Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 750 msec - Sono state trovate 6099 voci

La ricerca è stata rilevata in 14808 forme, per un totale di 8706 occorrenze

1° Edizione
Diz Giu. totali
14802 6 14808 forme
8703 3 8706 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 1° Ed. .
PAROFFIA
Apri Voce completa

pag.595



1) id: 8b18c11d9a8e46829e241214cac1fa04)
Esempio: Benven. Imol. Paroffia, cioè abbondanza.
2) Dizion. 1° Ed. .
POLTRO.
Apri Voce completa

pag.634



1) id: a05899d2e41d40ffb0f087bb95669bce)
Esempio: Dan. Purg. 24. Come fan bestie spaventate, e poltre. Benvenuto da Imola, interpetra GIOVINCELLE.
3) Dizion. 1° Ed. .
A PROVO
Apri Voce completa

pag.68



1) id: 4f899140c0a14298a656feed9869ab3b)
Definiz: avverbialm. parola Lombarda, e vale appresso. Lat. apud. vedi il Com. dell'Imola.
4) Dizion. 1° Ed. .
NEGROMANTICO
Apri Voce completa

pag.553



1) id: ee692d6bc05d468baca928e8a469c054)
Esempio: Com. Par. 6. Ammaestrato da Pitagora Filosofo negromantico.
5) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 3d15a10ad25d49c2a0ce557ab0bfa8b9)
Esempio: Bocc. proem. 7. Se da nuovi ragionamenti non è rimossa


3) id: eba151cc173c49dd9bb2e7eb81ee2cc8)
Esempio: Dan. Inf. c. 32. Che non è impresa da pigliare a gabbo, Descriver fondo a tutto l'universo, Ne da lingua, che chiami mamma, o babbo.


4) id: bfe940745cca47e0bf9bf97aa993878d)
Esempio: Petr. Son. 137. Pien d'un vago pensier, che mi disvia, Da tutti gli altri.


5) id: acb67e3601c3440aa94f8e395be907a0)
Esempio: Bocc. g. 4. p. 13. Per certo chi non v'ama, e da voi non desidera d'essere amato, ec.
6) Dizion. 1° Ed. .
DA'
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 7eaadb9b50fa40bd98d37fa27041aac6)
Esempio: Bocc. proem. n. 6. Da' voleri, da' piaceri, da' comandamenti de' padri, ec.


3) id: bd781efedee04afc8d8bc01ec280e014)
Definiz: DALLO DALLI: DALLA DALLE. tutti proposizione, o segno di caso, affisso all'articolo, divenuti una sola di due parole, composti dal DA LO, DA LI, DA LA, DA LE, a' quali l'uso, per cagion di pronunzia, ha raddoppiata nel mezzo la consonante, e congiuntigli insieme.


4) id: e1e0305c6a564f0f94846a9a87c9b762)
Definiz: con l'apostrofo, voce tronca da DAI, o DALLI, che è proposizione, o segno di caso, affisso all'articolo.
7) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 64a4315960f043a38221c100d230b73b)
Esempio: Liv. M. che gli biasimava duramente, ora da follía, ora da codardía.


3) id: d3b9766461f14667add988da3c05ca99)
Esempio: E Bocc. proem. n. 7. Hanno molti modi da alleggiare, o da passar quello.


4) id: 7d09540921cf46c89dc522ab3117e93b)
Esempio: E Bocc. n. 18. 28. La donna, a cui più tempo da conforto, che da riprension pareva.


5) id: 6f6e613ed77647f1be702b1a3800d751)
Esempio: Bocc. nov. 49. 16. Degno cibo da voi il reputai.


6) id: 8a8c1b00b79d4ba9be73ddc9966b0e83)
Esempio: Dan. Purg. c. 1. Poscia risposi lui, da me non venni [cioè di mio capriccio, e di mia volontà]
8) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 51f8713f64e24a4bb828e66c4a205f33)
Esempio: E Bocc. nov. 27. 30. Io voglio stanotte poter venir da voi.


3) id: 503e6f7202484c9d823a8ec620254027)
Esempio: E Bocc. nov. 26. 15. Adunque disse la buona femmina, andatevene da lui.


