Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 691 msec - Sono state trovate 14147 voci

La ricerca è stata rilevata in 54551 forme, per un totale di 40404 occorrenze

5° Edizione
Diz Giu. totali
54551 0 54551 forme
40404 0 40404 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 5° Ed. .
B,
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 28a5ff78c849408cafa1c812d9efe47c)
Definiz: § I. B molle. Lo stesso che Bimolle o Bimmolle. –


3) id: 8437772d5476418b8468f108ebffc1a9)
Definiz: § II. B quadro. Lo stesso che Biquadro o Biqquadro. –


4) id: 98740594e99b482dbb92517a22f95ea6)
Esempio: Pazz. Rim. burl. 380: E qual fu primo sì borgio cantore, Che cantò per b quadro o per b molle.


5) id: cce6391d0ed04562b4dbba58555dc8a1)
Esempio: E Pazz. Rim. burl. 380: E qual fu primo sì borgio cantore, Che cantò per b quadro, o per b molle.


6) id: f3256d154e944ea8b89aa2ad21093def)
Esempio: Not. Malm. 1, 172: Il b molle è chiave musicale o segnatura di semituono; ma qui dicendo far la zolfa per b molle, si serve della voce molle per intendere Ammollare la bocca, cioè Bere.


7) id: 6460fbf76b7f47f2ad3e9ca96a5b0bfc)
Esempio: Pazz. Rim. burl. 351: Varchi, tu canti per natura grave, Ed io l'intuono per b quadro acuto (qui locuz. figurat.).


8) id: ddbef9978c90404aace07725e4c9a5c2)
Esempio: Lipp. Malm. 2, 30: E giunto a Campi, lì fermar si volle A bere e far la zolfa per b molle.


9) id: 8bab96b110b142bfa3ac3f2f7d72d681)
Definiz: lettera labiale, la seconda dell'alfabeto e la prima delle consonanti, che i grammatici dicono mute, assai simile nel suono al P al V, dicendosi molte voci coll'una o coll'altra scambievolmente, come Serbare e Servare, Nerbo e Nervo, Corbo e Corvo, Barco e Parco. Pronunziasi Bi, e si fa tanto masc., quanto femm. Delle consonanti riceve dopo di sè nella medesima sillaba la L e la R, e vi perde alquanto di suono, come Oblio, Pubblico, Braccio, Ombra, benchè colla L di rado si trovi appresso i Toscani, e rarissimo in principio di parola, come pronunzia a loro più strana, salvo alcune voci per lo più latine, quali sono Blando, Blandimento, Bleso. Consente avanti di sè in mezzo di parola, ma in diversa sillaba, la L, M, R, S, come Albume, Lembo, Erba, Usbergo; quantunque si trovi di rado colla S in mezzo della parola, e per lo più ne' verbi composti colla preposizione Dis, come Disbrigare, e più frequentemente nella prima sillaba, come Sbandito, Sbattere; e deesi sempre la S avanti al B pronunziare col suono più sottile o rimesso, come nella voce Accusa; di che si dirà nella lettera S.
2) Dizion. 5° Ed. .
OTTANTESIMO.
Apri Voce completa

pag.762



1) id: 40a8a925b5924703aa5fb52a80baf4d3)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 41: Fiorì questo nobile artefice.... nell'olimpiade ottantatreesima.
3) Dizion. 5° Ed. .
INOLTRE, che scrivesi anche disgiuntamente IN OLTRE.
Apri Voce completa

pag.875



1) id: 3cf268d767224b2a84379d06fe912e75)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 30: Dipinse inoltre figure molto maggiori del naturale.
4) Dizion. 5° Ed. .
DISOPRA, che più comunemente scrivesi in modo disgiunto DI SOPRA.
Apri Voce completa

pag.594



1) id: a26d587974b34b7f851b75edbcac8875)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 33: La Venere di Apelle, di cui disopra dicemmo.


