Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 804 msec - Sono state trovate 28062 voci

La ricerca è stata rilevata in 117101 forme, per un totale di 87681 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
113619 3482 117101 forme
85557 2124 87681 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
120) Dizion. 4° Ed. .
DILIBERATO
Apri Voce completa

pag.118



1) id: c691f7c67d32408e9587164a52537d9c)
Esempio: Salv. Granch. 3. 12. A dirtela io son diliberato, E tu sai, che uom diliberato Non vuol consiglio.
121) Dizion. 4° Ed. .
BRACHE
Apri Voce completa

pag.463



1) id: 6cfaa659e3424eb4970552faa105889d)
Esempio: Salv. Granch. 3. 13. Quando io Non potrò più, io calerò le brache, E mi getterò in terra.


2) id: d7b359bd67d04873a23b66b68b44bd71)
Esempio: Cecch. Incant. 2. 4. Ella porta le brache, ed egli il brachiere.


3) id: d7eb0cc296084d539c3401eb34d09608)
Esempio: Buon. Fier. 1. 5. 6. Io per me 'ntendo farmi un tratto il covo, Dove regnan le donne, ove le donne Han la bacchetta in man, portan le brache.
122) Dizion. 4° Ed. .
SUBIUNTIVO
Apri Voce completa

pag.794



1) id: c88bfee8ebda46d2aef5ce12a12b9706)
Esempio: Salv. avvertim. 1. 1. 14. Il verbo, che depende da lui, suole ec. mandare al subiuntivo.


2) id: 9853464f261b4fa1befab12ca710de2a)
Esempio: E Salv. avvertim. appresso: La regola del comechè, che spinga ognora al subiuntivo il suo verbo, non è sì ferma, che talor non si muti.
123) Dizion. 4° Ed. .
ESTERNO.
Apri Voce completa

pag.318



1) id: 39b23bec352b441ebe3f2833be9c56af)
Esempio: Salv. dial. amic. 52. Gli amici non s'aman per se medesimi, ma per cagione esterna.


2) id: 84600a8fd7e740709bb645d8838baef8)
Esempio: E Red. lett. 1. 140. Due altri de' medesimi lombrichetti erano acquattati dentro a' polmoni medesimi, penetrativi per uno di quegli esterni, e larghi forami.
124) Dizion. 4° Ed. .
ZETA
Apri Voce completa

pag.358



1) id: a511a7f755eb4009829b9c99559ab9a3)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 3. 11. Delle zete l'aspra, e la rozza composte lettere sono, ma non doppie.


2) id: 8ddeb3871b6e413d8335d1c2794bb11d)
Esempio: E Salv. Avvert. appresso: Le quai parole a niuna dell'altre zete si possono adattare.
125) Dizion. 4° Ed. .
BOLLA
Apri Voce completa

pag.446



1) id: ded3501d60534386ba1d342151c11286)
Esempio: Salv. Spin. 4. 11. Siete da voi, che d'una bolla acquaiola avete voluto fare un canchero.


2) id: 4eaa9f3ae1f943cc855e3d2b1cb623e7)
Esempio: Buon. Fier. 2. 3. 9. Andate più di bel, ch'e' non è bene D'una bolla acquaiola fare un fistolo.


3) id: ab7df4148e7844d7bb7b76c4eb09befb)
Esempio: Libr. Son. 16. Ancor cinguetta, e miagola Bolla acquaiuola, nuvol di pidocchi.
126) Dizion. 4° Ed. .
DISGOMBRAMENTO.
Apri Voce completa

pag.178



1) id: 91839e04f61240069e3224ef88e0a914)
Esempio: Salv. Granch. 3. 2. O notte, Giorno della mia vita, vita della Beata luce mia, disgombramento Di tutte le mie tenebre.
127) Dizion. 4° Ed. .
CONTINOVANZA
Apri Voce completa

pag.789



1) id: 7f933aff3ac64529b503fd5e9529a408)
Esempio: Salv. Oraz. Quel suo ineffabile, ed inestimabil guadagno ec. con tanta continovanza raccolto aveva.
128) Dizion. 4° Ed. .
RIFICCARE
Apri Voce completa

pag.157



1) id: 84453cc2e09443be9794bf059243701c)
Esempio: Salv. Granch. 1. 3. E' mi par sempre tu sii Veduto da qualcun, che corra subito A rificcarlo al vecchio.


2) id: 52c7c351cb2e4516a8f6a8b0b29cfd33)
Esempio: Fir. Luc. 5. 2. Mi credevo di averla fatta netta ec. se quel poltrone dello Sparecchia non le rificcava in cupola ogni cosa.
129) Dizion. 4° Ed. .
VOLGARIZZATORE
Apri Voce completa

pag.321



1) id: 78b10b3bfae84c41bb03b6fb2272393d)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 2. 12. È tutto pieno d'antiche voci, e parlari ec. che paion fabbricati dal volgarizzatore.


