Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 639 msec - Sono state trovate 7464 voci

La ricerca è stata rilevata in 21262 forme, per un totale di 13797 occorrenze

5° Edizione
Diz Giu. totali
21262 0 21262 forme
13797 0 13797 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 5° Ed. .
CERCATRICE.
Apri Voce completa

pag.766



1) id: 3c776f15fc824f85836d2d1dd22a8279)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 87: L'avarizia è cercatrice de' nascosti guadagni.
2) Dizion. 5° Ed. .
MALLEVADORE
Apri Voce completa

pag.733



1) id: a00a050469294ffdbfb49514cd03bd24)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 40, var.: Non dubbiò entrargli mallevadore della sua tornata.
3) Dizion. 5° Ed. .
FUGGITIVO, e talora per sincope FUGGITÌO.
Apri Voce completa

pag.584



1) id: 22170c1e463f45e59567d2e77a7b3a71)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 96: Onde dice Marziale Cuoco l'allegrezze non rimangano, ma volano fuggitìe.
4) Dizion. 5° Ed. .
CURATORE.
Apri Voce completa

pag.1095



1) id: 52acb8c2c92a4bb0859876188fad5b6c)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 93: Piuttosto sarà creduto [il medico] essere ucciditore d'uomini che curatore d'infermitadi.


2) id: 0e5456b25685411f9efc0ad2fa805f10)
Esempio: Cresc. Agric. volg. 478: Il curatore, ivi a quattro dì che l'avrà poste, dee tor l'uova e sperarle.


3) id: 00b049935b3b408b82bc381778f507df)
Esempio: Cell. G. Maestruzz. volg. 2, 11, 5: Chi adunque vince a cotali persone è tenuto a restituzione, non dico a colui che perde, ma al tutore, amministratore, curatore, o al signore ec.
5) Dizion. 5° Ed. .
LAONDE
Apri Voce completa

pag.73



1) id: a50d499b03e74d17a700ffdcef7a6d2d)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 23: Le femmine seguitano i costumi di quelle femmine laonde sono ritratte.
6) Dizion. 5° Ed. .
FORTISSIMO.
Apri Voce completa

pag.383



1) id: 59be81937b574f559cf05e9c4aeaf8a5)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 43: Molti, che sono fortissimi di fortezza di corpo, sono deboli nell'animo.
7) Dizion. 5° Ed. .
GIUDICAMENTO.
Apri Voce completa

pag.295



1) id: 48b7580b6f784096b4acdbbc2e9cc0e7)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 57: Uno re fue di sottile giudicamento, del quale si dice che ec.
8) Dizion. 5° Ed. .
FERRUZZO.
Apri Voce completa

pag.805



1) id: f7782d0193cd421f9515eb79f1bd6ad4)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 82: E tutto il volto si venne arando con lanciuole, e con ferruzzi.
9) Dizion. 5° Ed. .
DILUNGI ed anche DILUNGE, che più comunemente si scrivono in modo disgiunto DI LUNGI e DI LUNGE.
Apri Voce completa

pag.345



1) id: ff5c00a8e2d34e17a4f22a98b3ba85b9)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 82: Elesse per abitazione la villa che si chiamava Achedimia, dilunge alla cittade.
10) Dizion. 5° Ed. .
FATICA.
Apri Voce completa

pag.



1) id: 86796d4ed0f347969995da8444a67c39)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 66: Dee.... il lavoratore conoscere Iddio, avere lealtade, spregiare la morte, soprastare alla fatica.


2) id: 158129b809794a12b1c4a067d15148dd)
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 1, 148: Dell'altrui fatica mai non tolsi sanza alcuna mercede.


3) id: 4b8b00fd256f467380f70f2774326b35)
Esempio: Serdon. Stor. Ind. volg. 113: Non durarono molta fatica a spingere l'animo suo.... a combattere la fortezza.


4) id: f6fbecebfa27420f868f23073f8ff41c)
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 1, 202: Poichè io venni in questo diserto, non mangiai pane se non di mia fatica.


5) id: f7fe88f42ae14f91b11448de843db9ff)
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 1, 78: Or perchè vi siete messi a tanta fatica di venire a me per sì lunga via?