2) id: f4beecefb4a646cda2b3321cbd89f5eb)
Esempio: Vill. G. 675: Ma tornando al proposito alla quistione disopra, crediamo che ec.


3) id: 7717831513a549b68be2daec5dc0033c)
Esempio: Vill. G. 149: Il terzo [gonfalone] avea il disotto a vai e il disopra rosso.


4) id: f5a6b774a66f4cf9a7cd0ac1a34544df)
Esempio: Vill. G. 673: Nella chiesa e duomo di S. Giovanni salì l'acqua infino al piano disopra dell'altare.
5) Dizion. 5° Ed. .
G,
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 5d5a59da78b246cba30585c404f43d2b)
Definiz: § II. G sol re ut, è lo stesso che Gisolreutte. –


3) id: 2480fd6890694883a9ba0a13d500b868)
Esempio: Don. Tratt. Enarm. 331: I tasti neri dell'armonia ipolidia sono accordati come ne' cembali comuni, salvo che tra G ed A qui c'è l'a la mi re col b molle.


4) id: 760b5c12f45e4292baab8ff275a01441)
Esempio: E Don. Tratt. Enarm. appr.: Nella fronte del tasto B ipolidio,..... si può notare col rosso il C lidio, al quale corrisponde detta voce; nel G il D, e così l'altre di mano in mano.


5) id: faa22c5439ec4bac88aafabdb75fefeb)
Esempio: Salv. Avvert. 1, 282: Il c e 'l g da certi popoli non si posson pronunziare.


6) id: 286d0ca342c9450d931ebb9e8a176f02)
Esempio: Cavalcant. B. Retor. 263: Sono dolci comunemente quelle parole le quali hanno assai vocali, e dell'altre lettere il g, il c, lo l, lo f, lo m fanno dolcezza, tali sono amore, giovare;...... e di queste fa dolcezza qualcuna innanzi all'altra, come lo l innanzi al c in questa parola dolce, dinanzi al g, come involge; il g innanzi allo l, voglia, scoglio, e simili. Aspre certamente sono quelle nelle quali è lo r.... innanzi al g e doppo, come gorgo, agro.... Lo s ancora fa il suono insuave ed aspro dinanzi al t, nel principio della parola, innanzi al c, al g, al p, al q, al t, allo f, allo m, come in questa parola storpio, scoglio, sgraziato, sfogo.


7) id: 0179a60ce58540bb91b0c36e579f1c3b)
Esempio: Bemb. Pros. 69: Alquanto spesso e pieno suono appresso rende la F: spesso medesimamente e pieno, ma più pronto, il G.


8) id: 446a2fc1e4964ee89b5d9d6a31ff6788)
Definiz: § I. La lettera G nel diagramma musicale antico indicava il Sol in quarto spazio della chiave di basso, se era maiuscola; se era minuscola, indicava il Sol in seconda riga della chiave di violino; la g minuscola raddoppiata indicava il Sol sopra le righe. –


9) id: 27c4860fcd8d4411a8d7b1b0abf9ec4c)
Esempio: Don. Tratt. Enarm. 336: Il D senza punto fa quarta, e quinta con G sol re ut, e terza minore e sesta maggiore con.... mi.


10) id: 357c45a895d843a09b79e21c2007b958)
Esempio: E Salv. Avvert. appr.: E quando pure sforzar si vogliono o da vero o per gabbo, il c e 'l g in suono vicino a quel della s e del c, o quel della s e del g, mal lor grado son trasportati; scipolla, fansciullo, mansgiare, e sgiusgiola, che è quasi natio a' Franceschi.


11) id: ae1ed24caa304503bc6832dfc8d94b8c)
Esempio: Papin. Lez. Burch. 73: Osservate attentamente come il nostro Burchiello, in grazia della venerabile antichità, dice Gaio, come lo dicevano gli antichi, i quali avevano maggior piacere della G, che della C.


