Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 573 msec - Sono state trovate 17271 voci

La ricerca è stata rilevata in 58793 forme, per un totale di 41111 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
57745 1048 58793 forme
40474 637 41111 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 4° Ed. .
B
Apri Voce completa

pag.361



2) id: 03832eb31eca4e04858932008c1ebaf4)
Definiz: Lettera assai simile al P, e all'V consonante, dicendosi molte voci coll'una, e coll'altra scambievolmente; come SERBARE, e SERVARE, NERBO, e NERVO, BOCE, e VOCE, PUBBLICO, e PIUVICO. Delle consonanti riceve dopo di se nella medesima sillaba la L, e la R, e vi perde alquanto di suono; come OBBLIGO, PUBBLICO, BRACCIO, OMBRA, benchè colla L di rado si truovi appresso i Toscani, nè mai in principio di parola, come pronunzia a loro più strana, salvo alcune voci Latine, come BLANDO, BLANDIMENTO, ec. Consente avanti di se in mezzo di parola, ma in diversa sillaba, la L, M, R, S, come ALBUME, LEMBO, ERBA, USBERGO, quantunque si trovi di rado colla S in mezzo della parola, e per lo più ne' verbi composti colla preposizione DIS, come DISBRIGARE. Usasi più frequentemente in principio di parola, come SBANDITO, SBATTERE; e deesi sempre la S avanti al B pronunziare col suono più sottile, o rimesso; come nella voce ACCUSA, di che si dice nella lettera S. Puossi raddoppiare nel mezzo della parola, quando egli occorre, come NEBBIA, TREBBIO, ec.
2) Dizion. 4° Ed. .
SOSPINTA
Apri Voce completa

pag.613



1) id: 217530033bec47788609ab114e2c5ec9)
Esempio: Legg. S. G. S. E misonsi con gran sospinte, e con grande affanno.
3) Dizion. 4° Ed. .
POTESTATI, e POTESTADI
Apri Voce completa

pag.683



1) id: d0c22e4a1bda466bb83a497604f08e28)
Esempio: Legg. S. Gio. Bat. S. B. Ebbe officio di potestate.
4) Dizion. 4° Ed. .
INSUFFICIENTE.
Apri Voce completa

pag.870



1) id: a4799434fa084adca178c66e7d29a476)
Esempio: Legg. S. G. B. Reputa se medesimo insufficiente, e debole a ciò.
5) Dizion. 4° Ed. .
LAUDESE
Apri Voce completa

pag.31



1) id: d656393b18884d4db880c742d5503f6e)
Esempio: Quad. Ort. Ord. S. Mich. Laudesi, e cantori alle laude dell'oratorio.
6) Dizion. 4° Ed. .
LALDA.
Apri Voce completa

pag.10



1) id: 43c48ecd0ef244baacebfa1ee5375038)
Esempio: Quad. Ort. Ord. S. Mich. Laudesi, e cantatori alle lalde dell'oratorio.
7) Dizion. 4° Ed. .
PROVIDIGIONE
Apri Voce completa

pag.759



1) id: 5354692d19fe43d6aab16ddc5c3d1e2c)
Esempio: Quad. Or. S. Mich. A Stefano di Cino merciaio per sua providigione.


2) id: 7a8310770cbd4b6d845f494eccb87de3)
Esempio: E Quad. d'Or. S. Mich. altrove: Per sua providigione di proccurare il detto lavorío.
8) Dizion. 4° Ed. .
S
Apri Voce completa

