Lessicografia della Crusca in rete

Volume 6 - Dizionario 5° Ed.
200) Dizion. 5° Ed. .
FOSSARELLO. –
Apri Voce completa

pag.414

FOSSARELLO . –
V. Fosserello.
201) Dizion. 5° Ed. .
FOSSATACCIO.
Apri Voce completa

pag.414

FOSSATACCIO.
Definiz: Peggiorat. di Fossato. –
Esempio: Bern. Orl. 23, 16: Al fondo della quale [ripa] un fossataccio Corre, ch'ivi ha la strada dirupata.

202) Dizion. 5° Ed. .
FOSSATELLO.
Apri Voce completa

pag.414

FOSSATELLO.
Definiz: Diminut. di Fossato. Piccolo fossato. –
Esempio: Ristor. Comp. Mond. 81: E se 'l campo sarà acquastrino, ch'egli abbia l'acqua d'attorno entro per esso, e per difenderlo [l'agricoltore] farà il grande fossato per lo mezzo, e altri fossatelli, che vadano per lo campo e rispondano a questo.
Esempio: Med. L. Op. 2, 119: E' si vedea una gentil valletta, Un fossatel con certe macchie in mezzo.
Esempio: Firenz. Pros. 2, 66: Io mi fermai dentro ad un fossatello, che assai pigramente sotto mi correva.
Esempio: Grazz. Pros. 174: Per una vigna calatosi, pervenne 'n un fossatello.
Esempio: Allegr. Rim. Lett. 315: Perch'io non abbia, tombolando un balzo, Poi rotolando in qualche fossatello, A cavalcar chinato in zucca, o scalzo.
Esempio: Buonarr. Fier. 4, 5, 3: Nel passar presso a casa un fossatello, Che 'ngrossava ognor più, piovendo forte.
Esempio: Tocc. Lett. 142: Non è egli ciò un paragonar l'acque d'un fossatello con quelle dell'Oceano?
Esempio: Targ. Viagg. 8, 298: L'acque.... forzate dalla gravità a scolare ne' torrenti, formando torrenti più piccoli, o fossatelli, si sono lavorate.... moltissimi tortuosi canali.
Esempio: Gozz. Op. scelt. 2, 32: Un fossatello d'acqua.... correa, coperto da non so quali cespugli.

