Lessicografia della Crusca in rete

Volume 2 - Dizionario 4° Ed.
40) Dizion. 4° Ed. .
FRESCO
Apri Voce completa

pag.529

FRESCO.
Definiz: Sust. Freddo temperato, e piacevole, e che conforta. Lat.frigus amabile, Oraz. Gr.ψῦχος ἐράσμιον.
Esempio: Bocc. nov. 44. 6. Forse quest'altra notte sarà più fresco, e dormirai meglio.
Esempio: Gal. Sist. 241. Non so se io mi risolvessi a andarmene a i freschi in gondola.
Esempio: Bern. rim. 38. Ognun va dietro al fresco delle rene (quì metaforicamente in senso disonesto.)

41) Dizion. 4° Ed. .
FRESCO
Apri Voce completa

pag.529

FRESCO.
Definiz: Add. Che ha in se freschezza, Di natura, e qualità fresca. Lat.frigidus. Gr.ψυχρός.
Esempio: Petr. son. 205. Fresco, ombroso, fiorito, e verde colle.
Esempio: E Petr. 262. O Ninfe, e voi, che 'l fresco erboso fondo Del liquido cristallo alberga, e pasce.
Esempio: Bocc. nov. 17. 20. I marinari avendo buon vento, e fresco, fecer vela a lor viaggio (quì vale anche Gagliardo, onde dicono i marinari: il vento rinfresca; allorachè cresce, e rinforza.)
Definiz: §. I. Per Contrario di passo, o secco. Lat.recens.
Esempio: Bocc. nov. 72. 5. Quando le mandava un mazzuol d'agli freschi ec. e quando un canestruccio di baccelli.
Esempio: Petr. son. 240. Or l'ho veduta su per l'erba fresca Calcare i fior.
Esempio: Dant. Inf. 4. Giugnemmo in prato di fresca verdura.
Definiz: §. II. Per Rigoglioso, Di buona cera. Lat.vegetus. Gr.ἀκμαῖος.
Esempio: Bocc. nov. 44. 3. Molto con lui si riteneva un giovane bello, e fresco della persona.
Esempio: Tes. Br. 5. 1. Spoglia (il serpente) la sua pelle vecchia, e divien giovane, e fresco, e di buon colore.
Esempio: Tav. Rit. Tutte dame, e damigelle di fresco colore.
Esempio: Cron. Morell. 241. Bartolommeo era grasso, e fresco, di pelo bianco, ovvero ulivigno.
Esempio: Ovvid. Pist. Ma e' non è da credere, che il fresco giovane, il quale ardea d'amore, rendesse pulzella la bellissima donzella, che egli ebbe in sua balía.
Esempio: Nov. ant. 54. 1. La quale (gentildonna) poco tempo era dimorata col marito, ed era molto giovane d'anni, e molto fresca.
Definiz: §. III. Per Contrario di stantío. Lat.recens. Gr.νεαρός.
Esempio: Bocc. nov. 61. 6. Fece portare in una tovagliuola bianca i due capponi lessi, e molte uova fresche.
Esempio: Vit. Plut. Incontrò un suo conoscente, il quale portava carne fresca (cioè: macellata di poco, o pure a distinzion di secca, o salata.)
Definiz: §. IV. Figuratam.
Esempio: Sen. ben. Varch. 3. 1. Quei benifizj, i quali freschi furono appo loro in grande stima, divengono in ispazio di tempo stantii, e di niun pregio.
Esempio: Alam. Colt. 3. 57. Trove i saldi, odorati, e freschi vasi, Ch'esser ricetto denno al suo liquore (cioè al vino.)
Definiz: §. V. Per Non affaticato. Lat.vividus. Gr.ἀκμαῖος.
Esempio: G. V. 11. 109. 2. Il franco Re ec. riposato, e fresco percosse la sera con piena marea, e a piene vele sopra i nimici sparti.
Esempio: Tav. Rit. Quando egli vedde venire gli cinque cavalieri incontra lui, sì si riconforta tutto nel suo cuore, e divenne tutto fresco, e feria ec. più forte, che tutti gli credea sbarattare.
Esempio: Stor. Eur. 1. 9. Fiancheggiando sempre gli eserciti l'uno dell'altro, ora a destra, ed ora a sinistra colla cavallería, e colle genti posate, e fresche, riserbate per questi effetti nelle retroguardie.
Definiz: §. VI. Per Nuovo, Novello, Di poco tempo. Lat.recens.
Esempio: Petr. son. 271. Nè d'aspettato ben fresche novelle ec. Nè altro sarà mai, che al cor m'aggiunga.
Esempio: E Petr. canz. 44. 3. Ov'è 'l pianto ognor fresco, e si rinverde, Giunto mi vedi.
Esempio: Bocc. nov. 27. 44. Nè avendo avuto in quello cosa alcuna altro che laudevole se non una, la taciturnità stata per lo fresco dolore.
Esempio: Dant. Inf. 14. Iscotendo da se l'arsura fresca.
Esempio: E Dan. Purg. 2. Così vid'io quella masnada fresca.
Esempio: But. ivi: Quella masnada fresca, cioè quelle anime, che di fresco erano venute.
Definiz: §. VII. Pane fresco, vale Cotto di pochissimo tempo.
Esempio: M. Aldobr. P. N. 7. Il pane, che è ben cotto, e ben lievito, e fresco d'un giorno fatto.
Esempio: S. Grisost. Vi avesse copia di pan fresco.
Definiz: §. VIII. Di fresco, posto avverbialm. vale Novellamente, Nuovamente, Poco avanti, Poco fa. Lat.nuper. Gr.νεωστί.
Esempio: G. V. 11. 96. 3. I quali accampati di fresco, e non provveduti furono sconfitti in poca d'ora.
Esempio: Cr. 5. 21. 4. Altri sono, che in acqua di mare, o in acqua bogliente le prugne colte di fresco sommergono.
Definiz: §. IX. Io sto fresco, Tu stai fresco, e simili stare fresco; maniere significanti, che altri non è per aver quello, ch'e' vorrebbe.
Esempio: Libr. Son. 15. Povera moglie tua bene sta fresca.
Esempio: E Libr. Son. 67. O liquido poeta, tu sta' fresco.
Esempio: Fir. Luc. 2. 1. Ma vedi chi mel dice, sì sto fresco.
Esempio: Capr. Bott. 8. 168. Io ti so dire, che chi si piglia affanno di tutte, sta fresco.
Esempio: Gal. Sist. 177. Quando gli uccelli avessero a tener dietro al corso degli alberi coll'aiuto delle loro ali, starebbero freschi.
Definiz: §. X. Dipignere a fresco, Lavoro a fresco, o simili, vale Il dipignere, o la Dipintura sopra lo 'ntonaco non rasciutto.
Esempio: Bern. rim. 3. Era dipinta a olio, e non a fresco.
Esempio: Borgh. Rip. 33. Nè meno i pittori possono ritoccare il lavoro a fresco quando è secco, che non si conosca.

