Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 550 msec - Sono state trovate 109 voci

La ricerca è stata rilevata in 239 forme, per un totale di 130 occorrenze

5° Edizione
Diz Giu. totali
239 0 239 forme
130 0 130 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
80) Dizion. 5° Ed. .
CONGREGABILE.
Apri Voce completa

pag.469



1) id: 1a2794ac012f41f6908205a19e6aee42)
Esempio: Cic. Ufic. 57 t.: Come gli sciami delle pecchie non si ragunano per cagione di fare i fiedoni; ma, conciosia cosa che da natura sieno congregabili, fanno quelli ec.
81) Dizion. 5° Ed. .
MANCO
Apri Voce completa

pag.767



1) id: 1dd8cff07f2d4bf59f0139e3925486ab)
Esempio: Cic. Ufic. 56 t.: E' si conviene che la cognizione e la contemplazione della natura sia manca e quasi non fluita, se e' non seguita alcuno atto delle cose.
82) Dizion. 5° Ed. .
DIVISAMENTE.
Apri Voce completa

pag.771



1) id: 1e116aaa0ee0491aba7d89a330d66abc)
Esempio: Cic. Ufic. 114 t.: Le quali cose divisamente debbano essere giudicate, imperò che noi l'abbiano sposte, non perchè noi le cercassimo, ma accio che da noi esse fussino sviluppate.
83) Dizion. 5° Ed. .
MARITAMENTO
Apri Voce completa

pag.950



1) id: faca0a2954cb48059f2ee6839758e2b4)
Esempio: Cic. Ufic. 20 t.: Seguitano e' congiugnimenti de' fratelli, dipoi de' figliuoli de' fratelli e delle sorelle.... Seguitano di quinci e maritamenti e parentadi de (di) quali vengono più propinqui.
84) Dizion. 5° Ed. .
LARGHISSIMAMENTE
Apri Voce completa

pag.83



1) id: f9123a41ea70420e9c6478a01a2b5d7c)
Esempio: Cic. Ufic. 8: Delle tre ragioni le quali restano, larghissimamente si manifesta quella, per la quale la compagnia degli uomini tra loro e quasi la communione della vita si contiene.
85) Dizion. 5° Ed. .
CARITÀ, CARITADE e CARITATE.
Apri Voce completa

pag.580



1) id: 87f4416aca914885bc7792988f8e081c)
Esempio: Cic. Ufic. 21: Cari sono e' padri e le madri, cari e' figliuoli, cari e' propinqui e familiari; ma sola la patria ha abbracciato tutte le carità di tutte le cose.
86) Dizion. 5° Ed. .
DISPUTARE.
Apri Voce completa

pag.650



1) id: fe02b2ff26144606b318130001537da2)
Esempio: Cic. Ufic. 2: Questo ancora io non veggo essere addivenuto a alcuno greco, che colui medesimo s'affaticasse e nell'uno e nell'altro genere, e che egli conseguitasse questo modo quieto del disputare.
87) Dizion. 5° Ed. .
DESTINARE.
Apri Voce completa

pag.186



1) id: ae39e1d030114e878185a16143ba136e)
Esempio: Cic. Ufic. 110 t.: Conciò sia cosa che Dionisio tiranno avessi destinato el dì della morte a uno di loro,... quello altro entrò mallevadore di fare comparire costui al dì deliberato.
88) Dizion. 5° Ed. .
GESTO.
Apri Voce completa

pag.157



1) id: 4bde93d7eea7452d8799a8d37d712ca0)
Esempio: Cic. Ufic. 47: Adunque dalla bellezza nostra noi rimovereno ogni ornamento non conveniente all'uomo; e similmente schifereno il vizio simile a questo, il quale è nel moto e ne' gesti del corpo.
89) Dizion. 5° Ed. .
ILLIBERALITÀ e, con forma oggi non comune, anche INLIBERALITÀ.
Apri Voce completa

pag.47



1) id: 70cdb07cdebd4f828aef0162d091b502)
Esempio: Cic. Ufic. 84 t: Ma e' si debba considerare alle cose familiari le quali lasciarle trascorrere è cosa scelerata: ma in modo che il sospetto della illiberalità ed avarizia non vi sia.
90) Dizion. 5° Ed. .
GENERE.
Apri Voce completa