203) Dizion. 5° Ed. .
FOSSATO.
Apri Voce completa

pag.414

FOSSATO.
Definiz: Sost. masc. Piccolo torrente. –
Esempio: Cresc. Agric. volg. 16: Sono ancora i luoghi alti più sicuri dalle piove, che discendono con venti, e da' pericolosi torrenti, o vero fossati.
Esempio: Fr. Guid. Fior. Ital. 104: E giunto ad uno altro fiume, che aveva nome Arnon, gli Amorrei si poseno per le valli e per li fossati del paese in aguato, per impedire il loro passare.
Esempio: Dant. Inf. 7: Sovra una fonte, che bolle, e riversa Per un fossato, che da lei diriva.
Esempio: E Dant. Purg. 5: La pioggia cadde, ed a' fossati venne Di lei ciò, che la terra non sofferse.
Esempio: Vill. G. 858: E simile diluviò il Mugnone e 'l Rimaggio, e tutti i fossati dintorno.
Esempio: Stor. Aiolf. 1, 316: L'uno (de' tre aguati) con trecento a cavallo e cinquecento a piè fue di Mirabello, e missesi in un fossato nell'aqua tra molti pruni e alberi e certe vigne.
Esempio: Bern. Orl. 38, 6: Nell'aspro monte fra valloni ombrosi.... Calan fossati grossi e rovinosi.
Esempio: E Bern. Rim. V. 18: Sia benedetto ciò che le nutrica Fiumi, fossati, pozzi, fonti e laghi.
Esempio: Soder. Agric. 80: Chi vorrà.... ben giudicare dell'acque de' ruscelli, de' rii, de' fossati, e de' fiumi, considererà prima il luogo della loro origine, e più appresso onde elle scorrono.
Esempio: Bald. Vit. Guidob. 1, 113: Posta in sito molto eminente, sulle ripe di un fossato o torrente, che si versa nel Tronto.
Esempio: Buonarr. Tanc. 1, 4: E anche ho a ir al fossato co' panni.
Esempio: Baldin. Vocab. Dis. 179, 1: Per lo più cade [il verde di Pratolino] con certe smotte cagionate dall'acque di alcuni fossati, da' quali è traportato in pezzi.
Esempio: Viv. Disc. Arn. 28: Per dove passando le piovane, si formano i borri, i fossati, i rii.... che scendono in Arno.
Esempio: Salvin. Annot. Tanc. 538: Fossato, torrente o lavatoio.... dove si lavano i panni.
Esempio: Targ. Viagg. 8, 298: La pianura antica del Valdarno è in una stupenda maniera rosa e franata qua e là da' fiumi, torrenti, fossati e botrelli.
Definiz: § I. E in locuz. figur. –
Esempio: Petr. Rim. 2, 240: E se tornando all'amorosa vita, Per farvi al bel desio volger le spalle, Trovaste per la via fossati o poggi.
Definiz: § II. E per Fossa o Fosso. –
Esempio: Cresc. Agric. volg. 18: Per l'appetito de' frutti gli uomini guastano le siepi e i fossati.
Esempio: Domen. Tratt. Car. 15 t.: Io ho visto due vigne d'un medesimo vitigno toccarsi l'una l'altra nel fondo d'un fossato: e l'una fa vin brusco che pare acquerello, l'altra fa trebiano suave.
Esempio: Rinucc. F. Ricord. 264: Dal canto di detta casa della via che va alle Campora insino alla fine di detta casa di verso la strada Romana; e così s'abbi a pigliare un 1/2 braccio di terreno drento al canto di detta casa, che fa la misura d'un braccio, seguiti inverso la china inverso di detto fossato della via del carro.
Esempio: Tass. Rim. 4, 1, 217: E siccome i ranocchi Tengono fuor de' lor fossati il muso.
Esempio: Manz. Poes. 54: Natura al mio nemico Il campo preparò, gli abissi intorno Gli scavò per fossati (qui per similit.).
Definiz: § III. E figuratam. –
Esempio: Cavalc. Esp. Simb. 1, 179: L'uomo molto avaro si precipita come cieco in ogni abisso e fossato di peccato.
Definiz: § IV. Pietra del fossato. Sorta di pietra, dura, di grana fine e di colore azzurrognolo, che piglia un bel pulimento, ed è usata per ornamento degli edifizj. –
Esempio: Vasar. Vit. Pitt. Intr. 1, 111: Ma molto più durabile di questa [pietra serena] e di più bel colore, è una sorte di pietra azzurrigna, che si dimanda oggi la pietra del fossato, la quale, quando si cava, il primo filare è ghiaioso e grosso, il secondo mena nodi e fessure, il terzo è mirabile perchè è più fine.

204) Dizion. 5° Ed. .
FOSSERELLA.
Apri Voce completa

pag.416

FOSSERELLA.
Definiz: Sost. femm. Forma diminut. di Fossa. Piccola fossa. –
Esempio: Pallad. Agric. 294: Poi di febbraio, quando la sua pianta è grande un dito, si traspianta in picciola fosserella in terra lavorata.
Definiz: § Per similit., Quella piccola depressione, che talora si fa nelle gote della persona che ride. –
Esempio: Gio. Fior. Nov. 12: Quando alcuna volta rideva [veggendo] in quelle sue gote vermiglie due fosserelle, che arebbono per dolcezza ogni cuore di marmo fatto innamorare.

205) Dizion. 5° Ed. .
FOSSERELLO e anche FOSSARELLO.
Apri Voce completa

pag.416

FOSSERELLO e anche FOSSARELLO.
Definiz: Diminut. di Fosso. Piccolo fosso. –
Esempio: Saccent. Rim. 1, 17: A rinfrescar l'arsura de' polmoni Correr più d'una volta a un fossarello.