6) id: c797086cf2da432a82d149ad1f6602f6)
Esempio: Serdon. Lett. Ind. volg. 4, 913: Per quella sola cagione dicevano esser bene allogate tutte le fatiche di così lungo viaggio, e tutti i pericoli della vita.


7) id: 49e6cfaab36045e5bf71b40a71bc421f)
Esempio: E Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 1, 245: Sempre ai predetti luoghi e ad altri andava a piedi, quando per terra andava, e sempre vivea di sua fatica.


8) id: 43d535e8be2d4b219669821e1996ff0c)
Esempio: De Luc. Dott. volg. 7, 4, 21: Uomini, li quali siano puri leggisti, nè abbiano altra cognizione che di alcune poche regole e conclusioni ammassate con fatica di schiena nelli repertorj.


9) id: 9d7bc827194c41ce951c99d31653f5ab)
Esempio: Flor. Agric. Met. volg. 3: Se una gran moltitudine di metallieri, ignoranti del conoscimento de le vene, spesse volte perde, come si dice, l'olio o la fatica, ei non è da maravigliarsene.


10) id: 1ffd669fb8314994becc3f410cdf9350)
Esempio: Cat. Cost. volg. 159: Quando tu sarai nelle tue maggiori forze, fa' sì che tu sia savio; e allora sarai tenuto vero forte uomo. Se fossi in fatica, addomanda aiuto da' tuoi conoscenti, e sappi che gnuno t'è migliore medico che il fedele amico (Il lat.: si forte laboras).


11) id: 6450d5af7190450a8081c385b405f96d)
Esempio: Segn. B. Polit. volg. 384: Egli è bene essere assuefatto alle fatiche, ma non già a quelle che sien violente, nè che sien d'una sola sorte, come sono assuefatti gli atleti; ma alle fatiche da uomini liberi: e in queste simili si debbono fare esercitare sì le femmine come i maschi.
11) Dizion. 5° Ed. .
GODEVOLE.
Apri Voce completa

pag.392



1) id: 5552ff839ff74e9c8f9dd3cda6c8a36c)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 77: A ciò dunque che la città sia godevole di pace, confortinsi a concordia.
12) Dizion. 5° Ed. .
ONORE.
Apri Voce completa

pag.520



1) id: 669f9464d20b446cb1caaa5ca2432ab9)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 35: Onore non è altro che reddimento (rendimento) di reverenzia in testimonianza di virtudi.


2) id: ebaa0d43ef8d4fb5aa0c7828b1e03a21)
Esempio: Fr. Bart. Amm. ant. volg. 549: Addomandare l'onore, ovvero eziandio per sè medesimo prenderlo, è sconcia cosa.


3) id: 33c06e8780074da485c14a7537539cde)
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 2, 292: Abbi confidanza, Eustagio, che di qui a poco tornerai all'onore di prima, e troverai la moglie e i figliuoli.


4) id: 5b289560cddf48628e91f65037ff95dd)
Esempio: Fr. Bart. Amm. ant. volg. 549: Gli onori, i quali molti addimandano, eziandio Cato non li dovea dimandare, ma la città sanza suo dimando gliele doveva dare.


5) id: ae9f5739e5104ebebd95776a4ba9d23f)
Esempio: Fr. Bart. Amm. ant. volg. 547: Ora diremo d'onore e di dispregio; e quanto a ciò diremo cinque cose.... La quinta, di dispregio, che è contrario ad onore.


6) id: b462a01a39bf41579ab2c7e46e7253e6)
Esempio: Segn. B. Polit. volg. 147: Fia di necessità fare tutti gli altri cittadini disonorati e non partecipi delli onori civili: ed onori civili dico io essere i magistrati.
13) Dizion. 5° Ed. .
COTANTO.
Apri Voce completa

pag.935



1) id: df2cded9ca80472d8ba61e36c0d200dc)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 21: Bene ti dico cotanto, che 'l corpo è corrotto, ma l'animo è sanza colpa.


2) id: f14786358f8042579f0dbaec5e56c8a6)
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 1, 16: Ma come ognindì cominciasse, cotanto operava.


3) id: 9f9873540c454e27be7b368b116df700)
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 1, 23: Sperando d'avere cento cotanti maggiore e molto migliore gloria in cielo.


