Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
SUPINO.
Apri Voce completa

pag.1651


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
SUPINO.
Definiz: Nome. Da alcuni autori de' più antichi si disse anche SOPINO. Che sta, o giace rovescio. Latin. supinus.
Esempio: Dant. Infer. 23. Supin si diede alla pendente roccia.
Esempio: E Dan. Purg. 14.Poi fer li visi, per dirmi, supini.
Esempio: Nov. Ant. 100. 17. In quel sogno, egli giacea supino.
Esempio: Sen. Pist. La testuggine, quando ell'è supina, non sente niun dolore.
Esempio: Pass. 362. Giacendo la persona supina in sulle reni, intervengono rei sogni, e noiosi.
Definiz: §. Per Negligente, che pure si dice in Lat. supinus.
Esempio: Maestr. 1. 13. Potrà il Vescovo con lui dispensare, se già la ignoranza non fia crassa, o sopina.
Esempio: E Maestruz. 10. 5. Ignoranza crassa, e supina è detta per metafora dell'huomo grasso, e supino, il quale non vede eziandio quelle cose, che innanzi son loro, così anche colui, il quale le pubbliche manifeste cose dice se ignorare, al quale agevolmente non è creduto.