12) id: 882dde71a1f54bc69732efd21e1daaa6)
Esempio: E Don. Comp. Music. 30: Mi par anco molto a proposito di due sistemi segnare l'uno col nero.... e l'altro col rosso: il che riuscirà molto commodo per notare quelle voci metaboliche che cadono in amendue tra il G e l'A, e tra il D e l'E.


13) id: 92147034832046418dd0aa3d12f9db88)
Esempio: Buomm. Ling. tosc. 31: Il G corre la medesima sorte del C, e segna due suoni, l'uno muto, ottuso e rotondo, come in garbo, gostanza, gusto e grotta; l'altro chiaro, acuto e sonante, come in gente, generoso, ginepro. Ma acciocchè e' suoni ottuso, se gli aggiugne l'H, scrivendo gheppio, gherone, ghianda, ghiotto, ghirlanda: e se dee sonar chiaro, si contrassegna con I; già, giallo, giogo, e giusto.


14) id: ed5be8cbc8614d75ac0392a942d0593a)
Esempio: Marrin. Annot. Baldov. Lament. 188: Mutata la R in L si fece facilmente lifriggerio. Ma perchè la difficoltà potrebbe piuttosto battere sopra quei due GG, dico che, quand'anche non si fossero trovati esempj, ognuno però poteva restar persuaso, che questa voce era secondo il gusto de' nostri vecchi, riflettendo che essi sovente raddoppiavano il G nelle voci, come si vede in reggia, brivileggio, Cartaggine, rifuggio, ec., e molto più nella voce fugga per fuga usata dal Boccaccio.


15) id: 6a97b289348d47d1bb752f3c32f7f7a5)
Definiz: lettera palatina, la settima dell'alfabeto e la quinta delle consonanti, che i grammatici dicono mute. Pronunziasi Gi, e si fa di gen. masc., e anche femm. Per l'affinità del suono il G si sostituisce in molte voci al C e alla Z, dicendosi Gastigare e Castigare, Luogo e Loco, Lagrima e Lacrima, Servigio e Servizio, Palagio e Palazzo. Innanzi alle vocali A, O, U, ha suono più muto e più rotondo, come in Gala, Gora, Gusto: innanzi alle vocali E ed I si manda fuori più ammollita, come in Gelido, Giro; ma per darle il suono che ha colle altre tre vocali, le poniamo l'H dopo, come in Ghermire, Ghiaccio; in quel modo che per darle il suono ammollito avanti all'A, E, U, si pone tra essa e queste vocali un I, scrivendo Giacere, Giogo, Giubba. Si assimila alla lettera M, come in Domma, Flemma; e talora, nel mezzo della parola, davanti a vocale sparisce, come in Reale per Regale, in Sciaurato per Sciagurato, in Reina per Regina. Talvolta si cangia in V, come Fragola in Fravola. Seguita dalle vocali ia colle quali formi sillaba, talora si cambia popolarmente in D; come ad es., Ghiaccio in Diaccio, Giacere in Diacere, Giacinto in Diacinto. Non si pone il G avanti ad altre consonanti che alla L, alla N, alla R, nella stessa sillaba, e perde alquanto del suo suono, come in Gloria, Ignavia, Grazia. Ammette avanti di sè nel mezzo della parola, ma in diversa sillaba, la L, N, R, come Volgere, Fango, Argine. La S le va avanti nel principio della parola o della sillaba, come in Sgabello, Sgherro, Sgorbio, Sgualdrina. Ng, dinanzi ad E ed I, o si conserva, o per metatesi diventa Gn, come Ungere e Ugnere, Angiolo e Agnolo, Piangere e Piagnere. –
6) Dizion. 5° Ed. .
GRAZIOSO.
Apri Voce completa

pag.576



1) id: 93f4204771d4412a8f39285aa9c6a3d3)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 18: Fu costui (Apelle) maraviglioso nel fare le sue opere graziose.