2) id: 6d1558d83f834b72aab80edc060d385f)
Esempio: Red. annot. Ditir. 3. L'antico volgarizzator Fiorentino delle Pistole d'Ovidio nel prologo dell'Epistola di Fedra a Ipolito.
130) Dizion. 4° Ed. .
CARNASCIALARE, e CARNESCIALARE.
Apri Voce completa

pag.571



1) id: 5b19cbecbeb94f0ca545fde142e6fbc0)
Esempio: Salv. Granch. 3. 4. Io voglio Andar carnescialando quà, e là Per le taverne, alle mondane, e dove Ben mi verrà.
131) Dizion. 4° Ed. .
SPIATTELLARE
Apri Voce completa

pag.664



1) id: db00e26aa5c54991b77ebf682263cd48)
Esempio: Salv. Spin. 4. 2. Non intendete voi ora il resto per voi medesimo, senza ch'io ve lo spiattelli altrimenti?
132) Dizion. 4° Ed. .
RABBUIARE.
Apri Voce completa

pag.30



1) id: eb7fb8a151b441b7b3f83aa2b34e68ca)
Esempio: Salv. Spin. 3. 2. Com'e' rabbuia punto, io starò in luogo, ch'io vedrò ec. senza che niun vegga me.


2) id: adae3015cba243e19fbb9b4685afb1cf)
Esempio: Buon. Fier. 3. 5. 1. Guardi piuttosto, Che 'n porvi su le mani L'aria d'una prigione Per questa macca non gli si rabbui.
133) Dizion. 4° Ed. .
SOFFOGGIATA.
Apri Voce completa

pag.564



1) id: 9388cf04c7e6478294f38e622ca80013)
Esempio: Salv. Spin. 2. 3. Io gli risponderò d'aver trovato un poco in là, che correva con una soffoggiata sotto.


2) id: 919d052cd428450898e5da14d1206a02)
Esempio: Fir. Luc. 4. 1. Bella cosa vedere un gentiluomo con la soffoggiata andare a casa le femmine!
134) Dizion. 4° Ed. .
PESCHERÍA
Apri Voce completa

pag.585



1) id: a25a43cf698748ac91cbce931469d7ee)
Esempio: Salv. Spin. 3. 2. Voi sapete, che a Ranocchione fino all'ombrine pareva che fosson lasche, quando passava per peschería.
135) Dizion. 4° Ed. .
BUZZICHÍO
Apri Voce completa

pag.491



1) id: 40034a9c7f374eac92f10885b7adaf25)
Esempio: Salv. Granch. 3. 7. Intanto io Starò un po' a spiar, s'io ne sentissi Buzzichío alcuno per la via.


2) id: 6283a35a753446fca0c36f9b4b2c4df0)
Esempio: Fir. Trin. 2. 6. E s'io sentissi di nuovo buzzichío, dille, che io ne la verrò ad avvisare subito.
136) Dizion. 4° Ed. .
LASAGNONE.
Apri Voce completa

pag.22



1) id: 569fba41df924b9fa31b8a4c0bda148d)
Esempio: Salv. Spin. 2. 8. Questo lasagnone aspettava di trovarsi stasera colla Spina, e troverassi coll'Agata mia compagna.


2) id: ffab01ec05334634bcca9afeb3c2235d)
Esempio: E Granch. 2. 5. Credotelo, Lasagnone; ma dì' 'l vero Fortunio, Non son io un minchione?
137) Dizion. 4° Ed. .
ANTICIPARE
Apri Voce completa

pag.212



1) id: cf6773174eca4395a8dcf93f46ed1695)
Esempio: Salv. Spin. 2. 5. Potresti esser veduto uscire, però s'anticipa il tempo del mettervi in casa nostra.


2) id: 15740de1fda54f4fac94ec68d3435228)
Esempio: Tac. Dav. stor. 3. 305. Se Antonio antivedendo, non anticipava il combattere, e vincere.
138) Dizion. 4° Ed. .
CANTAFAVOLA.
Apri Voce completa

pag.537



1) id: 5508bb7e0c084401a207658364b58eb1)
Esempio: Salv. Spin. 5. 2. E ultimamente con quella sua cantafavola mi mette a piuol per due ore.


2) id: 52898f0381b04530a00b456a9971df75)
Esempio: Car. lett. 1. 45. Avvertendovi, che è necessario, che io ve ne faccia così lunga cantafavola, perchè ho da fare con una lappola, che s'appicca ad ogni cosa.


3) id: 5660485e83ad4ecd9c1ce9ca1f7adf8b)
Esempio: Cecch. Esalt. cr. 5. 1. È sua moglie, e tu lo sai, E poi lo confortavi in mia presenza, Furfantone, perchè e' dicesse di Voler quell'altra. O. Tutte cantafavole.
139) Dizion. 4° Ed. .
CERVELLINO.
Apri Voce completa

pag.628



1) id: 6e1e11438f8646d6af96f6e8eee1b133)
Esempio: Salv. Spin. 1. 1. Andò a riconoscer le possessioni, e vi condusse seco quella cervellina di mogliamà.


2) id: 3ab5a376e5eb415bb5ed87e8290b3cb3)
Esempio: Varch. Suoc. 2. 1. Questa cervellina sa molto bene ella chi se la bevve.