4) id: 6ac2167721de4e12a0f7d2e8704ac708)
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 1, 38: Se tu anderai in Tebaida o in altri luoghi diserti, due cotanti fatica sosterrai.


5) id: 62a0c8a8c33440ea9dc3d990ca5cd03e)
Esempio: Fr. Bart. Amm. ant. volg. 93: Cotanto ti sia doglioso d'esser lodato da laide persone, come se fossi lodato per laide operazioni.


6) id: c118c680515b414c894abc2b45fc6582)
Esempio: Serdon. Stor. Genov. volg. 230: E se l'armata si raddoppiava, i detti luoghi davano due cotanti; se si rinterzava, ne davano tre cotanti.
14) Dizion. 5° Ed. .
INFORMAMENTO.
Apri Voce completa

pag.735



1) id: acac102465ec472eb34d31fbc100ea44)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 5, var.: Sì 'l trasse a correzione e ad informamento di costumi e di virtudi.
15) Dizion. 5° Ed. .
FRANCHEGGIARE.
Apri Voce completa

pag.437



1) id: 3a5a5a9ab4974fc8a8cafbdd62eaeea5)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 53: Fuggendo le signorie naturali, addomandano d'essere francheggiati, e poi diventano fanti d'altri vili segnori.
16) Dizion. 5° Ed. .
MINUZZATO
Apri Voce completa

pag.816



1) id: b69f29b9b781494794e151852ce73faf)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 60: Co' denti si tagliò la lingua; e minuzzata, la sputò nel volto del tiranno.


2) id: abb4cfe6ba5d4c24b65602e17988adfe)
Esempio: Cresc. Agric. volg. 474: Poi loro si dia (a' pavoni) porro minuzzato, trito, o ver cacio fresco.
17) Dizion. 5° Ed. .
ABBONDANTE e ABONDANTE
Apri Voce completa

pag.35



1) id: 0911b5d515b541809cd539fc8a2fc5d9)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 139: Acciò che i nobili, e abbondanti di ricchezze, e godenti della pace, schifasseno l'oziositade.


2) id: cfb9555beb674a0094231765305c6bc5)
Esempio: Cresc. Agric. volg. 73: Per la qual cosa ancora diciamo che cotali campi diventano abbondanti per seminazion di fava o di lino, se alcuna volta fossono sterili.
18) Dizion. 5° Ed. .
FERRAIUOLO e FERRAIOLO.
Apri Voce completa

pag.792



1) id: 1ff4c1cf49264e7e978aa2be141cc26d)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 71: Fabbri, ferraiuoli, monetieri, fattori di case e di mura, ec. (il lat. ha ferrarii).
19) Dizion. 5° Ed. .
LUOGO, e, con forma oggi propria soltanto della poesia, anche LOCO
Apri Voce completa

pag.532



1) id: 675d7a6e5db34cefaaf3bb2524f3c523)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 28: Mentre ch'e' Romani amarono la povertade, in ogni luogo di mondo ebbero la segnoria.


2) id: 806a53b17a6141d58d26056a192ac9d9)
Esempio: Cat. Cost. volg. 110: Quando se' offeso da' luogo alla possente fortuna.


3) id: 49393276723e415bb751568128b64b7a)
Esempio: Fr. Bart. Amm. ant. volg. 319: Queste sono le armi del giusto: che dando luogo vinca.


4) id: 655b1e3383d847919ff2a263bd9ee3fa)
Esempio: E Fr. Bart. Amm. ant. volg. 321: Da' luogo al contastante, e in questo modo sarai vincitore.


5) id: 4ef4324077d04c3993fcf5525409e2f6)
Esempio: Cresc. Agric. volg. 269: Facciasi anche fomento, al luogo della generazione, dell'acqua della sua decozione (dell'agnocasto), e béasi il sugo.


6) id: e1964cf692eb44beb45744df979e30eb)
Esempio: Cat. Cost. volg. 97: Perchè l'uomo non sia tuo pari, fa' gli talora luogo; imperciocchè spesso veggio essere soperchiato il vincitore dal vinto.


