Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 495 msec - Sono state trovate 9900 voci

La ricerca è stata rilevata in 33727 forme, per un totale di 23827 occorrenze

5° Edizione
Diz Giu. totali
33727 0 33727 forme
23827 0 23827 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 5° Ed. .
B,
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 98740594e99b482dbb92517a22f95ea6)
Esempio: Pazz. Rim. burl. 380: E qual fu primo sì borgio cantore, Che cantò per b quadro o per b molle.


3) id: cce6391d0ed04562b4dbba58555dc8a1)
Esempio: E Pazz. Rim. burl. 380: E qual fu primo sì borgio cantore, Che cantò per b quadro, o per b molle.


4) id: 6460fbf76b7f47f2ad3e9ca96a5b0bfc)
Esempio: Pazz. Rim. burl. 351: Varchi, tu canti per natura grave, Ed io l'intuono per b quadro acuto (qui locuz. figurat.).


5) id: 28a5ff78c849408cafa1c812d9efe47c)
Definiz: § I. B molle. Lo stesso che Bimolle o Bimmolle. –


6) id: 8437772d5476418b8468f108ebffc1a9)
Definiz: § II. B quadro. Lo stesso che Biquadro o Biqquadro. –


7) id: f3256d154e944ea8b89aa2ad21093def)
Esempio: Not. Malm. 1, 172: Il b molle è chiave musicale o segnatura di semituono; ma qui dicendo far la zolfa per b molle, si serve della voce molle per intendere Ammollare la bocca, cioè Bere.


8) id: ddbef9978c90404aace07725e4c9a5c2)
Esempio: Lipp. Malm. 2, 30: E giunto a Campi, lì fermar si volle A bere e far la zolfa per b molle.


9) id: 8bab96b110b142bfa3ac3f2f7d72d681)
Definiz: lettera labiale, la seconda dell'alfabeto e la prima delle consonanti, che i grammatici dicono mute, assai simile nel suono al P al V, dicendosi molte voci coll'una o coll'altra scambievolmente, come Serbare e Servare, Nerbo e Nervo, Corbo e Corvo, Barco e Parco. Pronunziasi Bi, e si fa tanto masc., quanto femm. Delle consonanti riceve dopo di sè nella medesima sillaba la L e la R, e vi perde alquanto di suono, come Oblio, Pubblico, Braccio, Ombra, benchè colla L di rado si trovi appresso i Toscani, e rarissimo in principio di parola, come pronunzia a loro più strana, salvo alcune voci per lo più latine, quali sono Blando, Blandimento, Bleso. Consente avanti di sè in mezzo di parola, ma in diversa sillaba, la L, M, R, S, come Albume, Lembo, Erba, Usbergo; quantunque si trovi di rado colla S in mezzo della parola, e per lo più ne' verbi composti colla preposizione Dis, come Disbrigare, e più frequentemente nella prima sillaba, come Sbandito, Sbattere; e deesi sempre la S avanti al B pronunziare col suono più sottile o rimesso, come nella voce Accusa; di che si dirà nella lettera S.
2) Dizion. 5° Ed. .
LARGITÀ, LARGITADE e LARGITATE.
Apri Voce completa

pag.85



1) id: c50ae1333266410f94c41c54ca41065a)
Esempio: Bracc. B. Rim. 123: Piange e s'attrista ancora Largitade.


2) id: fb784e0cbb0143f395c6e55e07884491)
Esempio: E Bracc. B. Rim. appr.: Speranza e carità li fan compagna; Nel tuo fonte si bagna La Largità.


3) id: 9bc55c12985d4f06b477f6404835d126)
Esempio: Buonarr. M. V. Rim. G. 304: Largità larga, onor, virtù del cielo.


4) id: d5d2cec0c13a49e38dae8436ab82e67b)
Esempio: Petr. Rim. 2, 91: Natura non voi, nè si convene, Per far ricco un, por gli altri in povertate: Or versò in una ogni sua largitate.
3) Dizion. 5° Ed. .
DIVORATORE.
Apri Voce completa

pag.784



1) id: 2bb3603bdbd24a1e8bb3edf3162e2a28)
Esempio: Bonich. Bind. Rim. B. 128: Divorator de' minor animali.
4) Dizion. 5° Ed. .
GICHERO e talora anche GICARO e GIGARO.
Apri Voce completa

pag.212



1) id: 124816da0962405980cbce1a4396cba3)
Esempio: Ben. B. Rim. 15: In gichero convertasi il ghiaggiuolo.
5) Dizion. 5° Ed. .
BIMOLLE, e anche BIMMOLLE
Apri Voce completa

pag.185



1) id: af4584c43b3b4242919fb84e7f4be0d6)


2) id: 72f7b0d809fb42688aaffe340eb64e6f)


3) id: 60b8f09a378c4a21a2b2b65ee9a75087)
Definiz: Sost. masc. Term. di Musica, e vale Scemamento d'un semituono. E chiamasi così anche il segno in forma di b, che si pone presso la nota musicale. −
6) Dizion. 5° Ed. .
MOLLE
Apri Voce completa

pag.438



1) id: c4bef3a48ac7410695a0f67a9e5937ad)


2) id: bc873053ad474cc1862f1b6fbedb2ccb)
Definiz: § XXXI. B molle. –


3) id: 817c1cb610df4ddda16f13ab0cd7bca5)


4) id: e33cddfc046044e4b3c173f7aaa82797)
Esempio: Lat. B. Tesorett. 176: Non sie lanier, nè molle, Nè corrente, nè folle.


