Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 454 msec - Sono state trovate 24552 voci

La ricerca è stata rilevata in 99294 forme, per un totale di 73549 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
96137 3157 99294 forme
71585 1964 73549 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
100) Dizion. 4° Ed. .
ARRUFFARE
Apri Voce completa

pag.275



1) id: 44a7380fb3b146f28e6c21d013ae1a89)
Esempio: Vit. SS. Pad. Arruffammoci il capo, e spargemmo li capelli, e contraffacemmoci quanto potemmo.
101) Dizion. 4° Ed. .
AROMATO
Apri Voce completa

pag.265



1) id: a771e42d4a234b008e51e4b9c2a5d4d2)
Esempio: Vit. SS. Pad. Era piena d'unguenti odoriferi, e di moscado, e altre cose aromate.
102) Dizion. 4° Ed. .
MOVITIVO
Apri Voce completa

pag.300



1) id: 68518652b304468f956dbf129e7796a5)
Esempio: Vit. SS. Pad. Quelle cose, che son da Dio, hanno fondamento, e movitivo d'umiltà.
103) Dizion. 4° Ed. .
ACCETTATORE.
Apri Voce completa

pag.30



1) id: 1300cedb0b24456e9c17d2cf29b9b62e)
Esempio: Vit. SS. Pad. Lo quale è veramente Profeta d'Iddio, e non accettator di persone.


2) id: bd5041b7ce224d4dac2b3be6a528ba62)
Esempio: Mor. S. Greg. Al Centurione aperse la porta del Cielo benignamente San Piero, dicendo: Io ho trovato, che Iddio non è accettator di persone.
104) Dizion. 4° Ed. .
BALESTRATA
Apri Voce completa

pag.374



1) id: fb70485cc03946f88e10d51af7fad1f3)
Esempio: Vit. SS. Pad. Molti udirono il suono della guanciata, bene una balestrata alla lunga.
105) Dizion. 4° Ed. .
COPERTOIO
Apri Voce completa

pag.809



1) id: 5f908e70cf8846eb84e8fbf34f3fafe8)
Esempio: Vit. SS. Pad. Per li letti ornati, o preziosi abbo ec. un vile copertoio.


2) id: 269c4888eee04ed789f6a40c4e931755)
Esempio: Cr. 10. 17. 2. Sieno due reti grandi, poste in ciascun capo, siccome reti aiuoli, i quali chiamano copertoio.


3) id: 82ac0aaff2c34b0088e77cba6e869e82)
Esempio: Tac. Dav. stor. 2. 274. La notte s'attese a provvedere; i Vitelliani tavolati, graticci, copertoj, e difese per le mura rompere, e zappare; gli Otoniani, travi, ec.
106) Dizion. 4° Ed. .
RAMMARICOSO.
Apri Voce completa

pag.58



1) id: 1d7ac7ffa6a14e0181c265a913bc1eef)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 36. Chi è rammaricoso, cioè che mormori troppo, non è monaco.


2) id: 0faf7471214543048b4cd2ca9a9de3d7)
Esempio: Bocc. lett. Pr. S. Ap. 292. Con rammaricose vigilie, non mai venendo il dì, s'è consumata.


3) id: 30954be2e39744f7bb897cc223cd9a00)
Esempio: Fior. S. Franc. 158. E per contradio il religioso inobbediente, e rammaricoso, e non volontario è simile a colui ec.
107) Dizion. 4° Ed. .
ONOREVOLE
Apri Voce completa

pag.407



1) id: 19e31eb5970f41adab363d5676d8a3ca)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 107. Videle con volto chiaro, e onorevoli, vestite di bianchissime vestimenta.


2) id: 00c2ec9cd4064b06806267c079ae1af7)
Esempio: Red. Vip. 2. 6. Tutto gli sarà cagionato dalle onorevoli testimonianze, che di lui sono state fatte nella Francia.
108) Dizion. 4° Ed. .
ORA
Apri Voce completa

pag.415



1) id: bcf67f30bd4140ef9e94eeea8f3efa4c)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 288. Dopo lo spazio d'un'ora levandosi prese ardire, e disse ec.