2) id: 7009fa4098ff440ba3735da98fbf3022)
Esempio: Macingh. Strozz. Lett. 112: Era grazioso fanciullo e ben si faceva volere a tutti.


3) id: e960efa63af74d749071219d49108af6)
Esempio: Ross. B. Cical. III, 2, 8: Lasciamo stare (per non essere, a raccontare, cosa ch'abbia molto del grazioso) quello che ne pativa il naso.


4) id: 0a04dc94f3814410b4c7e68c28e1411a)
Esempio: Tass. Lett. 2, 42: Ma ora ch'egli (Iddio) è di tanti doni grazioso, consiglia anche noi a dimenticarsi ogni affetto di vendetta.


5) id: a66b9b54839544db94ff44c1e24c3c1d)
Esempio: Segn. B. Rettor. volg. 112: Inverso di chi s'usi la grazia e per che conto, e qualmente sieno fatti gli uomini graziosi, diffinito, che cosa sia grazia fia manifesto.


6) id: 8b3103ba208841419b059b0d3d1dd26d)
Esempio: Segn. B. Polit. volg. 319: Ma oggi li cittadini graziosi appresso il popolo, per gratificarselo mediante li giudizj, mettono in commune la più parte delle facultà dei cittadini ricchi.


7) id: 04e7eef2e729444283e1ffc5945729f6)
Esempio: Cell. G. Maestruzz. volg. 1, 10: E nota che nel pigliamento degli ordini si dà la grazia la quale fa grazioso.


8) id: fcf810b922034ea2a8593b24ffdb774d)
Esempio: E Macingh. Strozz. Lett. 179: Non siàno certi di farlo (il passo della morte) in quel modo che ha fatto el mio grazioso figliuolo Matteo.


9) id: e900374af6b844e78c14ed80e2d87233)
Esempio: E Segn. B. Rettor. volg. 113: Chi porge aiuto a' poveri ed a' ribelli, avvenga che piccolo sia il benefizio che ei faccia loro, nondimanco.... chi gli aiuta debbe esser tenuto uom grazioso, ec.


10) id: 24f0bb089f404db797f18c812f7e4f06)
Esempio: Rep. Fir. Lett. Istr. 12, 136: Ancora prega e conforta lui che a ciò debba lietamente venire, pensando quanto la pace è grazïosa a Dio e agli uomini.


11) id: bc05882edb364c7d895ee889809b1977)
Esempio: Fr. Guitt. Lett. 74: Dio, per sua grazia magna, bel dolze amico, donimi grazia e tempo in tante grazie risponderti grazioso, ovvero esso, che può, per me grazisca.


12) id: 2f245dfd695645d68e02a9e6b9291e6e)
Esempio: Vill. G. 441: Questo Dante per suo savere fu alquanto presuntuoso, schifo e sdegnoso; e quasi a guisa di filosofo mal grazioso, non ben sapeva conversare co' laici.


13) id: 80aac2a9dbfd4233b7d66754e8a2051f)
Esempio: Segn. B. Rettor. volg. 112: La grazia è quella per il cui mezo, chi possiede un bene, si dice esserne grazioso inverso di chi n'ha di bisogno; non per riceverne all'incontro grazia, nè perchè a lui che la fa, ne riesca alcun bene, ma ec.


14) id: e39f9d725da147a3827580bdf91820fb)
Esempio: Red. Lett. 1, 94: Questo canale, prima di arrivare a i polmoni, entrava in una cavità ossea dello sterno; e quivi facendo un grazioso andirivieni, si portava poi con doppia e lunga foce a' polmoni medesimi.


15) id: 92f4bc5900ed4fddb18cf08b7b5e1c9b)
Esempio: Bus. Lett. 39: Costor dua.... confidavano assai in Baccio, il quale in vero fu sempre grazioso verso ciascuno, e meglio che nessuno altro Pallesco;... e Baccio, che per sua natura era benigno, dava loro buona speranza.