7) id: 5f6ad13d1124445895c5875f5a385a66)
Esempio: Fr. Bart. Amm. ant. volg. 489: Grave lussuria arde chi ozioso truova: ma ella dà luogo alle cose e all'opera, allo 'ngegnamento e alla fatica.


8) id: c3f19ea6dd2b45369a2b3440c3a02357)
Esempio: Cell. G. Maestruzz. volg. R. 133: Lo incendiario delle chiese, o vero de' luoghi religiosi, o cimiterio, o dell'ospizio brivilegiato intorno alla chiesa, è iscomunicato ipso giure.


9) id: 20c4ff3907034f6582dae118733dd9d8)
Esempio: Cresc. Agric. volg. 160: Ne' luoghi caldi, del mese d'ottobre, novembre, e febbraio e marzo,... è buono potar le vigne; ma ne' freddi, nel mese di febbraio e marzo solamente.


10) id: 19dcc98738274c0c8c3b8da8e5d53796)
Esempio: Fr. Bart. Amm. ant. volg. 563: Chi per la nicistà (necessità) del suo luogo è richiesto di somme cose dire, per questa medesima nicistà è costretto di somme opere mostrare.


11) id: 3d9da420265f419389cf75eeadb23519)
Esempio: Cresc. Agric. volg. 37: Non hanno [le piante] ventri nè veni (vene), ma solamente pori: e la terra è a loro in luogo di ventre, nella quale lasciano l'una e l'altra impurità.


12) id: 80b138bf9d19448c9244e3bf85436061)
Esempio: De Luc. Dott. volg. 2, 41: In Roma ed in altre parti d'Italia ciò si esplica col termine o vocabolo di luoghi de' Monti, ed altrove si dicono rendite soprafiscali, o arrendamenti, overo compre.


13) id: ed232c8872974d97bd73227a5987ebf8)
Esempio: Cat. Cost. volg. 39: Mostrati d'essere stolto quando lo tempo o la cosa lo domanda; chè grande savere è in luogo ad infignersi l'uomo stolto (il lat. ha: stultitiam simulare loco prudentia summa est).


14) id: 98997f9035b94bd5bced109078538b63)
Esempio: Serdon. Stor. Ind. volg. 90: Omai nè il consiglio nè l'arte vi aveva più luogo, nè i governatori sapevano più che si fare; i remi non ubbidivano al temone, nè il temone a' nocchieri.


15) id: d433596d108e4890900429fa295c9e9d)
Esempio: Cat. Cost. volg. 53: Tu che se' danneggiato da' 'l luogo a quelli che ti fae male, e da' 'l luogo allo potente per avventura; chè quelli che puote nuocere, alcuna fiata potrà giovare.


16) id: 4b689d1954754996aa0917a3938a994c)
Esempio: Segn. B. Rettor. volg. 264: Luoghi communi son chiamati da lui (da Aristotele) quegli che son proprj della rettorica e della dialettica; e soli detti communi, perch'e' trattan di cose che servono a ogni scienza, ec.


17) id: 3708e1d038124ba3bbc94a152b288b3e)
Esempio: Cresc. Agric. volg. 495: I re (delle api), nel mezzo delle schiere, con doloroso animo intra lor combattono,... e alla battaglia non danno luogo, infino che la zuffa non costrigne o l'uno o l'altro di dare i dossi.


18) id: 70fb0a38cce64f43b3d728412e40da9c)
Esempio: De Luc. Dott. volg. 12, 1, 18: A somiglianza di quello che nella materia giurisdizionale.... si dice delli luoghi ecclesiastici, cioè che non ogni luogo, nel quale si esercitano le opere di pietà e che si facciano atti spirituali, si dice ecclesiastico, ma quello solamente il quale sia formalmente fondato con l'autorità del superiore ecclesiastico, mentre gli altri, li quali siano fondati senza tale autorità, si diranno luoghi pii, ma non ecclesiastici.
20) Dizion. 5° Ed. .
FRETTA.
Apri Voce completa

pag.516



1) id: 6c06381d7542426b8e12f6ffacc7ed76)
Esempio: Cess. Scacch. volg. 30: Socrate dice, che due cose massimamente sono contrarie al consiglio, cioè fretta ed ira.