42) Dizion. 4° Ed. .
FRESCOCCIO
Apri Voce completa

pag.529

FRESCOCCIO.
Definiz: Add. Accrescit. di Fresco, ma per lo più in senso del §. III. Lat.floridus, vegetus. Gr.ἀκμαῖος.
Esempio: Lasc. Spir. 4. 1. Ma che cosa è, che non faccia una fanciulla innamorata? Oh come ell'è ora e frescoccia, e belloccia in quel letto; e il padre , e ognun si pensa, ch'ell'abbia un gran male.
Esempio: Lor. Med. Nenc. 26. Ella è grossoccia, tarchiata, e giulía, Frescoccia, e grassa, che si fenderebbe.

43) Dizion. 4° Ed. .
FRESCOSO
Apri Voce completa

pag.530

FRESCOSO.
Definiz: Add. Fresco, Di buona cera. Lat.floridus, vegetus. Gr.ἀκμαῖος, ἀνθηρός.
Esempio: Buon. Tanc. 5. 7. Guatala in viso, com'ell'è frescosa.

44) Dizion. 4° Ed. .
FRESCURA
Apri Voce completa

pag.530

FRESCURA.
Definiz: Fresco sust. ma s'avvicina un po' più al freddo.
Esempio: Vit. Plut. E la maggior bonaccia, e umidità con frescura, la quale è dolce nudrimento della terra.
Esempio: Lor. Med. canz. 73. Venite alla frescura Delli verdi arbuscelli.

