Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
RADDOMANDARE.
Apri Voce completa

pag.37


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
RADDOMANDARE.
Definiz: Domandar di nuovo. Lat. iterum petere. Gr. ἀπατεῖν.
Esempio: Coll. SS. Pad. Cominciò a raddomandare la rimpromessa narrazione.
Definiz: §. Per Chiedere cosa, che sia stata tua. Lat. reposcere. Gr. ἐξαιτεῖν.
Esempio: Bocc. nov. 20. tit. Divenuto amico di Paganino, raddomandagliele, ed egli, dove ella voglia, gliele concede.
Esempio: E Bocc. vit. Dant. 240. Sarà in te meno d'umanità, che ne' barberi, li quali troviamo non solamente avere i corpi delli loro morti raddomandati, ma per riavergli essersi virilmente disposti a morire?
Esempio: G. V. 11. 54. 1. Adoardo il giovane Re d'Inghilterra raddomandò al Re di Francia la contea di Gines in Aquitania.
Esempio: Maestruzz. 2. 41. Colui, che contrae collo scomunicato, è obbligato a lui quanto alla naturale obbligazione, della quale se ne sia soluto, non si può raddomandare.
Esempio: Boez. Varch. 3. pros. 3. E di vero onde nascono tante lamentanze, e tanti piati in tante corti, se non perchè quei danari, che sono, o per forza, o per inganno, stati tolti a chi non averebbe voluto, si raddomandano?