Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 421 msec - Sono state trovate 9283 voci

La ricerca è stata rilevata in 31415 forme, per un totale di 21820 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
30570 845 31415 forme
21287 533 21820 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
140) Dizion. 4° Ed. .
CHIESINA.
Apri Voce completa

pag.647



1) id: bf6ac7a6e2e94f40bd9954cd76b0d8a4)
Esempio: Vit. S. Ant. Fabbricóe tra quelle boscora colle sue proprie mani una chiesina, ed una piccola celletta.
141) Dizion. 4° Ed. .
CUCUZZOLO
Apri Voce completa

pag.877



1) id: ea2ce01c8567479ca23892ff6aa0375a)
Esempio: Vit. S. Ant. Gli cascóe sul cucuzzolo del capo, e gli fece nel cucuzzolo una grande ferita.


2) id: 817d3a3a65f44a019a16321a796064c0)
Esempio: Vit. S. Gir. E che dirò più, se non che dalle piante de' piedi insino al cucuzzolo del capo non è in me, se non iniquità?
142) Dizion. 4° Ed. .
CARACCA.
Apri Voce completa

pag.559



1) id: f5cf8d88520d45b0863c03dde56b3393)
Esempio: Vit. S. Ant. Quando meno lo mercatante lo sperava, arrivóe sua caracca sana, e salva nel porto.
143) Dizion. 4° Ed. .
IMMELATO
Apri Voce completa

pag.730



1) id: 666748f6a74d46b0be1eb53b8ea39002)
Esempio: Rim. ant. F. R. Quella dolce immelata sua bocina.
144) Dizion. 4° Ed. .
BOCINA
Apri Voce completa

pag.445



1) id: 61817519bf414ce4aab7d16de52b8661)
Esempio: Rim. ant. F. R. Quella dolce immelata sua bocina.
145) Dizion. 4° Ed. .
SCONSOLARE
Apri Voce completa

pag.413



1) id: a8ba4a2ba7274140b6797e81d875a173)
Esempio: Rim. ant. F. R. Ch'abbia virtù di sconsolarla mai.
146) Dizion. 4° Ed. .
BENIGNANZA
Apri Voce completa

pag.417



1) id: 8c7a0ba9abaa4162897e180daa78c5a8)
Esempio: Rim. ant. F. R. Vengo obbligato a vostra benignanza.
147) Dizion. 4° Ed. .
ANCIDITORE.
Apri Voce completa

pag.169



1) id: 4b2fd87f314e4651855a691d5a5292f5)
Esempio: Rim. ant. F. R. Quel gran villano anciditor d'amore.
148) Dizion. 4° Ed. .
SERGIERE.
Apri Voce completa

pag.485



1) id: 5697c81b92e14a7c908aa487d34e8625)
Definiz: V. S. Sergente.
149) Dizion. 4° Ed. .
SOSPENDERE
Apri Voce completa

pag.612



1) id: e8cb333fbc5c4d32b0860acb7d9b93ae)
Esempio: Vit. S. Margh. Spogliatela, e sospendetela, e sì l'accendete con ferri ardenti.
150) Dizion. 4° Ed. .
INCORRIGIBILE, e INCORREGGIBILE
Apri Voce completa

pag.788



1) id: e9bbd82d2d7742ddbf030bbbd1c980c3)
Esempio: Vit. Plut. P. S. 5. Perchè lo vedeva incorrigibile, aveva gran dolore.
151) Dizion. 4° Ed. .
SOBBISSARE, e SOBISSARE.
Apri Voce completa

pag.555



1) id: 07436c2e36e64614902b5a4fd15d7fa8)
Esempio: Vit. S. Gio. Bat. 257. Temevano, che non sobissasse tutta quella provincia.
152) Dizion. 4° Ed. .
FAMUCCIA
Apri Voce completa

pag.342



1) id: 5729545af06c483392795c939b815a57)
Esempio: Vit. S. Gio. Bat. Perchè si destava allotta un poco la famuccia.
153) Dizion. 4° Ed. .
INFOCARE, e INFUOCARE
Apri Voce completa

pag.822



1) id: b37e60c425ee49dfa581407bd60a77d4)
Esempio: Vit. S. Gio. Bat. Infocavasi la mente sua di tanto fervore ec.
154) Dizion. 4° Ed. .
INFAMARE
Apri Voce completa

pag.807



1) id: a5017d44a9724d48a679c8351c83e1eb)
Esempio: Vit. S. Gir. Acciocchè e' credesse essere i suoi invidiosi per infamarlo.
155) Dizion. 4° Ed. .
PULLULARE, e PULLOLARE.
Apri Voce completa

pag.769



1) id: a7e72afda3ca4348af173bc3fb878e8b)
Esempio: Vit. S. Gir. E quasi mortificato il corpo, gl'incendj della libidine pullulavano.
156) Dizion. 4° Ed. .
ACCOMPAGNARE.
Apri Voce completa

pag.36



1) id: 34dfe09fd05a4b4aac88fee8d5669dc5)
Esempio: Vit. S. Gio. Bat. E accompagnossi di molta compagnía, e leggiadra gente.
157) Dizion. 4° Ed. .
STANOTTE
Apri Voce completa

pag.707



1) id: b3b66d8a59a744fabce98e51d6722ae7)
Esempio: Vit. S. M. Madd. 99. Stianci quiritta stanotte a guardare questo sangue.
158) Dizion. 4° Ed. .
A NOTTE
Apri Voce completa

pag.210



1) id: afdf6c0579924fbba024cc940ea4427f)
Esempio: Vit. S. Gio. Batt. 33. Entrar nella Città la sera a notte.
159) Dizion. 4° Ed. .
LALDARE.
Apri Voce completa

pag.10



1) id: 1aa671bee10848ebae2531aee27762e3)
Esempio: Vit. S. Margh. Fammi, signor mio Giesù Cristo, sempre degnamente laldare te.