pag.112



1) id: 8acef1c35b614cce86d676dcdea6d573)
Esempio: Cic. Ufic. 2: Questo ancora io non veggo essere addivenuto a alcuno greco, che colui medesimo s'affaticasse e nell'uno e nell'altro genere, e che questo egli conseguitasse questo modo quieto del disputare.
91) Dizion. 5° Ed. .
GLORIOSO.
Apri Voce completa

pag.376



1) id: 6536fcdcdf87499ea52471f5849de980)
Esempio: Cic. Ufic. 50: Brutta cosa ancora è predicare di sè medesimo e spezialmente quelle cose che sono false, e con irrisione di coloro che odono, lodare sè; come faceva el soldato glorioso.
92) Dizion. 5° Ed. .
MINIMO
Apri Voce completa

pag.288



1) id: e319ce8f230f44848cb9ceb0bd91a477)
Esempio: Cic. Ufic. 60 t.: E dire che delle cose grandissime non sia arte, quando nessuna, delle cose minime è sanza arte, s'appartiene a uomini parlanti con poca considerazione e in grandissime cose erranti.
93) Dizion. 5° Ed. .
ERRANTE.
Apri Voce completa

pag.222



1) id: 62d9c2026ddd450fa24cc12e6fa5cb58)
Esempio: Cic. Ufic. 60 t.: E dire che delle cose grandissime non sia arte, quando nessuna delle cose minime è sanza arte, s'appartiene a uomini parlanti con poca considerazione e in grandissime cose erranti.
94) Dizion. 5° Ed. .
IRONIA.
Apri Voce completa

pag.1239



1) id: 5bdcf62ce6984648950a5a19c4563708)
Esempio: Cic. Ufic. 39: Socrate fu uomo dolce e piacevole, e di festereccio ragionamento, ed in ogni parlare fu simulatore: el quale parlare e' Greci chiamano ironia, ciò è gavillazione, ed intendere pel contrario.
95) Dizion. 5° Ed. .
DAZIONE.
Apri Voce completa

pag.62



1) id: 7ac90557682842b5b8970d5f8e6b1190)
Esempio: Cic. Ufic. 134 t.: In questo medesimo tempo Tiberio Numicio e Quinto Emilio tribuni della plebe.... furono dati.... E di questa dazione ne fu confortatore ed autore Postumio medesimo, el quale era dato.
96) Dizion. 5° Ed. .
GRANDISSIMO.
Apri Voce completa

pag.508



1) id: c880709f2f3d4be4915345ed58e9d130)
Esempio: E Cic. Ufic. 60 t.: E dire che delle cose grandissime non sia arte, quando nessuna, delle cose minime è sanza arte, s'appartiene a uomini parlanti con poca considerazione, e in grandissime cose erranti.
97) Dizion. 5° Ed. .
MERITANTE
Apri Voce completa

pag.131



1) id: 607b89552fab4f0c8c566a3cf6392de8)
Esempio: Cic. Ufic. 54 t.: Ma coloro de' quali la vita è cognosciuta nelle cose oneste e grande, essenti in buono parere della Republica, e bene meritati e meritanti,... noi dobbiamo osservare ed amare con riverenzia.
98) Dizion. 5° Ed. .
FORTEZZA.
Apri Voce completa

pag.376



1) id: 6bf918e07e064d6287eb5fb3035ff3ee)
Esempio: Cic. Ufic. 28: Adunque le fortezze di casa non sono più basse che quelle di fuora, cioè dell'armi. Nelle quali domestiche fortezze più ancora d'opera e di studio si debba porre, che in quelle altre.


2) id: 4cde574c1274440b95613416b94580df)
Esempio: Cic. Ufic. 19: Nelle quali (nelle fiere) noi diciamo spesso ch'è la fortezza; come ne' cavagli e ne' lioni: ma la giustizia e l'equità, noi non diciamo essere in loro.
99) Dizion. 5° Ed. .
COMMETTERE.
Apri Voce completa

pag.213



1) id: 1a4a520b1dd44333bf8793ccca09848b)
Esempio: Cic. Ufic. 29: Ordinare quello che possa adivenire.... e quello che sia da fare quando alcuna cosa sarà addivenuta, e non commettere in modo, che alcuna volta tu abbia a dire: io non me n'era avveduto.


2) id: 291eeb6dd5fa475c8074eec1f7d61b11)
Esempio: E Cic. Ufic. 29 t.: Non mai al tutto per fuggire el pericolo noi commetteremo, che noi paiamo timidi e disadatti a battaglia.