - Sono state trovate 7866 voci

La ricerca è stata rilevata in 22352 forme, per un totale di 14209 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
21670 682 22352 forme
13804 405 14209 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 4° Ed. .
M
Apri Voce completa

pag.107



2) id: c342d03e8430481cabf2fe1826e317e2)
Definiz: §. M, talora serve per nota del numero Mille.


3) id: 18ca60f6519e4627bb52c7f1ecddac8f)
Esempio: E Din. Comp. 2. 44. Molti furono accusati, e convenía loro confessare, aveano fatta congiura, che non l'avevano fatta, e eran condannati in fior. M. per uno.


4) id: 867e9768724f4098bd36e3794d65e1b1)
Definiz: Lettera di suono simile alla N, pondendosi in cambio di essa innanzi a B, o P, per miglior pronunzia, come IMBOLÍO, e EMPIO. Consente in mezzo di parola innanzi di se, e in diversa sillaba la L, R, S, come ALMA, ORMA, RISMA quantunque la S si truovi di rado nel mezzo della parola, e per lo più ne' verbi composti colla preposizione DIS, come DISMETTERE; ma nel principio è più frequente, come SMANIA, SMARRITO. Proferiscesi la S innanzi alla M nel secondo modo, cioè con sottil suono, e rimesso, come nella voce ROSA, conforme a quello, che si dice nella lettera S. Raddoppiasi nel mezzo della parola, quando egli occorre, come FEMMINA, MAMMA, ec.
2) Dizion. 4° Ed. .
LAUDATORE
Apri Voce completa

pag.31



1) id: 8232fed65f1f47ba93ed825bbb65808d)
Esempio: Rim. Ant. P. N. M. Rain. Aquin. Perch'io non son sì sapio laudatore, Ch'io sapessi ec.
3) Dizion. 4° Ed. .
SCONSOLATAMENTE
Apri Voce completa

pag.413



1) id: bb5f978a78174bf5889c78a89b05c859)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 54. Perchè ne vivo sconsolatamente.
4) Dizion. 4° Ed. .
DISCONFORTO
Apri Voce completa

pag.162



1) id: ef8d497b903b4b35b377ae31c425332f)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 53. Sicchè la ragion prende disconforto.
5) Dizion. 4° Ed. .
MOSTRANZA
Apri Voce completa

pag. 296



1) id: 1724abe5c9e445ccb698b954d90b3990)
Esempio: Rim. ant. P. N. M. Rin. d'Aq. Che già dello partire Non ho podere di farne mostranza.


2) id: 40fc1d9cc0234faaa1699b0d24a90719)
Esempio: E Rim. ant. M. Cin. Avesse tanto Amor nel mio cor loco, Ch'ei facesse mostranza, Sicchè la mia pesanza Non paresse a costei sollazzo, e giuoco.
6) Dizion. 4° Ed. .
INGAGGIARE
Apri Voce completa

pag.827



1) id: 2076e50c4a8540e5b43218235d7664f8)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. B. M. 136. Ch'aspetto amor, che la morte m'ingaggia (cioè sfida)


2) id: 8b805edf0af345c7bfde405e23986364)
Esempio: E N. ant. nov. 83. 5. Essendo egli un giorno collo 'mperadore a cavallo con tutta la lor gente, s'ingaggiaro chi avesse più bella spada.


3) id: c8b9b308cb304254b2fb63db27b0981e)
Esempio: Nov. ant. 19. 3. Messere, io n'ho più di voi. Quivi fu il sì, e 'l no. Ingaggiarsi le parti. Aggiornaro il giorno, che ciascuno mostrasse suo tesoro.
7) Dizion. 4° Ed. .
A TRAFATTO
Apri Voce completa

pag.312



1) id: d7b4ba505ed541f8ac5435e3b8ac59a2)
Esempio: Rim. ant. P. N. M. Rin. Palerm. Dunque è ragione, Che 'l nostro amore si parta a trafatto.
8) Dizion. 4° Ed. .
CONSIDERANZA
Apri Voce completa

pag.772



1) id: b2b747c741cc410db133f9541703f553)
Esempio: Rim. ant. P. N. M. Rin. da Pal. Ed io avendo in ciò consideranza Non son più vostro.


2) id: 8d290825901c47559686a29759f10e41)
Esempio: Rim. ant. Guid. Cavalc. 70. Non ha diletto, ma consideranza, Sicch'ei non puote largir simiglianza.