5) id: ba09037b9ad54fbba11e32f13dff578e)
Esempio: Capor. Rim. 478: Di molle alga marina Cinto per onestà l'ignudo fianco.


6) id: d20b49faf6744f8fa3fe426571382b09)
Esempio: Lat. B. Tesorett. 168: Non mostrar pavento A uom ch'è molto folle, chè, se ti trova molle, Piglieranne baldanza.


7) id: 7dc5f134cb9244c8bfed21a95755e0d3)
Esempio: E Petr. Rim. F. 135: Pensando nel bel viso più che umano, Che può da lunge gli occhi miei far molli.


8) id: c20b62ebf17745e69cf6e7b39fd2a5a2)
Esempio: E Petr. Rim. F. 59: Roma ogni ora, Con gli occhi di dolor bagnati e molli, Ti chier mercè da tutti sette i colli.


9) id: f89675bbe5d74c489ddab9eed2d47096)
Esempio: Petr. Rim. F. 35: Quando mia speme già condutta al verde Giunse nel cor, non per l'usata via; Che 'l sonno tenea chiusa, e 'l dolor molle.


10) id: b93c7049d1684b84b0e073d2a2a6b46b)
Esempio: Cavalcant. B. Retor. 51: L'uomo molle e delicato, il quale ha questo vizio, che e' non può tollerare quello che tollerano i più de gli uomini, pecca e offende nell'abbracciare troppo l'ozio, la pigrizia e la trascuraggine.
7) Dizion. 5° Ed. .
OCCUPAMENTO.
Apri Voce completa

pag.390



1) id: b18286354a30480d9277a8e0857fab45)
Esempio: Rim. Ant. B. 169: Nè ira fare in lui occupamento.
8) Dizion. 5° Ed. .
DISSOLUTO.
Apri Voce completa

pag.666



1) id: 5a3ad19d677841249b65be68adc362b4)
Esempio: Bonich. Bind. Rim. B. 187: Fa vita dissoluta e disperata.


2) id: 17ed8e2d38fe4e73bf43ef21b5cc38d0)
Esempio: Adr. G. B. Lett. 28: Ebbe alcun nome poco innanzi alla età d'Augusto un Arellio, il quale fu tanto dissoluto nell'amore delle femmine, che mai non fu senza.
9) Dizion. 5° Ed. .
ASCIOLVERE.
Apri Voce completa

pag.737



1) id: 5c9f2119330d41ebb0bab1e82bc62589)
Esempio: Ben. B. Rim. 34: Gli asciolveri senz'essa [carbonata] non si fanno.


2) id: 3d7dad68237d4a4cb8906097774e1879)
Esempio: Allegr. Rim. Lett. 163: Quattro son l'ore determinate del mangiar usitato, cioè dell'asciolvere, del desinare, della merenda e della cena.
10) Dizion. 5° Ed. .
INNOCENTE.
Apri Voce completa

pag.865



1) id: 82ed8586aabc43e68a5ab387cb2dd95a)
Esempio: Bonich. Bind. Rim. B. 66: Grav'è stare innocente tra i corrutti.


2) id: 3051b18ac6dc46399e1fef2d74df5081)
Esempio: Bertin. R. Rim. burl. 287: A Vostr'Altezza più ringraziamenti Rendo, che non ha maggio o fiori o foglie,... Più che non son bastardi agli Innocenti, ec.


3) id: 002978de2c6e47fd803f3fe3eb3b68d0)
Esempio: Petr. Rim. 1, 176: Ma l'ingordo Voler, ch'è cieco e sordo, Sì mi trasporta, che 'l bel viso santo E gli occhi vaghi fien cagion ch'io pera, Di questa fera, angelica, innocente (qui figuratam.).
11) Dizion. 5° Ed. .
FIDECOMMISSARIO, e anche FEDECOMMISSARIO e FEDECOMMESSARIO.
Apri Voce completa

pag.43



1) id: 2ed40891c95b4276b296984cd424e7c1)
Esempio: Bonich. Bind. Rim. B. 61: E fedecommissarj àn libri e carte.
12) Dizion. 5° Ed. .
OTRE.
Apri Voce completa

pag.759



1) id: 0c61e62e960f4a1cb83c1e8b75d039da)
Esempio: Bonich. Bind. Rim. B. 170: Io fui già capra, bench'or otre sia.
13) Dizion. 5° Ed. .
OPERATO, e poeticam$. OPRATO.
Apri Voce completa

pag.553



1) id: d696e633c81a4f839c51241ab81f8bc6)
Esempio: E Bocc. Rim. B. 124: Piangendo il tempo, ch'ò lasciat'adietro, Mal operato.