206) Dizion. 5° Ed. .
FOSSETTA.
Apri Voce completa

pag.416

FOSSETTA.
Definiz: Diminut. di Fossa. Piccola fossa. –
Esempio: Tedald. Agric. 67: Fa' fossette, e corica, ovvero propaggina detti rami, e dipoi ricuopri con buon terriccio.
Esempio: Soder. Cult. Ort. 32: Grandissimi verranno [gli appj], se si faccia loro una fossetta accanto piena di paglia.
Esempio: E Soder. Cult. Ort. 178: Eleggerai delle vermene [di mortella] di un anno e non meno (per piantarle), e meglio sarà storcerne quanto sene ficchi in terra.... in fossetta ben lavorata.
Esempio: E Soder. Cult. Ort. 179: Si pianta [la mortella] a verbene, tagliato un ramo di cinque o sei anni,... posto a traverso a giacere in una fossetta fatta sopra il divelto.
Esempio: Grand. Relaz. Fucecch. 175: Susseguentemente fece S. A. terminare e confinare il lago con una fossetta, per troncare le liti.
Esempio: Trinc. Ben. stab. 4: Si riconosca dunque in più e diversi luoghi il terreno per mezzo di piccole fossette, osservando ec.
Esempio: Targ. Viagg. 2, 417: Nella ripa d'una fossetta, che divide questi due campi, è una polla d'acqua, con fondamenti di fabbrica intorno.
Esempio: Lastr. Agric. 1, 103: Gli accorti coltivatori usano anche la diligenza di costruir le fossette o gli scoli in maniera, che l'acqua non vi precipiti, ma si trattenga ec.
Definiz: § I. Per similit. –
Esempio: Red. Osserv. Anim. viv. 153: Il fiaschetto o borsetta contenente il verme, è bianco, di parieti grosse e forti, e internamente tutte piene di piccole fossette.
Definiz: § II. E per Quella piccola depressione che talora si fa nelle gote di chi ride. –
Esempio: Salvin. Annot. Fier. 525: E nelle gote due profonde fosse; cioè caverne. Per altro è bellezza, quando, nel ridere dolcemente, vengono a farsi due fossette o scodellini, e che paion sigilli del dito piccolin di Cupido, come disse del buco del mento Varrone nelle sue Satire.

207) Dizion. 5° Ed. .
FOSSETTINA.
Apri Voce completa

pag.416

FOSSETTINA.
Definiz: Diminut. di Fossetta. –
Esempio: Targ. Viagg. 2, 534: In una di queste pietre.... vedonsi certe minutissime fossettine tortuose.

208) Dizion. 5° Ed. .
FOSSETTO.
Apri Voce completa

pag.416

FOSSETTO.
Definiz: Diminut. di Fosso. Piccolo fosso. –
Esempio: Soder. Cult. Ort. 318: Faccia arginuzzi volti al sole in grosso terreno,... e fattivi fossetti fondi un piede, ponga piante d'un anno innanzi al principio di marzo.
Esempio: Tens. Fortif. 2, 14: Se le rimediarà con cavare d'intorno al piede della fortezza un fossetto largo 10 piedi.
Esempio: Grand. Relaz. Fucecch. 183: Si fece la livellazione di esso col fondo del padule per mezzo d'un fossetto.
Esempio: Trinc. Agric. 411: Si fanno e si cavano [in agosto] i fossetti che servono per lo scolo dell'acque delle terre prative.
Esempio: Targ. Viagg. 5, 46: Le acque che muoiono e stagnano dentro ai campi, e negl'innumerabili fossetti.