2) id: 3f372d15e3a449398e9e954970660053)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 275. E poi dopo grande ora ec. si partirono.


3) id: 6fa4eaaa8d2b4432882220af7cd7de10)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 318. Ponendosi ginocchione a orare verso l'oriente, secondo che avea in uso di fare ognindì a dire l'ore sue.


4) id: c10e809729f140718ec9f09009d3508c)
Esempio: E Bocc. g. 2. f. 5. L'ora della cena venuta, con festa, e con piacer cenarono.


5) id: 8ba55262d84146439e7a280ff237c3f6)
Esempio: Buon. Fier. 1. 2. 5. Ma quando Disegna ei di cavarli Di chiusa? ec. martedì, Martedì di buon'ora.


6) id: ef9143b7690844f4aa0e9550603c54d2)
Esempio: Cecch. Esalt. cr. 2. 1. E sebben l'avarizia Del vecchio vi ritiene, egli è, sapete, Alle ventitrè ore.


7) id: 53a1e97afbcf4ddf8e8c0931cbfd53d1)
Esempio: Fir. Luc. 2. 4. Sta' cheto in mal'ora tua.


8) id: 4902a160099b428785394d944595b35e)
Esempio: Maestruzz. 1. 38. Sono tenuti i cherici a dir l'ore canoniche.


9) id: 0087fc7e205348ae803f9d8258c067c3)
Esempio: Red. cons. 1. 213. Gnene darei ogni mattina a buon'ora quattro once.


10) id: d82a59df3d7344d9878a5b9cd1add795)
Esempio: Dittam. 1. 3. Quando quel padre, ch'era già levato Per dir sue ore ec.


11) id: 5750bab377b04c7481144a85079ae234)
Esempio: Bemb. Asol. 1. 6. Poichè arse per Iason, acerba, e dura Fu la sua vita insin'all'ultim'ora.
109) Dizion. 4° Ed. .
PRIGIONE
Apri Voce completa

pag.718



1) id: 2ac75121b49146d088b602fa7a559006)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 40. Fece prendere lo nipote dell'abate ec. e miselo in prigione.


2) id: 4ef7c2b8ee7e455689ea14bcd7574dfa)
Esempio: Petr. canz. 19. 2. Aprasi la prigion, ov' io son chiuso.
110) Dizion. 4° Ed. .
REMITO.
Apri Voce completa

pag.101



1) id: b6af1d8f62e942b7b545dfcca2ba413d)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 166. Della qual cosa quel remito isdegnandosi partissi turbato da lui.


2) id: a063dc2f310747218fdd82c1ecf699ae)
Esempio: E Vit. S. Pad. 190. La mattina venendo li predetti giovani, che avevano con lei fatto patto, ad detto remito, sì gli dissono.
111) Dizion. 4° Ed. .
MOTTEGGIARE
Apri Voce completa

pag.298



1) id: ce8d72b8f950458bac48153ff48363b0)
Esempio: Vit. SS. Pad. 2. 92. Lo cominciò a motteggiare per inducerlo a peccare con seco.


2) id: 0f537fcafc6b46d293521ae5a85f6851)
Esempio: E Vit. SS. Pad. 97. Dopo certo tempo fu bisogno, che l'abate Silvano per certa cagione si trovasse col predetto antico Padre, lo quale aveva indotto a disperazione lo predetto frate, e trovandolo sì il motteggiò, e disse ec.


3) id: 22e7a5fc19114b8cbaef385c89e499e8)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 54. Rispose motteggiandolo, che vi sarebbe, quando il giudice delle malíe avesse citato le parti.
112) Dizion. 4° Ed. .
MORTIFICAMENTO
Apri Voce completa

pag.290



1) id: e89db58b7fec4d519dbbf2b855f81dd1)
Esempio: Vit. SS. Pad. 1. 236. Ti confesso, che non sono ancora giunta a tanto mortificamento.


2) id: 71812f0e888d42f0b0abed5318df7002)
Esempio: Gr. S. Gir. 26. Per la mirra dobbiamo intendere lo mortificamento della carne.