4) id: ebb8d2307d504fb798a5dd74ee595579)
Esempio: Bocc. g. 3. p. 4. Esso avea intorno da se, e per lo mezzo, ec.


5) id: 3f3f1b13afee4f4a90e88cc74066e914)
Esempio: Sen. Pist. Non andrò io per la traccia di coloro, che furon dinanzi da noi?


6) id: dea0cd56ad0c4c80a824d5e9fe280a5c)
Esempio: E Bocc. nov. 79. 34. Andrà faccendo per la piazza, dinanzi da voi, un gran sufolare.


7) id: d890666a50904d8ba5b6a20b57098e71)
Esempio: Vit. S. Gio. Bat. E questa fanciulla verrà dinanzi da voi, e farà queste sue giulleríe.


8) id: b848eb2685704e08882d10e191300205)
Esempio: Bocc. n. 20. 10. Io vi menerò da lei, e son certo, che ella vi conoscerà.


9) id: 035a5b7ac1a3407f883642a7e0cf7caa)
Esempio: Omel. Origén. Ella si levò, molto per tempo, una mattina dinanzi da tutti, e venne con prezioso unguento.
9) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: f295c80a4f874bf1b571f29b0361f24c)
Esempio: M. V. 8. 38. Qui cominciò l'odio da' gentil'huomini al popolo.


3) id: e678f047308946a985329dd18399cffd)
Esempio: E G. V. lib. 6. 34. 11. Fue aspre battaglie infino all'Arno, da gli usciti Guelfi a' detti Tedeschi.
10) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 6c9a37324b50482e819fe8bed5c61239)
Esempio: Bocc. nov. 72. 9. La gonnella mia dal Perso, e lo scaggiale da i dì delle feste.
11) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 378033c0da28444a8f2175042cd0167c)
Esempio: G. V. 10. 162. 1. Stette più d'otto dì a segreto consiglio da lui al Papa.
12) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 61692268eab84c6c8a09ac0a3e3b7ff3)
Esempio: Bocc. Andreuccio da Perugia, Paganin da Monaco, Masetto da Lamporecchio. Ser Ciappelletto da Prato.
13) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 9e115c20f4c94098a6aea07b0456bd3b)
Esempio: Esempio del Compilatore Da huomo da bene. per quello che dee dire un'huomo da bene.


3) id: a61a3e33914640fc9436357702bd5c39)
Esempio: Petr. Son. 1. Quando era in parte altr'huom da quel ch'io sono.


4) id: bba3e219335b44ca8ea5276c49bb8c08)
Esempio: Esempio del Compilatore da quel ch'io sono. cioè, per quell'huom ch'io sono.
14) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: f21b8f73adf841e180e47d6757a9a90d)
Esempio: Bocc. n. 80. 23. E comprate venti botti da olio, e empiutele.
15) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 26a1359c263d4f24adb9cab30c97d1d8)
Esempio: Vit. Crist. Comincioe ad andare da Nazzarette a Ierusalemme, che v'hae da 74. miglia.


3) id: 75e63bb360d14edd91ffbc0edd610815)
Esempio: Dan. Purg. 2. Veramente da tre mesi gli ha tolto.


4) id: fba01b5ee2624163b599ad9be6c5f4ba)
Esempio: E Bocc. nov. 15. 7. Essa incóntrogli da tre gradi discese.


5) id: a25154b65e7c467689cbcb6ebca6b193)
Esempio: Cr. 4. 9. 4. Ed imperò da quattro, o vero cinque generazioni di viti porremo.


6) id: 2e0b6ea76b62475d98b4de7cc8646cc9)
Esempio: G. V. 11. 93. 2. Istimavasi avere in Firenze da novantamila bocche, tra huomini, femmine, e fanciulli.


7) id: c9de63739907435f8b5d525caee6696f)
Esempio: Bocc. nov. 43. 5. Vicini ad un castelletto, del quale, essendo stati veduti, subitamente usciron da dodici fanti.