pag.288



2) id: 33a3c871063b4e1aa676f3c639d73991)
Definiz: Lettera di suono veemente, come la R. Posta in composizione co' suoi primitivi ha forza molte volte di privativo, come CALZARE, SCALZARE, MONTARE, SMONTARE. Alle volte d'accrescitivo, come PORCO, SPORCO, MUNTO, SMUNTO. Alle volte di frequentativo, come BATTERE, SBATTERE. Alle volte non opera nulla, valendo lo stesso CAMPARE, e SCAMPARE, BANDITO, e SBANDITO, BEFFARE, e SBEFFARE. Appo di noi ha due varj suoni; il primo più gagliardo, e a noi più familiare, come CASA, ASSE, SPIRITO. L'altro più sottile, o rimesso, usato più di rado, come SPOSA, ROSA, ACCUSA, SDENTATO, SVENATO. In questo secondo suono non si raddoppia giammai, nè anche si pone in principio della parola, se non quando immediatamente ne segue una consonante, come SMERALDO, SDENTATO. Consente dopo di se nel principio della parola tutte le consonanti, salvo la Z. Nel mezzo della parola, e in diversa sillaba riceve dopo di se le medesime consonanti, ma più malagevolmente, e per lo più in composizione, colla preposizione DIS, o MIS, come DISDETTA, MISLEALE; ma col C, P, T s'accoppia frequentemente senza difficultà, come TASCA, CESPUGLIO, PRESTO. Quando è posta avanti al C, F, P, T, si dee pronunziare nel primo modo, cioè col suono più gagliardo, come SCALA, SFORZO, VESPA, STUDIO, CESTO, ma avanti al B, D, G, L, M, N, R, V, si pronunzia col suono più sottile, o rimesso, come SBARRARE, SDEGNO, SGUARDO, SLEGARE, SMANIA, SNELLO, SRADICARE, SVENTURA. Avanti di se ammette la L, N, R in mezzo della dizione, e in diversa sillaba, come FALSO, MENSA, ORSO. Raddoppiasi nel mezzo della parola, come l'altre consonanti, dove lo ricerca il bisogno.
9) Dizion. 4° Ed. .
G
Apri Voce completa

pag.557



2) id: 9c727b8487f44461a9ded39dfb99325d)
Definiz: Lettera compagna del C, ed ha anch'ella due suoni diversi, perchè posta avanti all'A, O, U, ha il suono più rotondo, come GALLO, GOTA, GUSTO; e avanti all'E, ed I, ha il suono più sottile come GENTE, GIRO; onde per diffalta di proprio carattere, per servircene nel primo suono coll'E, e coll'I, le pogniamo dopo l'H, come GHERONE, GHIRO. Questo GH, quando ne seguita l'I, ha anch'egli due suoni, l'uno più rotondo, e grosso, come GHIRLANDA, VEGGHI, dal verbo Vedere; l'altro più sottile, e schiacciato, il quale per lo più avviene, quando all'I segue un'altra vocale, come GHIANDA, GHIERA, VEGGHIA; e a cotali suoni, per isfuggire errore, sarebbe di bisogno proprio carattere a ciascheduno. Delle consonanti riceve dopo di se, nella stessa sillaba le L, N, R, come NEGLETTO, GLORIA, EGLI, REGNO, SOGNO, DISEGNARE, INGRATO, GRETOLA: bene è vero, che dopo la L, dove non seguita l'I, per esser suono per la sua durezza sfuggito da questa lingua, si truova di rado. Quando alla L col G avanti seguita l'I, in tal caso ha due suoni, l'uno più rotondo e grosso, come NEGLIGENTE, il quale non è molto ricevuto da noi; l'altro più sottile, o schiacciato, come GIGLIO, FOGLIO, e questo è nostro proprio. Aggiunto, come s'è detto, il G alle L, ed N, gran parte ne perde del suo suono, come AGLIO, RAGNA. Consente avanti di se la L, N, R, S, nel mezzo della parola, e in diversa sillaba, come VOLGO, VANGA, VERGA, DISGREGARE, benchè la S si trovi in mezzo di rado, e per lo più in composizione colla preposizione DIS. Ma nel principio di parola più frequentemente, come SGARARE; e si pronunzia sempre la S avanti al G nel secondo modo, cioè nel suono più rimesso, come nella voce ACCUSA. Raddoppiasi questa lettera nelle nostre voci molto spesso: come POGGIO, OGGI, ec.
10) Dizion. 4° Ed. .
IMBRIGARE
Apri Voce completa