45) Dizion. 4° Ed. .
FRETTA
Apri Voce completa

pag.530

FRETTA.
Definiz: Desiderio d'avacciare, di spedire, o di far checchessia prestamente, Sollecitudine, Prestezza. Lat. festinatio, properatio. Gr.σπουδή, ἔπειξις.
Esempio: Bocc. nov. 80. 5. E senza mostrar troppo gran fretta dello spaccio, s'incominciò ad andare alcuna volta a sollazzo.
Esempio: Tes. Br. 5. 36. Onde si siede (lo struzzolo) e batte se medesimo come con due sproni, quando elli ha grande fretta di correre.
Esempio: E Tesorett. E fa allungar la fretta.
Esempio: E Tes. Br. altrove: Pensa della vendetta, E non aver gran fretta.
Esempio: Dant. Purg. 3. Quando li piedi suoi lasciar la fretta, Che l'onestade ad ogni atto dismaga, La mente mia, che prima era ristretta.
Esempio: E Tes. Br. 20. Nè per la fretta domandare era oso.
Esempio: Fr. Iac. Cess. Socrate dice, che due cose sono massimamente contrarie al consiglio, cioè fretta, e ira.
Esempio: Cavalc. Med. cuor. Disse un filosofo, che due cose sono massimamente contrarie al consiglio ec. e queste sono, ira, e fretta.
Esempio: Varch. Suoc. 2. 5. A chi ha fretta non si fa mai tanto presto, che basti.
Esempio: Bern. Orl. 1. 29. 20. Ed abbia disiderio grande, e fretta Di far del suo figliuolo aspra vendetta.
Definiz: §. I. In fretta, e A fretta, posti avverbialm. vagliono Con gran prestezza, Frettolosamente. Lat.celeriter. Gr.ταχέως.
Esempio: Pass. 19. E però non si fa (l'apparecchiamento) o fassi in fretta.
Esempio: Dant. Purg. 24. Poi volan più in fretta, e vanno in filo.
Esempio: Fir. Luc. 4. 6. Che cosa c'è, che hai mandato per me in fretta, e 'n furia?
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 47. Quindi navigando a fretta per le cicladi, e per tragetti di mare, raggiunse in Rodi Germanico.
Definiz: §. II. Aver più fretta, che chi muor di notte; modo proverb. che si usa per esprimer la grandezza, o la premura dell'affrettarsi.
Esempio: Lasc. Gelos. 2. 4. Tu hai più fretta, che colui, che muor di notte.
Esempio: Cecch. Mogl. 3. 4. Che i' ho più fretta, che chi muor di notte.
Definiz: §. III. Chi erra in fretta, a bell'agio si pente; detto proverb. e vale, che Chi opera frettolosamente, per lungo tempo si pente dell'operato.

46) Dizion. 4° Ed. .
FRETTERÍA
Apri Voce completa

pag.530

FRETTERÍA.
Definiz: Fretta. Lat.festinatio. Gr.σπουδή, ἔπειξις.
Esempio: Fr. Giord. Pred. Givano cavalcando con molta frettería.

47) Dizion. 4° Ed. .
FRETTOLOSAMENTE
Apri Voce completa

pag.530

FRETTOLOSAMENTE.
Definiz: Avverb. Con fretta, In fretta. Lat.celeriter, festinanter. Gr.μετὰ σπουδῆς.
Esempio: Guitt. lett. Dopo li buoni consigli frettolosamente opera.
Esempio: Borgh. Orig. Fir. 95. Quel, che s'era fatto frettolosamente ec. riaccomodò.

48) Dizion. 4° Ed. .
FRETTOLOSO
Apri Voce completa

pag.530

FRETTOLOSO.
Definiz: Add. Che ha gran fretta, Che opera frettolosamente. Lat.properus, celer, velox. Gr.ταχύς, ὠκύς.
Esempio: Amm. ant. 31. 1. 2. Chi frettoloso è, incappa i piedi.
Esempio: E Amm. Ant. 31. 1. 5. Movimento grave s'appartiene ad uomo di grande virtù, che non è frettoloso.
Esempio: Bocc. introd. 20. Sottentravano alla bara, e quella con frettolosi passi ec. portavano (cioè veloci.)
Esempio: Tratt. consig. Socrate disse, che del frettoloso consiglio si ripente l'uomo.
Definiz: §. Diciamo in proverb. La cagna frettolosa fa i catellini ec. ciechi; e si dice quando altri per troppa fretta fa male alcuna cosa, o quando s'avverte alcuno, che vada nelle sue operazioni rattenuto, e non corra a furia. Lat.canis festinans coecos parit catulos. Gr.ἡ κύων σκεύδουσα τυφλὰ τίκτει. v. Flos 99.
Esempio: Tes. Br. 7. 17. Iesù Sirac dice: sia isbrigato in tutte le tue opere, ma guarda, che tu per prestezza non perda la perfezione di tua opera; che 'l villano disse: cane frettoloso fa i catelli ciechi.
Esempio: Lasc. Parent. 5. 7. Come dice il proverbio, la cagna frettolosa fa i catellin ciechi.
Esempio: Salv. Granch. 4. 1. E la cagna frettolosa, Dice il proverbio, fa i catellin ciechi.