3) id: c7b15fd2a4624c318a07771ea105c340)
Esempio: S. Grisost. E così da ogni parte l'animo si trasmuta in uno mortificamento di mondo, e non v'è più menzione delle delizie, e della gloria di prima.
113) Dizion. 4° Ed. .
MONACHILE, e MONACILE
Apri Voce completa

pag.273



1) id: 9b612cc11a1646c29151aa9beefcd2f0)
Esempio: Vit. SS. Pad. 1. 187. Spogliógli l'abito monacile, e privollo d'ogni atto, e officio ecclesiastico.


2) id: 0415284b039a49259fb82e3172cc18d6)
Esempio: E Vit. S. Pad. altrove: Passando il giudice per la terra, stette in abito monachile bianco.


3) id: 46618e383bea461ba66de1660e4fbc13)
Esempio: E Vit. S. Pad. 2. 190. S'egli vuole negare il suo Dio, lo battesimo, e la professione monacile, dagliele.


4) id: a9ec013c73224142a83a1f00874e0af2)
Esempio: E Vit. S. Pad. 192. A costui andando io nel principio della mia gioventude, e pregandolo, che mi ammaestrasse nella vita monacile, ec.
114) Dizion. 4° Ed. .
RELIGIOSO.
Apri Voce completa

pag.99



1) id: 7d7ed5741c604ac0a24a81b1ea060254)
Esempio: Vit. SS. Pad. 1. 12. Antonio nato di nobili, e religiosi parenti delle contrade d'Egitto.
115) Dizion. 4° Ed. .
NATURALE
Apri Voce completa

pag.323



1) id: aa91e2c029af4f048744e26a1cdc8cbb)
Esempio: Vit. SS. Pad. 1. 4. È naturale disidero dell'uomo di voler sapere le cose occulte.


2) id: 801b13610bdc49c5b76620af2f702897)
Esempio: E Guid. G. 98. Ciò fue Sarpendone figliuolo del Re di Licia, e Cinabor suo fratello naturale.


3) id: def15f3de1e444cab11d02cc85a89738)
Esempio: Guid. G. 33. E sanza questi il detto Re Priamo avea trenta figliuoli naturali acquistati di diverse femmine.


4) id: ab3c08145ebf4fa09fa83dd610bec624)
Esempio: E Maestruz. 1. 70. Quattro sono le maniere de' figliuoli, alcuni sono naturali, e legittimi, cioè coloro, che nascono delle mogli; alcuni sono solamente naturali, cioè i figliuoli delle concubine, cioè di soluto, e soluta, la quale possa esser moglie ec.


5) id: a20b54d947e941e2a9bad7e7e6347a41)
Esempio: Maestruzz. 1. 69. I non legittimi non legittimamente nati, sono di molte maniere; alcuno detto è manzer, cioè colui, che propriamente nasce di meretrice; alcun altro si chiama spurio, ovvero nothus, cioè colui, che nasce della adultera; alcun'altro è chiamato naturale, cioè colui, che è nato di soluto, e soluta.
116) Dizion. 4° Ed. .
IMPENSATO
Apri Voce completa

pag.740



1) id: 5f243f821dab4565a1c0472374e6ea0e)
Esempio: Vit. S. Ant. Sono poi afflitti da impensati disastri.
117) Dizion. 4° Ed. .
ADONTOSO.
Apri Voce completa

pag.64



1) id: a807900bef8c475abf6d908db1d177ad)
Esempio: Vit. S. Ant. Quelle persone inclinate allo essere adontose
118) Dizion. 4° Ed. .
RACCONSOLARE.
Apri Voce completa

pag.35



1) id: d6368e62e8b3444da9369dfa80f4793b)
Esempio: Vit. S. Gio. Bat. Credevalsi racconsolare per quel modo.
119) Dizion. 4° Ed. .
FILOSAFO
Apri Voce completa

pag.461



1) id: 560abf4c349d43b99ca277541bd16ed1)
Esempio: Vit. S. Ant. Venettero a lui due filosafi gentili.


2) id: 310830dd474e48b9976b3f8c78c6f7bf)
Esempio: G. V. 8. 41. 3. Perocch'era, come filosafo, uomo vertudioso in molte cose. (Nelle scritture antiche si trova quasi sempre scritto così.)