209) Dizion. 5° Ed. .
FOSSICELLA.
Apri Voce completa

pag.416

FOSSICELLA.
Definiz: Sost. femm. Forma diminut. di Fossa. Fossa molto piccola. –
Esempio: Cresc. Agric. volg. 393: Se,... fatto ciò, lo rinvolgi in letame, e in picciola fossicella sotterri, il rafano s'accosta alla radice.
Esempio: Pallad. Agric. 10: E la detta ghiova metti in una fossicella.
Esempio: E Pallad. Agric. 111: Da' dì VIII di febbraio si fanno le siepi intorno agli orti, mettendo il seme delle spine in trecce, o funi di paglia, e mettendo nella fossicella.
Esempio: Domen. Plin. 537: Altrove gli fanno intorno fossicelle, acciò che il vento penetri.
Definiz: § E per Quella piccola depressione che talora si trova naturalmente nel centro del mento. –
Esempio: Firenz. Pros. 296: Un poco di fossicella nel centro.... è sua propria (del mento) e particolar bellezza.

210) Dizion. 5° Ed. .
FOSSILE.
Apri Voce completa

pag.416

FOSSILE.
Definiz: Add. Aggiunto di tutte quelle sostanze che si cavano dal seno della terra, siano esse minerali o vegetali od animali, a distinzione di quelle altre sostanze della medesima specie, che si trovano altrove.
Dal lat. fossilis. –
Esempio: Baldin. Vocab. Dis. 98, 1: Minerale.... sotto 'l qual nome si comprende, non solo qualunque sorta di metallo naturale, ma qualunque altra materia fossile, come lo zolfo, l'allume, il sale, e sì fatti.
Esempio: Ricett. fior. 23: La borrace naturale.... è una spezie di nitro fossile.
Esempio: Red. Osserv. Anim. viv. 116: Prove fatte col sal comune, col sal fossile di Etiopia, e col sale pur fossile delle miniere di Valisca.
Esempio: E Red. Osserv. Anim. viv. appr.: Il salnitro pareggia la forza anch'egli del sal comune e degli altri sali fossili.
Esempio: Vallisn. Op. 3, 406: Fossile. Viene spiegato da' maestri di lingua per aggiunta del sale, che si trova sotterra. Fossilis. Forse allora così s'intendeva, ma ora dagli storici naturali s'aggiugne a tutto ciò che dal seno della terra si cava; come per esempio, legno fossile, pesce fossile ec.
Esempio: Targ. Viagg. 5, 267: Osso fossile d'elefante.
Esempio: Giobert. Primat. 604: L'Egitto, resa feconda dal solo Nilo, e priva di piante fossili, potè essere difficilmente abitabile nei tempi succeduti di fresco al diluvio.
Definiz: § I. E per Che ha qualità di sostanza fossile. –
Esempio: Cocch. Bagn. Pis. 53: Si separa da esse [acque] non solamente qualche porzione d'aria e di terra,... ma insieme qualche sottilissima esalazione di fossile oleosa natura.
Definiz: § II. Carbon fossile. –
V. Carbone, § V.
Definiz: § III. Farina fossile. Specie di terra bianca, leggiera e pulverulenta, simile in apparenza alla farina del grano. –
Esempio: Manett. Ragion. 19: È stata caratterizzata col nome di farina fossile e di terra miracolosa, e da alcuni fra essi [naturalisti] è stata reputata utile presso a poco quanto la farina di grano.
Esempio: E Manett. Ragion. appr.: Alcuni fra questi naturalisti sono di parere, che tal terra o farina fossile sia quella specie precisamente, detta comunemente medulla saxorum.
Definiz: § IV. In forza di Sost. Qualunque sostanza fossile. –
Esempio: Varch. Quest. Alchim. 43: I toscani chiamano questi tali fossili mezzi minerali, perchè non sono veramente nè pietre nè metalli.
Esempio: Galil. Comm. ep. 1, 166: Quelle inesperte genti le virtù delle piante, delle pietre e dei fossili non conoscevano.
Esempio: Cocch. Disc. 1, 219: Per proseguire.... le sue osservazioni sulle piante e su' fossili.
Esempio: E Cocch. Bagn. Pis. 43: Deve molto stimarsi nei nostri [bagni] la vicinanza dell'istesso Monte Pisano che, colle varie curiosità naturali nelle sue caverne e ne' suoi fossili e vegetabili,... può sempre fornire il soggetto d'un piacevole ed erudito viaggio.
Esempio: Giobert. Primat. 309: Le popolazioni cristiane la trattano da serva (la terra), sforzandola ad accrescere la somma delle nostre cognizioni e dei godimenti, col tesoro dei metalli e dei fossili, ch'ella nasconde nel suo seno.