16) id: f1bab556e29b457bbd03b4f9333af13d)
Esempio: Cell. G. Maestruzz. volg. 2, 7, 6: L'altro modo è da considerare quello che dee fare il benefattore; e in prima non dee essere legiere a vendicare la 'ngratitudine.... E ancora dee atendere a questo che dello 'ngrato faccia grazioso; e se nol può fare col primo beneficio, forse che 'l farà col secondo.
7) Dizion. 5° Ed. .
BIMOLLE, e anche BIMMOLLE
Apri Voce completa

pag.185



1) id: af4584c43b3b4242919fb84e7f4be0d6)


2) id: 72f7b0d809fb42688aaffe340eb64e6f)


3) id: 60b8f09a378c4a21a2b2b65ee9a75087)
Definiz: Sost. masc. Term. di Musica, e vale Scemamento d'un semituono. E chiamasi così anche il segno in forma di b, che si pone presso la nota musicale. −
8) Dizion. 5° Ed. .
MOLLE
Apri Voce completa

pag.438



1) id: c4bef3a48ac7410695a0f67a9e5937ad)


2) id: bc873053ad474cc1862f1b6fbedb2ccb)
Definiz: § XXXI. B molle. –


3) id: 817c1cb610df4ddda16f13ab0cd7bca5)


4) id: e33cddfc046044e4b3c173f7aaa82797)
Esempio: Lat. B. Tesorett. 176: Non sie lanier, nè molle, Nè corrente, nè folle.


5) id: d20b49faf6744f8fa3fe426571382b09)
Esempio: Lat. B. Tesorett. 168: Non mostrar pavento A uom ch'è molto folle, chè, se ti trova molle, Piglieranne baldanza.


6) id: 042acff751334ab2a2ae3d08ebd8b006)
Esempio: Red. Lett. 1, 289: Questo proviene dallo stato del terreno, un poco più umido e molle, o meno umido.


7) id: a9fd1c51ea9f492a826a0bce6be0ad8e)
Esempio: Red. Lett. 2, 281: È un verme (la bruma) lungo, mòlle, mencio, vincido, e molto più vincido di qualsisia lombrico.


8) id: b93c7049d1684b84b0e073d2a2a6b46b)
Esempio: Cavalcant. B. Retor. 51: L'uomo molle e delicato, il quale ha questo vizio, che e' non può tollerare quello che tollerano i più de gli uomini, pecca e offende nell'abbracciare troppo l'ozio, la pigrizia e la trascuraggine.


9) id: 4d97613ee0d84f01a1e483dac4cfcc31)
Esempio: E Bart. D. Suon. 276: Venendo dunque dal laberinto l'aria per H ed entrando per D D D fino a G, dove.... il nervo molle ch'è l'uditorio, parte maiore, cochleae centro insistit, ec.
9) Dizion. 5° Ed. .
CRESPA.
Apri Voce completa

pag.984



1) id: 52fb8cec0f884fab8f6b7b17de78929c)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 11: Primo mostrò le vene ne' corpi, e ne' vestimenti le crespe.


2) id: 1cb682fc76e248fd922b500b4532d9b4)
Esempio: Red. Lett. 2, 225: Una giornea.... rannicchiata, raggrinzata, e con crespe, perchè meglio gli tornasse addosso.


3) id: dbfb741608354f9692037c59f33284d2)
Esempio: Tass. Lett. 2, 373: Vi prego che me ne mandiate due [camicie] di quelle, del signor Flaminio, con le crespe.


