Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 344 msec - Sono state trovate 16 voci

La ricerca è stata rilevata in 38 forme, per un totale di 21 occorrenze

1° Edizione
Diz Giu. totali
38 0 38 forme
21 0 21 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 1° Ed. .
GRANDINATO
Apri Voce completa

pag.399



1) id: 5da128e6cf104cdfa2e621f9022411f8)
Definiz: Percosso dalla grandine. Lat. grandine verberatus, Disse Orazio.
2) Dizion. 1° Ed. .
FIGLIUOLO
Apri Voce completa

pag.347



1) id: 85644eb147204603bb22ad8865f017c1)
Definiz: ¶ Per nominazione amorevole, come il Lat. puer, usato da Orazio più volte.
3) Dizion. 1° Ed. .
MISURARE
Apri Voce completa

pag.534



1) id: 6f85de35493849998677f922e3286e96)
Definiz: ¶ Per contrappesare, far paragone. Lat. perpendere, versare, disse Orazio in simil senso.
4) Dizion. 1° Ed. .
SATIRO
Apri Voce completa

pag.751



1) id: f8fd125fdb414df08674d295d0c70809)
Esempio: Dan. Inf. 4. Quegli è Oméro poeta sovrano, L'altro è Orazio satiro.
5) Dizion. 1° Ed. .
FRESCO
Apri Voce completa

pag.367



1) id: a2801e83fc874616b95e9d5186a62a79)
Definiz: Sust. Freddo temperato, e piacevole, e che conforta. Lat. frigus amabile, disse Orazio.
6) Dizion. 1° Ed. .
MACINARE
Apri Voce completa

pag.496



1) id: d5cc7e3ccb8646508ead73dc5cf05941)
Definiz: ¶ Per metaf. dell'atto venereo. Anche Orazio disse PERMOLERE nella seconda Satira del primo.
7) Dizion. 1° Ed. .
ASSALIMENTO
Apri Voce completa

pag.84



1) id: b194e601aeb34042bde3d2f9c0e36abb)
Esempio: Sen. Pist. Orazio, il quale fu chiamato Cocles, sostenne l'assalto, e l'assalimento de' nemici.
8) Dizion. 1° Ed. .
ASSALTO
Apri Voce completa

pag.84



1) id: ae2ae21ffed64cc0a8c3602a30a678a3)
Esempio: Sen. Pist. Orazio, il quale fu chiamato Cocles, sostenne l'assalto, e l'assalimento de' nimici.
9) Dizion. 1° Ed. .
IMPOLVERARE
Apri Voce completa

pag.423



1) id: 071f98baa1d644c5a33a43bfaf92677a)
Definiz: Gettar della polvere sopra che che sia. L. pulverulentum facere, pulvere collinere disse Orazio.
10) Dizion. 1° Ed. .
PUNTA
Apri Voce completa

pag.665



1) id: 9f24bc8f8c8a48ab91c128b22e568834)
Esempio: Morg. La scala combattè di mano in mano, E, come Orazio, gran punta sostenne.
11) Dizion. 1° Ed. .
PENDERE
Apri Voce completa

pag.606



1) id: 76da522557114118a9c1da3740d85d50)
Definiz: Pendere si dice di lite, o quistione non ancor decisa. Orazio disse, sub iudice lis est.
12) Dizion. 1° Ed. .
GIOVENTUDINE
Apri Voce completa

pag.388



1) id: 70aa5634457146a6acf6aad35fba7a35)
Esempio: Tes. Br. 7. 25. Gli ufici dell'huomo, che ha passato gioventudine, sono quelli, che Orazio nominò qua addietro.
13) Dizion. 1° Ed. .
DEDICAMENTO
Apri Voce completa

pag.252



1) id: 5954b4d062684233948ac8403e5c911e)
Esempio: Liv. M. I parenti di Valerio furon crucciati, e sdegnati, che 'l dedicamento di così nobil tempio, fosse di necessità dato ad Orazio.
14) Dizion. 1° Ed. .
GALLO
Apri Voce completa

pag.376



1) id: 01852807dc8948c7b9be7b00a6b755b9)
Definiz: Diciamo in proverbio. Più bugiardo, ch'un gallo: perocchè la notte e' canta, senza distinzione, a ogni ora. Orazio disse, in simil proposito. Parthis mendacior.
15) Dizion. 1° Ed. .
POETRIA
Apri Voce completa

pag.632



1) id: a736f03862634e4cbe9773ab72473b81)
Esempio: Com. Inf. 4. Orazio fu poeta latino, e riprenditor de' vizj: visse, e morì in Roma, nel tempo d'Ottaviano Imperadore: scrisse la poetria, e molte belle opere.


2) id: c6c6ffd34f414262a785a34b95c370f8)
Esempio: Conv. 32. Sì come dice Orazio nel principio della poetría.


3) id: fed66da063594c90a8931cb533e59302)
Esempio: Amm. Ant. Orazio nella Poetría: essendo tu fedele interpretatore, ec.
16) Dizion. 1° Ed. .
Z
Apri Voce completa

pag.958



1) id: 28c748b1dbcb4080b9e91b83e983bbf4)
Definiz: Lettera di suono molto gagliardo, e assai in uso, appo i Toscani: ha due suoni diversi, o forse più, secondo gli accoppiamenti dell'altre lettere, con le quali ell'è collocata, ma due sono i più principali, e più conosciuti: il primo più intenso, e gagliardo, da alcuno detto aspro, e più simigliante al primo, che abbiamo assegnato alla lettera S, e a noi più frequente, come PREZZO, CAREZZE, ZANA, ZIO: l'altro più sottile, e rimesso, chiamato da altri rozzo, da noi meno usato, e più simile al secondo suono della S, come REZZO, ORZO, ZANZARA, ZELO: onde per fuggir la mala pronunzia, carattere differente le si vorrebbe. Posta la Z davanti all'I, alla qual seguiti altra vocale, non si raddoppia giammai, e sempre si profferisce col primo suono detto di sopra, come LETIZIA, ASTUZIA, AZIONE, ORAZIONE, INVOCAZIONE. Dopo di se non riceve niuna dell'altre consonanti, ne in principio, ne in mezzo della parola. Avanti di se, in mezzo di dizione, e in diversa sillaba, consente la L, N, R, come BALZO, LENZA, SCHERZO. Raddoppiasi nel mezzo delle parole, come tutte l'altre consonanti, fuorchè ne' sopraddetti luoghi, come PIAZZA, PALAZZO, REZZO, ZIZANIA, benchè differenza grande di suono non si senta dal pronunziarla doppia, o scempia, essendo, come s'è detto, di suon gagliardo. Ma se per via di riprova si converta la Z in S, come lettera sua propinqua, e come l'usano in alcuni luoghi di Toscana, si troverrà, che dove la Z dee andar doppia, la S sarà doppia, come PALAZZO, PALASSO, PIASSA, PIAZZA, e dove la Z dee ire scempia, ancora si troverrà la S scempia: come LETIZIA LETISIA, ORAZIO ORASIO, FABBRIZIO FABBRISIO: però con questa regola la Z andrà sempre scempia, dove, convertita in S si troverrà una sola S il che addiviene, quando alla Z seguita l'I, che allato abbia la vocale: e a quelle voci, le quali hanno la penultima sillaba breve, e nell'ultima la Z, come POLIZA OBIZO, ALBIZI, PREVIZA: perciocchè, convertita la Z, in S, si dirà PREVISA, ALBISI, POLISA, OBISO, ec. Le quali voci, nella nostra lingua, oltre a' nomi propri, non arrivano forse al numero di tre.