211) Dizion. 5° Ed. .
FOSSILIZZARE.
Apri Voce completa

pag.417

FOSSILIZZARE.
Definiz: Neutr. pass. fossilizzarsi Ricever natura e qualità di fossile, Addivenir fossile.

212) Dizion. 5° Ed. .
FOSSILIZZATO.
Apri Voce completa

pag.417

FOSSILIZZATO.
Definiz: Partic. pass. di Fossilizzare.
Definiz: § In forma d'Add. Addivenuto fossile.

213) Dizion. 5° Ed. .
FOSSO.
Apri Voce completa

pag.417

FOSSO.
Definiz: Sost. masc. Fossa grande, che raccoglie le acque piovane dei campi, o che serve a condurre le acque di un fiume per irrigare le campagne o per macinare.
Dall'adiett. lat. fossus, Scavato. –
Esempio: Dant. Inf. 22: E come all'orlo dell'acqua d'un fosso Stan li ranocchi pur col muso fuori, ec.
Esempio: Sacch. Nov. 2, 222: Perocchè il luogo era affossato intorno, e valicavasi il fosso su per un asse assai stretta di faggio.
Esempio: Soder. Agric. 89: Quelle acque che stanno ferme nelle paludi e pantani, pelaghi, trogoli o fossi, quantunque elle si schiariscano come quelle de' vivaj, sono sempre inferme, e di pessima condizione.
Esempio: Vai Rim. 22: Sì bel fior mai non si vede Dentro a fossi o presso a rivi, Per timor, che non l'arrivi Delle bestie il dente o il piede.
Esempio: Targ. Viagg. 12, 228: La terza spesa è per gli fossi particolari, alla quale concorrono coloro che vi scolano fosso per fosso, e di questi si fa l'imposizione, e poi si vuotano.
Esempio: Gozz. Op. scelt. 5, 392: Notiamo. Come dal fosso l'acqua sbocca, quando È la chiavica aperta, ecco ch'io veggo, ec.
Esempio: Panant. Poet. Teatr. 24: Spesso la notte mi ritrovo addosso, E dormo sotto un albero o in un fosso.
Definiz: § I. E semplicem. per Luogo ove scorre acque, Canale. –
Esempio: Bart. C. Archit. Albert. 39: Io biasimo il fosso, che aveva fatto Nerone navigabile.
Esempio: Baldin. Decenn. 4, 96: Con disegno pure ed assistenza di lui fecesi il fosso di Livorno.
Esempio: Perell. Relaz. Idr. 136: Il fosso reale viene intersecato dal fosso de' navicelli.
Definiz: § II. E per similit. trovasi detto per Girone o Bolgia infernale. –
Esempio: Dant. Inf. 12: Dintorno al fosso vanno a mille a mille, Saettando ec.
Esempio: E Dant. Inf. 33: Nel fosso su, diss'ei, di Malebranche, Là dove bolle la tenace pece, ec.
Definiz: § III. E per Quello scavamento di terreno che si fa attorno a una fortezza, a un luogo fortificato, a un accampamento, e simili, per impedire al nemico l'accesso. –
Esempio: Comp. Din. Cron. DL. 224: La città era forte, e di buone mura guernita e di gran fossi e di pro' cittadini.
Esempio: Vill. G. 837: Avendo la gente de' Pisani.... in Lunigiana fatto un gran fosso con isteccati e bertesche.
Esempio: Uff. Cast. Fort. Fir. 15: Anche parve loro che è di necessità che la tagliata o vero fosso allato allato alla detta torre si compia e vada a dentro per XII braccia.
Esempio: E Uff. Cast. Fort. Fir. 73: Comandiamo.... che i fossi e antifossi dalla porta di piazza si rimondino, e nel mezzo tra 'l fosso e l'antifosso si ponga del terreno, e si riaguzzino.
Esempio: Machiav. Scritt. ined. 78: Ancora v'imponiamo diate ordine di fare tale riparo al muro rotto di Cascina, che vi si possa stare alla guardia; e se bisogna rivotare o rassettare il fosso, etiam lo farete.
Esempio: Alam. L. Gir. 14, 4: Nel quarto giorno arriva alla presenza Di quell'alto Castel cinto di muro Grosso, e forte, e di larghi e fondi fossi, Ove senza ali penetrar non puossi.