8) id: 2c4be6349635404f8cb6f295aa08243e)
Esempio: E G. V. lib. 7. 27. 7. Allora prese da 30. in 40. de' migliori Baroni del Re.
16) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 391cb0bb3c2d4f71a74ae2b48b48dcae)
Esempio: Bocc. proem. n. 4. E sommamente da commendare, e 'l contrario da biasimare.


3) id: d454bcfc8d85454da0347cfe79669b8b)
Esempio: E Bocc. n. 13. 24. Diede ordine a quello, che da far fosse.


4) id: 5250735393014766b41a4e1a7243e39a)
Esempio: Esempio del Compilatore egli è da fare. equivalente al nominativo gerundio. Lat. faciendum est.
17) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 7fb9756442c2437d903614fb3a76737a)
Esempio: E Bocc. nov. 7. 2. Da di se da mordere, da parlare, e da riprendere.


3) id: a6e8cafdb7634112ad14a98cbb1f8276)
Definiz: E cosa da mangiare, e cosa da bere , cioè atta nata a ciò. Lat. esculentum, poculentum.


4) id: 492bc43acd9f4cc6b3321b9ee4287fd3)
Esempio: Bocc. n. 3. 3. Pensossi, costui aver da poterlo servire.


5) id: eb3453f4874c484d94ad40d97443014c)
Esempio: Bocc. n. 7. 9. In su le tavole, vino, ne pane, ne altre cose da mangiare, o da bere, si poneva giammai.


6) id: 536ec4bb4de44e1da31637671ee2b95b)
Esempio: Bocc. nov. 50. 16. Si, da cena ci ha: noi siam molto usate di far da cena, quando tu non ci se.


7) id: f50260887836402c9f3f5a727ca002cc)
Esempio: E Bocc. nov. 2. 7. huomini, ec. da poterti di ciò, che tu vorrai, o domanderai di chiaríre [cioè i quali potranno]
18) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 31b79652e0634ab3a2eb6999fe3cae3f)
Esempio: Dan. Purg. c. 1. Ma da ch'è tuo voler, che più si spieghi.


3) id: c9ea8365f26d4c29a708e890cd308aff)
Esempio: Nov. ant. 62. 5. Da che pur vi piace, ubbidire lo vostro comandamento.


4) id: 1e75c6df80cf4c45b43e40bf841cb1af)
Esempio: Tav. rit. Da che volete con noi battaglia dissono i cavalieri? Si voglio, disse Gorone.


5) id: f2a6ee064b3144798ea7346be54198a8)
Esempio: N. ant. 65. 4. Donna, da che Dio ci ha fatto bene, si 'l ci togliamo.


6) id: f49358bcbdea49308077191da95c1119)
Esempio: E Dan. Purg. can. 14. Ma da che Dio in te vuol che riluca, Tanta sua grazia.


7) id: 7d3fa170332644ecb92cc03ad87a42a2)
Esempio: Bocc. n. 79. 37. Da che non avendomi ancor quella Contessa veduto, ella s'è innamorata di me.
19) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 862780abb5db43639ea69a8b474c0f08)
Esempio: Esempio del Compilatore Da sera, da matina. Lat. vespertino, matutino tempore.


3) id: 63fb839e9aa144c9ad526ffaa84054bb)
Esempio: E Bocc. nov. 73. 12. A me pare, se pare a voi, che questa sia opera da dover far da mattina


4) id: b8ac209bf59f49c5a778de08fe1f04a7)
Esempio: Bocc. nov. 45. 6. Per alcuna cagion da sera, fuor di casa andasse.
20) Dizion. 1° Ed. .
DA
Apri Voce completa

pag.246



2) id: 610eb448f49041419a620a2048321865)
Esempio: Bocc. n. 22. 3. Ma per altro, da troppo più, che da cosi vil mestiere.


3) id: 91a7b8ac9f3641618967389ef4f2f8d9)
Definiz: congiunto, o accompagnato con le particelle POCO, MOLTO, ASSAI, NIENTE, BENE, TANTO, PIU, e simili, sta avverbialmente, e con esse ha forza d'addiettivo, della quale vedi a suo luogo: e tra essa DA, e 'l PIU, talora vi s'intromette l'avverbio TROPPO, ASSAI, MOLTO, POCO.