Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 535 msec - Sono state trovate 24076 voci

La ricerca è stata rilevata in 99586 forme, per un totale di 74535 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
97062 2524 99586 forme
72986 1549 74535 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
80) Dizion. 4° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.2



1) id: 729d06f01ff344a19a276cfe1f504d45)
Esempio: Vit. Crist. Comincióe ad andare da Nazzarette a Ierusalemme, che v'hae da 74. miglia.


2) id: f01dcbaa54074e7e87bd705ced58760e)
Esempio: G. V. 7. 27. 7. Allora prese da 30. in 40. de' migliori baroni del Re.


3) id: fc8f9dde32e944b0b9c0fc65fdc92056)
Esempio: E G. V. 11. 93. 2. Istimavasi avere in Firenze da 90. mila bocche, tra uomini, e femmine, e fanciulli.


4) id: 9b4bf9936f264816ae4153573dd05b6d)
Esempio: E G. V. num. 3. Cinque badíe con due prioríe con da ottanta monaci; ventiquattro monasterj di monache con da 500. donne.


5) id: e859bfeb6b464ab7a6d8f0a87ea4c42a)
Esempio: Stor. Pist. 45. Quelli da san Simone, e da Montecuccoli con da 400. fanti, e da 10. uomini a cavallo.
81) Dizion. 4° Ed. .
CONFABULAZIONE
Apri Voce completa

pag.752



1) id: 9bcf7bf269eb4ca39bec85379f51773f)
Esempio: Segn. Crist. instr. 3. 4. 7. Converrà piuttosto cominciare a chiamarla casa di confabulazione.
82) Dizion. 4° Ed. .
DETERIORAMENTO
Apri Voce completa

pag.82



1) id: dbce9baf1c20430e87de3ca8efa9246e)
Esempio: Segn. Crist. instr. 1. 21. 4. Non passano a ricercar la cagione di tal deterioramento.
83) Dizion. 4° Ed. .
CASUCCIA, e CASUZZA.
Apri Voce completa

pag.590



1) id: 5000df148d0f40beb700f8e312289ba2)
Esempio: Vit. Crist. D. Oh chente era quella casuccia, dove cotali persone sono?


2) id: 529bd0b338c24ef99c09b3c2eefece2c)
Esempio: Vend. Crist. 128. E disse ec. lasciovi questa mia casuccia, e fu passato di questa vita.
84) Dizion. 4° Ed. .
SPIATORE
Apri Voce completa

pag.664



1) id: 3fd69d4f4b5043dcaee56bfa2a9a36b4)
Esempio: Vit. Crist. Guardati d'essere di strana conversazione, o d'essere curioso, e spiatore.


2) id: b93b9651c2664f36820f4f8ce03b276d)
Esempio: Red. Ins. 1. Sono i sensi tante vedette, e spiatori, che mirano a scoprire la natura delle cose.
85) Dizion. 4° Ed. .
SCOMMIATARE
Apri Voce completa

pag.405



1) id: b4f168a352744eb5b0e0d1ac38185f9e)
Esempio: Vit. Crist. Alla per fine, ringraziandole essi, si scommiatarono da tutti quanti.


2) id: 0966235eec444123a44fb16d3cb76edb)
Esempio: E Vit. Crist. altrove: Abbracciò strettamente la madre, e scommiatossi da loro, e da lei.
86) Dizion. 4° Ed. .
BORRA.
Apri Voce completa

pag.453



1) id: 5524e41fe0554f1c955c8953703ca889)
Esempio: Vit. Crist. E trassene un cotal sacconcello di lana, ovvero di borra.


2) id: 294e95f82f7a446cb00ae6c9a9fb8e91)
Esempio: Burch. 1. 18. E troverai a un filar di sorra Come le palle hanno 'l cervel di borra.


3) id: dcb212e1237c467faf37c55e88ee9e31)
Definiz: §. I. Per metaf. Ripieno, e Superfluità di parole nelle scritture, così detta, perchè la borra ad altro non serve, che a riempiere. Lat. quisquiliae; burrae, Aus. Gr. περισσλογία.
87) Dizion. 4° Ed. .
AMPLESSO.
Apri Voce completa

pag.167



1) id: 6623f4a7607c44289a659762592840ac)
Esempio: Segn. Crist. Instr. p. 3. 524. Per arrivare agli amplessi della castità.
88) Dizion. 4° Ed. .
MANIFESTISSIMAMENTE
Apri Voce completa

pag.150



1) id: 5150f828e3b044aca40ec5fb874a44de)
Esempio: Libr. Dicer. G. S. Diede manifestissimamente a vedere.
89) Dizion. 4° Ed. .
ASTRUSO
Apri Voce completa

pag.309



1) id: 347cf0489fbc4a8eb9de8cc96890ebd5)
Esempio: Segn. Crist. instr. 2. 20. 5. Si fermerà in ogni canto più astruso a mirarlo tutto.
90) Dizion. 4° Ed. .
RAMMEMORATO.
Apri Voce completa