Esempio: Varch. Stor. 2, 148: Si rizzò un grandissimo e fortissimo baluardo con alcune trincee e fossi.
Esempio: Bart. C. Archit. Albert. 108: Disputasi infra gli uomini di guerra, qual sia più utile cosa, o che i fossi stieno pieni di acqua, o vero asciutti.
Esempio: Tass. Gerus. 11, 43: Il buon conte d'Ambuosa in ripa al fosso, E sulla scala poi Clotarco il franco; Quegli morì trafitto il petto e 'l dosso, Questi ec.
Esempio: Bentiv. G. Guerr. Fiandr. 1, 284: Si poteva render fortissima [la città] con molta facilità, per esser da una parte in sito basso ed acquoso, e ben proveduto di recinto e di fossi da gli altri lati.
Esempio: Montecucc. Op. 1, 183: Il fosso da cavarsi a misura del terrapieno, per trarne la terra che ci bisogna, sia più profondo dell'altezza d'un uomo, e più largo della lunghezza d'un grande albero.
Definiz: § IV. Fossi, si disse in Firenze un Luogo, dove si gittavano le carogne, e per ignominia, anche il cadavere di qualche cittadino incorso nel pubblico odio. –
Esempio: Malisp. Stor. fior. 111: E conosciuto, a furore fue lapidato, e vilmente per li fanciulli strascinato per la terra, e gittato a' fossi.
Esempio: Nov. ant. B. 53: Menatelo a' fossi, a' cani, e a' lupi.
Esempio: E Nov. ant. B. appr.: E poi il menerete a' fossi, e lasciaretelo stare a' lupi ed a' cani ed a l'altre bestie.
Esempio: Vill. G. 147: A grido di popolo fu lapidato e vilmente per li fanciulli straziato e strascinato per la terra, e gittato a' fossi.
Esempio: E Vill. G. 163: Certi per empiezza di parte, feciono abbattere la detta sepoltura, e trassonne il corpo morto, di tre anni morto e sepolto, e fecerlo strascinare per la città e gittarlo a' fossi.
Esempio: Bocc. Decam. 1, 124: Morendo senza confessione, niuna chiesa vorrà il suo corpo ricevere, anzi sarà gittato a' fossi a guisa d'un cane.
Definiz: § V. Cavalcare il fosso, vale Tener da due parti; più comunemente, Tenere il piede in due staffe. –
Esempio: Allegr. Rim. Lett. 118: Pur non mi piace, ugnendo gli stivali, Il fosso cavalcare, e far la canna, Tenendo 'l capo in mezz'a due guanciali.
Definiz: § VI. Saltare il fosso, dicesi proverbialm. per Cansare destramente la difficoltà. –
Esempio: Tocc. Lett. 20: Perchè il giovane non era affatto oca, s'accorse che il Padre avea saltato il fosso dell'ubbidienza.
Definiz: § VII. Saltare un fosso, trovasi per Lasciar fuggir l'occasione di fare checchessia. –
Esempio: Buonarr. Aion. Cod. 3: Pur, per dar luogo alla strana ambizione Di chi di me si duole, e mi va grosso, Dicendo ch'io ho auta occasïone Di farli onore, e ho saltato un fosso, Buscando andrò ec.
Definiz: § VIII. Stare a cavallo del fosso, o in sul fosso; lo stesso che Cavalcare il fosso. –
Esempio: Car. Lett. ined. 2, 54: Avrebbe voluto che non ne si troncasse il filo, come quello che si vorrebbe servir del tempo, e star a cavallo in sul fosso.
Definiz: § IX. Al saltar del fosso. Maniera proverbiale significante Al momento della difficoltà, Dinanzi al pericolo. –
Esempio: Panant. Poet. Teatr. 14: Io far di meno del teatro posso: Se ne avvedranno essi al saltar del fosso.
Definiz: § X. Una camicia addosso e una al fosso, sottintendendo la parola Camicia, dicesi proverbialm. per Avere due sole camicie, una che si porta e un'altra che è data a lavare.

