Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 817 msec - Sono state trovate 24382 voci

La ricerca è stata rilevata in 92791 forme, per un totale di 67252 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
90056 2735 92791 forme
65674 1578 67252 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
20) Dizion. 4° Ed. .
CEDRATO.
Apri Voce completa

pag.611



1) id: e3191a9bdca04574945068ba698149a9)
Esempio: Red. Ditir. 36. L'acqua cedrata Di limoncello Sia sbandeggiata.


2) id: 7cdc86f9bd6d4e0ab436f7224144833c)
Esempio: E Red. annot. 198. Empila, colmala d'acqua cedrata.


3) id: 324b5212d4b64e288e8f8343a41b228a)
Esempio: E Oss. an. 112. Or non sarebbe egli un gentil rimedio ec. dar da bere di belle giare ec. di acqua cedrata dolcissima, e odorosissima?
21) Dizion. 4° Ed. .
BACCANTE
Apri Voce completa

pag.362



1) id: 7cb18d32a8c74994badbf5038dcf2b60)
Esempio: Red. Ditir. 46. Alternavano i canti Le festose baccanti.
22) Dizion. 4° Ed. .
COSTANTISSIMO
Apri Voce completa

pag.843



1) id: dcf4a346063044a8bb6c534aaa193f36)
Esempio: Red. Ditir. Ma se vivo costantissimo Nel volerlo arcifreddissimo.


2) id: f3472e757ead40dab54131c0969530a5)
Esempio: E lett. occh. Fui allora di opinione costantissima, che l'invenzione degli occhiali fosse tutta moderna.
23) Dizion. 4° Ed. .
CUNZIERA
Apri Voce completa

pag.880



1) id: f26a1e4361bc49cfb4b0cb1ff13223a1)
Esempio: Red. Ditir. 27. Fa soavi profumiere, E ricchissime cunziere.


2) id: e460292c532b47d68254ed54ff88aa56)
Esempio: E Red. annot. 134. Cunziera è nome d'ogni vaso, ove si tenga la cunzia preparata con odore, per uso di profumar l'aria delle stanze.
24) Dizion. 4° Ed. .
SALSAPARIGLIA
Apri Voce completa

pag.306



1) id: 50af75b0b8734136a73dfdca89db1fff)
Esempio: Red. lett. 2. 102. Lodo l'uso della salsapariglia.


2) id: e1dc7133937e4b18bda7f472f7b6cc22)
Esempio: E Red. lett. appresso: Metto in considerazione, se in quella pollastra, con la quale si dee far bollire la salsapariglia, fosse bene il mettervi nel suo ventre o dell'orzo cotto, o del riso cotto.
25) Dizion. 4° Ed. .
DAVVERO
Apri Voce completa

pag.57



1) id: 7033f6f7f0134016b2399ffd1d71bc55)
Esempio: Red. lett. 1. 351. Le ne rendo grazie davvero.


2) id: 064757d034d445d79fbb3cf990fec822)
Esempio: E Red. lett. 154. Credetemi, che mi dispiace davvero.


3) id: 7bdcd53cd9604466b53994af6cfc4367)
Esempio: E Red. lett. 2. 137. Mi comandi, che sono davvero ec.
26) Dizion. 4° Ed. .
SMERATO.
Apri Voce completa

pag.547



1) id: 127a95e7e92442bd89c54753dd952224)
Esempio: Red. annot. Ditir. 204. L'addiettivo smerato significa netto, limpido, trasparente.
27) Dizion. 4° Ed. .
ESCRESCENZA.
Apri Voce completa

pag.304



1) id: 04e5e6eca9d0492ea5e1e66eb86c0031)
Esempio: Red. annot. Ditir. 140. Le rimondano da quelle minute escrescenze.


2) id: 7322760a6e1947f4a67311aab13ff807)
Esempio: E Red. cons. 1. 13. Fa di mestiere considerare, se ec. sieno di quell'altra sorte di tumoretti ec. i quali con nome generale da' chirurghi si appellano escrescenze flemmatiche.
28) Dizion. 4° Ed. .
SORBETTIERA.
Apri Voce completa

pag.605



1) id: c7020d40c16345d996d464bf3bcb56d6)
Esempio: Red. annot. Ditir. 191. Bella trinciera Alzane intorno La sorbettiera.
29) Dizion. 4° Ed. .
INCIPRIGNIRE
Apri Voce completa

pag.779



1) id: 3f4e369f4f464ac786d89cc3e9c496ec)
Esempio: Red. Vip. 2. 19. Ancorchè le ferite inciprignissero, e facessero marcia.