4) id: fb896a577bd04abc8239e14c2668b83f)
Esempio: Serdon. Lett. Ind. volg. 835: Fatta di legno giallo, che ha certe crespe o marezzi a onde di eccellente leggiadria.
10) Dizion. 5° Ed. .
NOLEGGIATO.
Apri Voce completa

pag.186



1) id: 40f9dcdcf40b49a3b193625dbf7ef87b)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 32: Noleggiata una nave, con gran prestezza favorito dai venti, fuggì via.
11) Dizion. 5° Ed. .
DIPINTORE e talora anche DIPIGNITORE.
Apri Voce completa

pag.404



1) id: 12a70eb0a2ee4dbdb472bc0549168f47)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 20: Egli (Alessandro) proibì a ciascuno dipintore il ritrarlo, fuori che ad Apelle.


2) id: c0d88023cd264c6db0bde6238a1a8a0a)
Esempio: Zanott. G. P. Avvert. 3: Lodovico Prospero Fontana, dipintore più pratico e precipitoso, che terso e ben gastigato.
12) Dizion. 5° Ed. .
DIMETTERE.
Apri Voce completa

pag.361



1) id: 89141af1e11749d682085b34a5cf8ab2)
Esempio: Cell. G. Lett. 27: La carità dimette ogni misfatto.


2) id: 7ce9cdea188b4867a08754248129c609)
Esempio: Lat. B. Tesorett. 158: Cosa che tu promette, Non vo' che la dimette.


3) id: 90e2595824644193be9359b34a5a0a05)
Esempio: Vill. G. 537: In nulla guisa volle veder la moglie nè 'l figliuolo, nè dimettere, nè perdonare.
13) Dizion. 5° Ed. .
MACINATORE
Apri Voce completa

pag.606



1) id: 848326bbeecb4ead8f47b1571579ced8)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 33: Non si deve lasciare indietro uno Erigono, macinatore di colori nella bottega di Nealce.


2) id: bd65be76515f490a8accc3f97d23bb9e)
Esempio: Maff. G. P. Vit. Confess. 3, 145: Tutta la vita dell'uomo si può rassomigliare ad un molino posto sopra un rapido fiume. Siano adunque a questo molino diversi macinatori, alcuni sì negligenti, che ec.
14) Dizion. 5° Ed. .
MINA.
Apri Voce completa

pag.275



1) id: c59132e2afd748cab934449be3fd1207)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 26: Ebbe da Mnasone principe degli Elatensi, per dodici Dei dipintigli, trecento mine per ciascuno.
15) Dizion. 5° Ed. .
DIPINTURA.
Apri Voce completa

pag.405



1) id: c92578977c80470586076ffdecae029a)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 12: Dalla varietà delle dipinture che drento vi erano, fu chiamata [la loggia] la Varia.


2) id: f0fce6b15b65457ea6e4d5442347cc1e)
Esempio: Ricc. S. Cat. Lett. 88: Non è che non abbi caro Ogni cosa, e le dipinture sue sopra ogni cosa.


3) id: 9a33dec47e4449a68256ed20a1674455)
Esempio: Vill. G. 692: Maestro Giotto nostro cittadino, il più sovrano maestro stato in dipintura, che si trovasse al suo tempo.


4) id: f0760b9b658840b5848aa2000328ec71)
Esempio: Bocc. Lett. 274: Oltre a ciò vi veggiamo.... assai, i quali, quale con continenzia gravissima, quale con non dire mai parola, e chi con l'andar grattando i piedi alle dipinture,... i quali tutti ricercando, non si troverrà sappiano annoverare quante dita abbiano nelle mani.
16) Dizion. 5° Ed. .
MOSTO
Apri Voce completa

pag.593



1) id: 7d4892787f93464ea8f8796851cdc76f)
Esempio: Bentiv. G. Lett. 36: Vini, che tuttavia tirano al mosto.


2) id: 0ad7986bde0e475486b51a50862d12cd)
Esempio: Franz. M. Lett. IV, 2, 184: Pertanto io non l'aspetto, e così messer Antonio, primachè fatto il mosto.