pag.58



1) id: 32d15e4f210649a3af2e893015e52d16)
Esempio: Segn. crist. instr. 3. 27. 17. Non hanno paura d'incorrere negli eccessi rammemorati.
91) Dizion. 4° Ed. .
INDORATURA
Apri Voce completa

pag.802



1) id: 26e98df2301e4d67997c9cac1f09389b)
Esempio: Segn. crist. instr. 3. 30. 5. Bellissime indorature, ma senza fondo (quì figuratam.)
92) Dizion. 4° Ed. .
ADDOLORATO.
Apri Voce completa

pag.57



1) id: fb2f31c7d77e46318eef5fdada77bbc5)
Esempio: Vit. Crist. Certo elle erano ripiene d'amaritudine, e tutte addolorate, ed inebriate d'assenzio.
93) Dizion. 4° Ed. .
ADESIONE.
Apri Voce completa

pag.61



1) id: 6ff912ad90e24bc5aa7425f16057ca8e)
Esempio: Segn. Crist. Instr. 193. Debbe escludere ogni affetto, ed ogni adesione al peccare.
94) Dizion. 4° Ed. .
RUBICONDO
Apri Voce completa

pag.278



1) id: 281d611f60e247808fdbebb5ebb92823)
Esempio: Vit. Crist. D. Salvalo adunque, Signor glorioso, bellissimo, e rubicondo, splendiente, e allegro.


2) id: c477fae7fef84408b85af8960f15a474)
Esempio: Ciriff. Calv. 1. 19. Credo, ch'in cielo il rubicondo Marte Di sangue a questa volta sia ristucco.
95) Dizion. 4° Ed. .
INTIGNERE
Apri Voce completa

pag.886



1) id: 6c6c4f0cf694478ab0b7f1f9047a8260)
Esempio: Vit. Crist. D. Colui, che intigne meco la mano nel catino, mi tradirà.


2) id: 5608c90c529c4fa5b24f5850187ac9a0)
Esempio: Mor. S. Greg. Manda Lazzero, che intinga la sommità del dito suo nell'acqua.


3) id: f42814b15b6944858aec001659c6e902)
Esempio: E Tac. Dav. ann. 15. 218. Stando in campagna, cominciò a contaminare, e intignervi i capi dell'armata Misena (parla d'una congiura)


4) id: 1a5d3ee4ab2e46bba098afa66e7272cc)
Esempio: Tac. Dav. ann. 14. 199. Tigillino cresceva ogni dì, il quale pensando, che le malvagità, per le quali sole era potente, sarieno a Nerone più grate, intignendovi anche lui, fantasticò chi gli fusse più di tutti sospetto.
96) Dizion. 4° Ed. .
LAPIDA
Apri Voce completa

pag.17



1) id: 40063c08a170431fb68acd6d55809232)
Esempio: Vit. Crist. Chi ci rivolgerà la lapida, ch'è così grande, dall'uscio del monimento?


2) id: a18893f231bf40a0a5b187f706edaf17)
Esempio: Franc. Sacch. Op. div. Il terzo fu questo Lazzaro, che era legato, e suggellato con la lapida nel sepolcro, ovvero spelonca.
97) Dizion. 4° Ed. .
ASPERITÀ, ASPERITADE, e ASPERITATE
Apri Voce completa

pag.287



1) id: d5193f9e850f4c97a06b7310264ead0b)
Esempio: Vit. Crist. Riservarsi poi, e tenersi tanta povertade, e asperitade, afflizione, e fatica.


2) id: cbebc230d0ae476b87a8766e035711f0)
Esempio: Omel. S. Greg. Quella, che in prima per l'asperità della sua secchezza non apriva la via a' predicatori.
98) Dizion. 4° Ed. .
ANSIARE
Apri Voce completa

pag.210



1) id: cd70913b2f9d4089902f1022f79490d1)
Esempio: Vit. Crist. E quella sospira, e ansia, e guarda lo figliuolo così fedito.


2) id: dbe603110d8948fb939d32492f55cf20)
Esempio: E Vit. Crist. appresso: Vedilo ora, come è menato da quelli maladetti suso inverso Ierusalemme, affrettatamente, e ansiando.


3) id: 41edfd3f573c4afea5f848d0fd5d3bde)
Esempio: Mor. S. Greg. Fra queste cose ella ansia, e bolle, e sforzasi di salire sopra di se, ma vinta dalla fatica, ec.
99) Dizion. 4° Ed. .
VERACEMENTE.
Apri Voce completa

pag.236



1) id: b646324e628a4b87a2508936eb280241)
Esempio: Vit. Crist. Veracemente ella è vedova, e abbandonata, e non ha ove torni.


2) id: 8a4067dc887442e69cacc7093d0ddb5c)
Esempio: Mor. S. Greg. Tanto più veracemente manifestasse i sacramenti della passione sua.


3) id: e0561987bc3241db878add183d8b336f)
Esempio: Cavalc. Med. cuor. Veramente lo mormorare contro a Dio non giova niente.


4) id: e3833a1c736f4fba8f1083b731bbefc0)
Esempio: Cosc. S. Bern. Colui, che veramente si pente, e veracemente si duole del peccato suo, senza dubbio, e senza dimora riceverà la perdonanza.