2) id: c69655c173bb497bb86713ca5488cc24)
Esempio: Guerrazz. Racc. 190: Lo vestii nobilmente di pantaloni bianchi di rara tela russa, sottoveste di raso operato, ec.


3) id: a1783d6b2c754872aaf9cf7a0c1c3ddc)
Esempio: Segn. B. Etic. volg. 20: Sappiasi l'operazione essere in due modi. In uno, dove ella è fine, e in tal grado è l'operazione sensitiva e intellettiva.... In un altro modo l'operazione non si dice fine, ma l'operato; e questo avviene in quella arte che ha il fine nella cosa fatta, siccome ha il muratore nella casa, ec.
14) Dizion. 5° Ed. .
CAGNACCIO.
Apri Voce completa

pag.366



1) id: 14062e830d844623a717ae7ee76cc88f)
Esempio: Ben. B. Rim. 24: Non guarda così fiso un catriosso Affamato cagnaccio.


2) id: 0cb480471d134527bd3d114aa46a66a4)
Esempio: Bern. Rim. burl. 3, 15: Giace sepolto in questa orrenda buca Un cagnaccio superbo e traditore.


3) id: 1a66abfe2d0e426eb9c76f547dfc7a31)
Esempio: Fag. Rim. 2, 154: Per la Germania stanno più avvertiti, Com'io vidi, a estirpar questi cagnacci.
15) Dizion. 5° Ed. .
MORALE
Apri Voce completa

pag.521



1) id: c2987808bd5b4fc4bc74e18f4d5c40bd)
Esempio: Bonich. Bind. Rim. B. 101: Chi vuol viver morale Non viva piagentero.


2) id: 217ccbb0067a419da76e2280b88a4bc4)
Esempio: Fiorett. B. Proginn. 1, 16: Mi persuado aver letti con diligenza tutti gli autori Greci, Latini e Toscani, che sieno essenziali a questo indirizzo nostro: ciò sono tutti i poeti e le poetiche;... tutti i filosofi morali; ec.
16) Dizion. 5° Ed. .
MENZOGNA
Apri Voce completa

pag.104



1) id: 93d14378f215437299f74f8a32446a65)
Esempio: Fr. Guitt. Rim. B. 1, 19: Dal ver so la menzogna 'strarre.


2) id: 18a5dc80dd97435f80633e7d612cdff4)
Esempio: E Petr. Rim. 1, 208: Talor menzogna e talor vero Ho ritrovato le parole sue.


3) id: 7b50330549e445b8bef2a93f47b0534c)
Esempio: Petr. Rim. 2, 116: Questi in sua prima età fu dato all'arte Da vender parolette, anzi menzogne.


4) id: 43d7a9df692d4e75ae3853a707d1f48e)
Esempio: Petr. Rim. 1, 61: Perch'io t'abbia guardato di menzogna..., Ingrata lingua, già però non m'hai Renduto onor, ma fatto ira e vergogna.
17) Dizion. 5° Ed. .
MENA.
Apri Voce completa

pag.64



1) id: 6a05286f5ae647bda94812fa1135ec81)
Esempio: Rim. Ant. P. N. B. Enz. Re. 33: Ch'Amor mi dà mena.


2) id: 92e1fa25f59740e0a1a9a475a254130f)
Esempio: Fr. Guitt. Rim. 1, 114: Non tien d'amar gran mena Corpo a cui appena viver lice.


3) id: 8562d3a2a4654793afbaec75c48c5456)
Esempio: Fr. Guitt. Rim. 1, 87: La via che a ciò mena (all'acquisto dell'onore), È prodezza ed ardire, E dire e far ch'ai boni amico sia; Far di sè bella mena Con vita onesta e gente. E 'n gente tutta usar ben cortesia.
18) Dizion. 5° Ed. .
DISPREGIATRICE e DISPREZZATRICE.
Apri Voce completa

pag.647



1) id: f6ecd9a3b4bc4a71a9f87347dcf72b86)
Esempio: Ben. B. Rim. 83: La chiara fede Dispregiatrice d'oro e di mercede.
19) Dizion. 5° Ed. .
OLIERA.
Apri Voce completa

pag.441



1) id: 31082be4a9e248609c53d1acd623005a)
Esempio: Guerrazz. Racc. 243: Aveva davanti un'oliera, con olio, aceto, pepe e sale.
20) Dizion. 5° Ed. .
ASINELLO.
Apri Voce completa

pag.744



1) id: 044128797e42492f9147535afa8a4eb0)
Esempio: Ben. B. Rim. 4: Là porterott'io, Se gli azzoppassi 'l mio caro asinello.