3) id: 83476c311b30492998925cd817a25999)
Esempio: Giambull. B. Ciriff. Calv. 1, 444: E pernici e fagiani e quaglie arrosto Fur pòrte lor da quella dama onesta E vin solenni, non crediate mosto.


4) id: be1c6067e1b248bb969dde8c61e235d1)
Esempio: Magal. Lett. scient. 43: Ma voi siete poco accorto! a dire non sovvenirvi di quanto bell'esempio servisse il tino, entrovi la vinaccia ed il mosto, a quel sovrano ingegno franzese, che voi pur tanto ammirate.
17) Dizion. 5° Ed. .
LANGUENTE
Apri Voce completa

pag.65



1) id: 1b8a6614a07f40e8aa539aac489ab473)
Esempio: Lett. Rom. G. Cr. 26: Risucita morti e sana languenti.
18) Dizion. 5° Ed. .
FINESTRETTA.
Apri Voce completa

pag.132



1) id: 9f5818d4c249401cbfeaf3a080a4eb92)
Esempio: Adr. G. B. Stor. 178: Vi aveva aperte alcune finestrette per trarre.
19) Dizion. 5° Ed. .
FACELLINA.
Apri Voce completa

pag.469



1) id: dfd153bce3ff4deeab9634ec5d4dcdb0)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 18: Una suocera che portava la facellina innanzi a una nuora che ne andava a marito.
20) Dizion. 5° Ed. .
MESCOLARE
Apri Voce completa

pag.150



1) id: 05de6d97dae34086a2bfc2d66f149967)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 40: Per arte mescolando il rame chi con oro, chi con argento, e chi con istagno.


2) id: d133b68c11d64e12b9306301f62f43f2)
Esempio: Adr. G. B. Stor. 74: Il che il Papa ostinatamente negava, nè gli pareva dovere che l'Imperadore od altri fra lui ed i suoi vassalli si mescolasse.


3) id: 1eee2fc3670d4fe3b468a3f77d241ab7)
Esempio: Tass. Lett. 1, 212: Fatto questo fondamento di verità, comincio a mescolare il vero col falso verisimile.


4) id: c252aee2b7d74441a20040e4bd166c55)
Esempio: Ricett. fior. G. 93: I medicamenti si coloriscono mescolandovi alcune cose colorate, come verderame, cinabro, ec.


5) id: 85d356087d6e4d7f93830e00206032c9)
Esempio: Dat. Lett. 130: Mescolando dopo gli atti della tragedia cinque intermedietti affatto ridicoli e ben concatenati, ne risulterebbe che ec.


6) id: ff129f03723f45eeb96a4ea1b6450558)
Esempio: Bard. G. Vill. Adr. 4: Avvi in ripa al fiume, che vèr levante riguarda, il tempio dedicato ad Albunia, ninfa dell'acque che col fiume Aniene si mescolano.


7) id: 19eaf59e93414430b7bd18d8cf2db290)
Esempio: Cecch. Comm. ined. 402: Io e questo balordo del famiglio, E, s'e' bisognassi, anco messer Giulio.... B. Lassa un po' stare il mescolarci Giulio; Chè se io lo cavo or di quest'imbroglio, Se e' pratica mai più dove lui, tignimi.


8) id: d3c298ec47544d6094c2c7b782b25066)
Esempio: Bentiv. G. Guerr. Fiandr. 1, 573: Contuttociò non finiva Don Giovanni di prestar fede a questi rapporti; dubitando, che non potessero venir mescolati con artifizio, per farlo precipitare in qualche disperata risoluzione.


9) id: 4e4ba1514b1f4ef8a53631e05a6bbbfa)
Esempio: Poliz. Lett. 251: Io non mi fido in quelli che voi dite non conoscono il buono, ma pure conoscono qualche cosa; perchè talvolte si mescola quel giudicio, col quale non conoscano il buono, e prepondera a quell'altro col quale conoscano qualche cosa.