2) id: 0c0d0998a67f436baa4a713c803adbc9)
Esempio: Pataff. 1. Che se' inciprignito, e stramazzato.
30) Dizion. 4° Ed. .
ITERARE
Apri Voce completa

pag.922



1) id: 202c5b1d2e3c47f2b31f512b66e0b962)
Esempio: Red. Vip. 2. Senza riguardo veruno ho voluto iterarle, e reiterarle.


2) id: e6ad621d9c8d49328931c3a2f07ba26e)
Esempio: Cas. lett. 48. E principalmente ora nell'offizio, che ella si è degnata di fare, e di iterare con sua Beatitudine.
31) Dizion. 4° Ed. .
PRESTAMENTE
Apri Voce completa

pag.710



1) id: 04ddf61684cd4c6bbf906591d91273d1)
Esempio: Red. esp. nat. 20. Prestamente ne venni in cognizione.
32) Dizion. 4° Ed. .
RISTILLARE.
Apri Voce completa

pag.233



1) id: c09f5b7a5a89475e85d854080ff8e2b0)
Esempio: Red. esp. nat. 28. Gli feci ristillare a bagnomaría.


2) id: f64a608717054cbab3d704a5ddd735f8)
Esempio: E Red. esp. nat. 29. Se si ristilli di nuovo della stessa sorta di erba.
33) Dizion. 4° Ed. .
OVAIA
Apri Voce completa

pag.448



1) id: 20a81bfba7934ebe814bfeb38b304e62)
Esempio: Red. esp. nat. 42. L'ovaie (della torpedine) son due.


2) id: 9291cec7bd1e4530bd2216f97eaf3418)
Esempio: E Red. esp. nat. appresso: In ciascuna delle ovaie si vedevano più di cinquanta uova.


3) id: 04691e01a155452994c85de673c5f4f8)
Esempio: E Ins. 35. Le mosche hanno la loro ovaia divisa in due celle.
34) Dizion. 4° Ed. .
SAPORITAMENTE
Apri Voce completa

pag.324



1) id: 19ddcc73147b44b286b646b643fb8524)
Esempio: Red. Vip. 1. 17. Fu veduto saporitamente più, e più volte lambirne.
35) Dizion. 4° Ed. .
ANTIDOTO
Apri Voce completa

pag.213



1) id: 5995b739bc384ee189b0024879f9de83)
Esempio: Red. Vip. 1. 33. Damocrate medico, e poeta greco scrisse degli antidoti.
36) Dizion. 4° Ed. .
ALLA GIORNATA.
Apri Voce completa

pag.117



1) id: e0eadf32be0a471d9dd64602be9dad81)
Esempio: Red. Vip. 1. 6. Così alla giornata si parla, come i pappagalli.


2) id: 0ae86e575b854bc297d065b0151a91c7)
Esempio: Segn. Mann. Giugn. 5. 1. Con abbracciar volentieri quelle occasioni di patire, che ti accadono alla giornata.
37) Dizion. 4° Ed. .
SANGUINARE
Apri Voce completa

pag.316



1) id: 8bfb78b6f16541e792c52c21f34ec3bd)
Esempio: Red. Oss. an. 15. La ferita cominciò fortemente a sanguinare.
38) Dizion. 4° Ed. .
PICCHIO.
Apri Voce completa

pag.609



1) id: cbfc65e007f4484197b90e4e10dedde2)
Esempio: Red. Ditir. 15. Con alti picchi De' mazzapicchi Dirompetelo, Sgretolatelo ec.
39) Dizion. 4° Ed. .
INTORMENTIRE
Apri Voce completa

pag.890



1) id: a78b9297a8204b1c9ec9a344819e22e6)
Esempio: Red. esp. nat. 40. Sentiva, ancorchè leggiermente, intormentirsi le mani.


2) id: c93c5d13da9147eb89219774a7241fe1)
Esempio: Sen. ben. Varch. 5. 25. Egli è alcuna volta, che negli animi è buona volontà, ma ella è, come dire, intormentita, ora per le troppe delicatezze, e quasi muffa, ora per non saper più oltra.