3) id: aef309176e794fc4a7407ea345ece499)
Esempio: Rim. ant. Dant. Maian. 79. Ahi mene lasso, la consideranza Mi mostra, e fa parer veracemente, Che ciò, ch'eo spero, ed amo per dottanza, Mi manchi senza fallo certamente.
9) Dizion. 4° Ed. .
STORNARE
Apri Voce completa

pag.755



1) id: 47651a5107004feab8455901e1031a1f)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 8. Perocchè forza di sospir lo storna.


2) id: 303f921df5324d84a7283df4abc08fcf)
Esempio: Rim. ant. Guid. Cavalc. 70. Muove cangiando core, e riso, e pianto, E la figura con paura storna.


3) id: d94f29dfe181448898b119c2ffcac5cd)
Esempio: Nov. ant. 51. 7. Almeno non se ne parta, se altrimente non la puote stornare.
10) Dizion. 4° Ed. .
CONQUISTARE
Apri Voce completa

pag.768



1) id: 67f3e5f79e924d3b9844df781a5fa14d)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 47. Spogliata del dolor, che la conquista.
11) Dizion. 4° Ed. .
DISNORE.
Apri Voce completa

pag.185



1) id: 54c7e946b65e4a20afe705b7914776fa)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 56. Come colei, che sel pone in disnore.
12) Dizion. 4° Ed. .
QUALCHE.
Apri Voce completa

pag.6



1) id: f2b81c85ddc244348ceec3b80ab27046)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 52. Se non che veggia lei qualche fiate.


2) id: 89e024b6b30b4b85a3be0110afc8b4f5)
Esempio: E Dan. rim. 5. Degli occhi suoi, comech'ella gli muova, Escono spirti d'amore infiammati, Che fieron gli occhi a qualche allor gli guati.
13) Dizion. 4° Ed. .
GIOVINELLO.
Apri Voce completa

pag.614



1) id: 5ccc836585ee493eb8feef1d250fdbc6)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. Una gentil piacevol giovinella Adorna vien d'angelica virtute.
14) Dizion. 4° Ed. .
CERTANZA.
Apri Voce completa

pag.626



1) id: 85f60f7f1c1b48b48faf1a03b83d85c8)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 55. Non la san muover per altra certanza.
15) Dizion. 4° Ed. .
A IOSA.
Apri Voce completa

pag.104



1) id: d375114d293540e3b68758eca879d45b)
Esempio: M. Bin. rim. Forse bisogna fornimenti a iosa.


2) id: 8cd84e08735b49afa84d78f95f2950b9)
Esempio: E M. Bin. rim. altrove: C'havendo ingegno, e del cervello a iosa.
16) Dizion. 4° Ed. .
GUARDATRICE
Apri Voce completa

pag.689



1) id: 97c8cf1a127b4ab6baf109f5278babcb)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 137. Alta, gentile, e bella guardatrice Del suo onor.
17) Dizion. 4° Ed. .
COM
Apri Voce completa

pag.707



1) id: b6e281968ea643e9a198f9eb049f9b91)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 55. Intendol sì, com fa 'l Tedesco il Greco.


2) id: de4354ee68094f00a0196612936e1f74)
Esempio: Dant. rim. 43. Ah com poca difesa Mostra signore, a cui servo sormonta.
18) Dizion. 4° Ed. .
DISDEGNOSAMENTE
Apri Voce completa

pag.170



1) id: 2426a9380d734afbb2cad3ac8067c872)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 54. Sicchè si parte disdegnosamente, E lasciavi uno spirito d'amore.
19) Dizion. 4° Ed. .
DISTRANO.
Apri Voce completa

pag.209



1) id: 8bdff40e20304f8998817774219d2260)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. Dal qual tanto distrano In verità mi sarà 'l dipartire.
20) Dizion. 4° Ed. .
REDIRE.
Apri Voce completa

pag.90



1) id: b4ce47ad231a47e3bec3cd774bd74f89)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 49. Così non morragg'io, se fia tostano Lo mio redire.


2) id: 52ed011784604a1c964723c86218e9c8)
Esempio: Nov. ant. stamp. ant. 75. 1. Il giullare andò alle nozze, e satollossi, e redì a casa, e trovò il compagno suo, ch'avea guadagnato.