214) Dizion. 5° Ed. .
FOSSONE.
Apri Voce completa

pag.418

FOSSONE.
Definiz: Accrescit. di Fosso. Fosso grande. –
Esempio: Guicc. Stor. 3, 365: Da altra parte Prospero Colonna,... deliberato di aspettare (così diceva) gl'inimici al fossone,... mandò subito a Francesco Sforza.
Esempio: Gell. Vit. Alfons. volg. 101: Il fosson largo, dove correva il Pò.
Esempio: Borgh. V. Stud. Div. Comm. 112: Questo cerchio di Malebolge è, come più volte abbiamo già detto, una valle tonda che inchiude in sè dieci fossoni che circundano l'uno l'altro, pendendo sempre verso il mezzo della valle, che è uno pozzo assai largo e profondo. Questi dieci fossoni sono attraversati da uno argine che gli cavalca tutti.
Esempio: Soder. Agric. 178: Facciasi intorno alla villa un fossone, dove l'oche, l'anatre, i porci e tutte le bestie vaccine si possan lavare e buttarvisi dentro.
Esempio: Targ. Viagg. 1, 46: L'Arno cammina per un fossone tortuoso, le di cui pareti sono a sinistra la continuazione del Monte della Golfolina.
Esempio: E Targ. Viagg. 8, 316: Le piogge farebbero calare in quel fossone.... tanto terreno e tanti sassi, che sarebbe cosa impossibile il vuotarlo e tenerlo pervio.
Esempio: Paolett. Oper. agr. 1, 247: Ridur si potrebbero anch'essi a fertilissime prata, se i proprietarj, facendogli circondare di un fossone,... volessero procurare di dar lo scolo alle acque stagnanti.
Esempio: E Paolett. Oper. agr. 1, 248: Quivi bisogna scavare nell'altezza maggiore del prato un largo e profondo fossone.

215) Dizion. 5° Ed. .
FOTOGRAFARE.
Apri Voce completa

pag.418

FOTOGRAFARE.
Definiz: Att. Ritrarre per mezzo della fotografia.

216) Dizion. 5° Ed. .
FOTOGRAFATO.
Apri Voce completa

pag.418

FOTOGRAFATO.
Definiz: Partic. pass. di Fotografare.

217) Dizion. 5° Ed. .
FOTOGRAFIA.
Apri Voce completa

pag.418

FOTOGRAFIA.
Definiz: Sost. femm. Arte di ritrarre per mezzo della luce su lastra di vetro preparata, e da questa su carta pure a ciò preparata, la immagine dei corpi, posti dinanzi alla lente di una camera oscura.
Dal grec. φῶς Luce, e γράφω Rappresento.
Definiz: § E per Ritratto, o Immagine, eseguiti mediante la fotografia.

218) Dizion. 5° Ed. .
FOTOGRAFICAMENTE.
Apri Voce completa

pag.418

FOTOGRAFICAMENTE.
Definiz: Avverb. In modo fotografico, Per mezzo della fotografia.

219) Dizion. 5° Ed. .
FOTOGRAFICO.
Apri Voce completa

pag.418

FOTOGRAFICO.
Definiz: Add. Di fotografia, Appartenente alla fotografia; oppure Fatto, Eseguito, mediante la fotografia.