49) Dizion. 4° Ed. .
FRICASSEA
Apri Voce completa

pag.530

FRICASSEA.
Definiz: Sorta di vivanda.
Esempio: Fr. Giord. Pred. R. Lo cuocono in zimino, e in fricassea.
Definiz: §. Per metaf.
Esempio: Cecch. Esalt. cr. 3. 7. E poi li statichi Sì fatti non si fanno in fricassea, Ma si serbano ec.

50) Dizion. 4° Ed. .
FRIERE
Apri Voce completa

pag.530

FRIERE.
Definiz: Uomo d'ordine, o religion militare.
Esempio: G. V. 10. 70. 4. Essendo egli pregato da' frieri di santa Maria degli Alamanni.
Esempio: M. V. 1. 94. Lasciò suo vicario messer fra Moriale cavaliere friere di san Giovanni di Provenza.
Esempio: Bocc. nov. 92. tit. E fallo friere dello spedale.
Esempio: Tes. Br. Allo 'mperadore gli fue manifestato celatamente, siccome gli frieri del Tempio il dovevano uccidere.
Esempio: Franc. Barb. 237. 16. E da color, che frieri Si fanno per mostrarti, Che in lor possa fidarti.
Esempio: Cant. Carn. 54. Questo abito, che fu tanto onorato Da i frier, ch'hanno in periglio lor magione, Vi dimostra col suo significato La nostra salvazione.

51) Dizion. 4° Ed. .
FRIGGERE
Apri Voce completa

pag.530

FRIGGERE.
Definiz: Cuocere checchessia in padella con olio, lardo, o simili. Lat.frigere. Gr.φρύγειν.
Esempio: Cr. 3. 7. 14. S'ella sarà formentata (la pasta del formento) farà buono, e lodevole nutrimento, ma se sarà fritta, o sotto la brace cotta, rea è.
Esempio: Ricett. Fior. 83. L'arrostire è cuocere senza altro umore di fuori certe medicine ec. il friggere è cuocere quelle medesime, o altre, che sieno secche, aggiugnendovi oli, o grassi, o altri umori in poca quantità.
Esempio: E Ricett. Fior. appresso: Il friggere si fa o in padella, o in tegame.
Definiz: §. I. E neutr. assol. vale Ribollire, Cominciare a bollire a secco; e si dice anche del Bollire dell'olio, o altri liquidi simili. Lat.bullire. Gr.ζέειν, βράσσειν.
Esempio: Ricett. Fior. 80. Si struggono (gli oli agghiacciati) con poco fuoco, o al sole, ec. la cera, e le gomme hanno bisogno di maggior caldo, ma non però tanto, che friggano.
Definiz: §. II. E per similit.
Esempio: Dittam. 5. 6. Sì presso all'equinozio si stan fitti Codesti Tingitan, de' quai ragiono, Che del calor del sol son arsi, e fritti.
Definiz: §. III. Da' buone parole, e friggi; detto proverb. che si dice di chi promette bene, e nol fa.
Esempio: Varch. Ercol. 86. Trattenere, e non venire a' fatti, cavato da' Latini, che dicevano dare verba , e lo pigliavano per ingannare ec. onde nacque quel proverbio plebeo: da' buone parole, e friggi.
Definiz: §. IV. Friggere, diciamo anche un Certo rammaricarsi, che fanno i fanciulletti, disiderando checchessia, o sentendosi male; e si dice anche di persone cagionose, o che sieno infermicce.
Definiz: §. V. Aver fritto, vale Esser rovinato, perduto. Lat.actum esse. Gr.ὀλέσθαι.
Esempio: Buon. Fier. 3. 1. 5. E se non se le dà qualche pertuso, Ond'ella esali un po' l'amante è fritto.
Esempio: Malm. 8. 54. Perchè scattando un pel, tu avresti fritto.
Esempio: E Malm. 11. 54. Addio cucina, dice, ch'io ho fritto.

52) Dizion. 4° Ed. .
FRIGIDATO
Apri Voce completa

pag.531

FRIGIDATO.
Definiz: V. A. Add. Raffreddato.
Esempio: Fior. S. Franc. 178. Quando egli è in alcuno affanno, o molto frigidato, o angosciato.