pag.725



1) id: f546fbdaee584302b006f9cdaebbf893)
Esempio: Quad. Cont. Perchè s'imbrigò in detto matrimonio.
11) Dizion. 4° Ed. .
MANIFESTISSIMAMENTE
Apri Voce completa

pag.150



1) id: 5150f828e3b044aca40ec5fb874a44de)
Esempio: Libr. Dicer. G. S. Diede manifestissimamente a vedere.
12) Dizion. 4° Ed. .
TERRENO.
Apri Voce completa

pag.65



1) id: f1f3542b29194f12bcee1ae997f9a0ee)
Esempio: Boez. G. S. 2. Pasce sol cibo terreno.
13) Dizion. 4° Ed. .
VALENTE
Apri Voce completa

pag.187



1) id: 03f16a8a82a04015af71351540146e3b)
Esempio: Boez. G. S. Dov'è or Bruto cotanto valente?
14) Dizion. 4° Ed. .
RIFIUTAGIONE
Apri Voce completa

pag.158



1) id: 37196a4e21d245ca84bd79b1bfd7a7cc)
Esempio: Quad. Or. S. M. Feciono testimonianza sopra la rifiutagione fatta della chiesa di Bagnuolo.
15) Dizion. 4° Ed. .
VIVORE.
Apri Voce completa

pag.298



1) id: f73e3f5e7d9e4a7f992d42f449d928d8)
Esempio: Quad. Or. S. M. Pagammo per vivore d'uno stanziamento fatto per li detti Capitani.
16) Dizion. 4° Ed. .
INNOMINARE
Apri Voce completa

pag.847



1) id: abc07fbd0d754b6a8163e92c652c21e5)
Esempio: Legg. nat. S. Gio. Bat. S. B. Santo Giovanni Batista è innominato in molti modi.
17) Dizion. 4° Ed. .
PERDONAMENTO
Apri Voce completa

pag.564



1) id: fd8577f76f6a402895aa580108b03e3b)
Esempio: Legg. Spir. Sant. S. B. Ed è perdonamento de' nostri peccati.
18) Dizion. 4° Ed. .
ALLARGARE.
Apri Voce completa

pag.121



1) id: 1f0481a7fe8b43a0b7804f160538085d)
Esempio: Cas. lett. Perciò non vi allargate con S. S. di questa materia.


2) id: 6abbf8d5334343e7b5e989f902236967)
Esempio: Pecor. g. 11. ball. Con lor t'allarga a ciò, che tu sai dire, Con gli altri non parlar troppo, nè poco.


3) id: 0744ddc6b2e54d82a576d13e957cf0ee)
Esempio: Bocc. g. 6. f. 4. Perchè, se alquanto s'allarga la vostra onestà nel favellare.


4) id: fff954f267c8407d90713793cafdb790)
Definiz: §. V. Allargarsi con uno: vale Scoprire i suoi pensieri a colui, Dire liberamente il suo sentimento. Lat. animi sensa patefacere, arcana communicare. Gr. σαφέστερον εἰπεῖν.


5) id: dbd69b8c65ca4bb4829816a792e7e74c)
Esempio: Dav. Camb. 97. Ognuno vorrà allogare i suoi (danari) e se non potrà a un per cento, allargherà la mano, e gli darà a un mezzo, a un quarto, al pari, e con perdita.
19) Dizion. 4° Ed. .
PESTAMENTO
Apri Voce completa

pag.588



1) id: b4770ae6f862473e8c830a420816e181)
Esempio: Serap. B. V. Conviene, che sieno pesti con forte pestamento.
20) Dizion. 4° Ed. .
GIOVANESCO.
Apri Voce completa

pag.612



1) id: 9c74a1a0fabd4a3c9f4a3b6d81749a56)
Esempio: Val. Mass. G. S. Entrato appena ne' giovaneschi anni.


2) id: 07da51ec05564794b5d748a8460f0b83)
Esempio: Fiamm. 4. 126. Essendosi con queste i giovaneschi animi e per la qualità del tempo accesi, e più che l'usato pronti a dimostrare i loro disii.