53) Dizion. 4° Ed. .
FRIGIDEZZA
Apri Voce completa

pag.531

FRIGIDEZZA.
Definiz: Freddezza. Lat. frigiditas. Gr.ψυχρότης.
Esempio: Pallad. F. R. L'acqua nel freddo tempo intepidisca, e i caldi della state si temperino colla sua frigidezza.
Definiz: §. I. Per metaf.
Esempio: Com. Purg. 9. Il peccato s'ingenera dalle più grosse materie terrene, e indura per la frigidezza.
Definiz: §. II. Frigidezza è oggi comunemente detta quella Indisposizione, che si piglia per lo stare ne' luoghi umidi, e freddi.
Esempio: Buon. Fier. 3. 1. 5. Questo per frigidezza, Ch'ei incorporò ec. dette In una timpanite ec.

54) Dizion. 4° Ed. .
FRIGIDISSIMO
Apri Voce completa

pag.531

FRIGIDISSIMO.
Definiz: Superl. di Frigido. Lat.frigidissimus. Gr.ψυχρότατος.
Esempio: Capr. Bott. 7. 142. Temperi alquanto con esso la frigidità del cervello, il quale ec. lo ha frigidissimo.
Esempio: Varch. Lez. 432. E perchè sono freddissimi (i vapori) ec. la rendono in gran parte frigidissima.

55) Dizion. 4° Ed. .
FRIGIDITÀ, FRIGIDITADE, e FRIGIDITATE
Apri Voce completa

pag.531

FRIGIDITÀ, FRIGIDITADE, e FRIGIDITATE .
Definiz: Astratto di Frigido; Freddezza. Lat.frigiditas, algor. Gr.ψυχρότης.
Esempio: Cr. 2. 16. 3. Per la frigidità mortificante del luogo non rende il frutto delle piante.
Esempio: Pass. 358. Sogna la persona, che e' piove, o ch'ella si bagna, o ch'ella cade in acqua, e simili cose d'umidore, e frigidità.
Esempio: Capr. Bott. 7. 142. Temperi alquanto con esso la frigidità del cervello, il quale ec. egli lo ha frigidissimo.
Definiz: §. I. Per metaf.
Esempio: Cavalc. Med. spirit. Poichè dunque abbiamo rinunziato al mondo, e siamoci partiti dello stato della frigidità del peccato, ec.
Definiz: §. II. Per Impotenza, o Impedimento dell'atto carnale.
Esempio: Maestruzz. 1. 85. Quante sono le generazioni dell'impotenza? Risponde san Raim. Sono principalmente due; l'una è naturale, siccome è la impotenzia del fanciullo, ovvero frigidità del seme, ovvero ancora la frigidità della complessione, ovvero la strettezza della donna.
Esempio: G. V. 4. 20. 5. Non poteva conoscer la moglie carnalmente, nè altra femmina per naturale frigiditade.

56) Dizion. 4° Ed. .
FRIGIDO
Apri Voce completa

pag.531

FRIGIDO.
Definiz: Add. Freddo, Di qualità fredda. Lat.frigidus. Gr.ψυχρός.
Esempio: Amet. 23. Sì accettevole il tuo verso hai porto ne' nostri orecchi, quale a' faticati si presta sopra le verdi erbe il lieve sonno, e le chiare fontane, e frigide agli assetati.
Esempio: E Amet. 52. La graziosa, e bella mia Pomena Fuggente l'acque frigide Peligne.
Esempio: Fr. Giord. Pred. S. Egli è ben tanto frigido, che non è nullo serpente di tanta frigiditade.
Definiz: §. Per Impotente al coito.
Esempio: Maestruzz. 1. 85. E in questo medesimo modo si dee fare, se la donna scientemente contragga col frigido, ovvero collo impotente, ella debbe abitare con lui, come sirocchia.
Esempio: Pass. 231. E le frigide membra, che come morte si giacevano in prima, si risentirono con oltraggioso orgoglio.

57) Dizion. 4° Ed. .
FRIGIONE, e FREGIONE
Apri Voce completa

pag.531

FRIGIONE, e FREGIONE.
Definiz: Sorta di cavallo con certe barbette a' piedi.
Esempio: Alleg. 101. Ch'è quasi far a un asino la marca Di frigion, di corsiere, o di giannetto.

58) Dizion. 4° Ed. .
FRIGNA, e FREGNA
Apri Voce completa

pag.531

FRIGNA, e FREGNA.
Definiz: Natura della femmina. Lat.cunnus. Gr.κυσσός κυσός, κύσθος.
Esempio: Pataff. 4. E con singhiozzo la frigna spacciommi.

59) Dizion. 4° Ed. .
FRIGNUCCIO
Apri Voce completa

pag.531

FRIGNUCCIO.
Definiz: Si dice Cercar di frignuccio; e vale Andare incontro a' pericoli, Cercar le disavventure.
Esempio: Malm. 8. 4. E gire al buio come un animale, Cercando di frignuccio in bella pruova.