Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 395 msec - Sono state trovate 4080 voci

La ricerca è stata rilevata in 14916 forme, per un totale di 10817 occorrenze

3° Edizione
Diz Giu. totali
14824 92 14916 forme
10744 73 10817 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 3° Ed. .
ODORATO
Apri Voce completa

pag.11005 [1105]



1) id: 7252b8aa1e454da8b7a27ff345b75ec8)
Esempio: Scal. S. Agost. Odorandola, siccome per l'odorato del naso.


2) id: a44008dfbac940949a7ade84e080e56e)
Esempio: E S. Agost. Serm. Dissoluti per lo viso, per l'audito, per l'odorato, per lo gusto, e per lo tatto.
2) Dizion. 3° Ed. .
DONUZZO
Apri Voce completa

pag.575



1) id: 533b71aff77e4440a048b9144302df47)
Esempio: Scal. S. Agost. Questi sono maravigliosi donuzzi, e saporiti sollazzi.
3) Dizion. 3° Ed. .
RAMPOGNOSO.
Apri Voce completa

pag.1317



1) id: d4060c903c444762882a1e76bf3152cf)
Esempio: Scal. S. Agost. Queste parole rampognose puote di loro Dio ragionevolmente.
4) Dizion. 3° Ed. .
INEVITABILE
Apri Voce completa

pag.871



1) id: ff1f3ef2994a481494362aa11eaf9d94)
Esempio: Scal. S. Agost. La necessità è inevitabile, che non si può schifare.
5) Dizion. 3° Ed. .
GUADAGNATRICE
Apri Voce completa

pag.803



1) id: 72378106ff9d4e0382a40cae484700d4)
Esempio: Scal. S. Agost. L'orazione, che si fa divotamente è acquistatrice, e guadagnatrice.
6) Dizion. 3° Ed. .
CLARITÀ, CLARITADE, e CLARITATE.
Apri Voce completa

pag.344



1) id: c0c532c5657c4f7d8a75507bb2862191)
Esempio: Scal. S. Agost. Ogni dato ottimo, ed ogni perfetto, e compiúto dono.


2) id: d95160ef4ee948009314e3f549025f84)
Esempio: E Scal. S. Agost. appresso. Cioè dato da Domenedío, e discendente negli huomini, viene in loro dal Padre de' lumi della claritáde.
7) Dizion. 3° Ed. .
RIVIVARE
Apri Voce completa

pag.1403



1) id: f26b35f60425467b95307c1de9f0f84f)
Esempio: Scal. S. Agost. Maravigliosamente mortificandola al mondo, la riviva in lui spiritualmente.
8) Dizion. 3° Ed. .
MISERABILE
Apri Voce completa

pag.1043



1) id: 68cef59222e24341a4174ba8358a52e0)
Esempio: Scal. S. Agost. L'umana infermitade è miserabile, cioè a dire, che richieda misericordia.
9) Dizion. 3° Ed. .
ACQUISTATRICE.
Apri Voce completa

pag.27



1) id: d36154b7e5fa4ccf8a7bb9743144bda9)
Esempio: Scal. S. Ag. L'orazione, che si fa divotamente, è acquistatrice, e guadagnatrice.
10) Dizion. 3° Ed. .
RIO
Apri Voce completa

pag.1382



1) id: 49d9ca92efa94d6cad7f7a9833df62b6)
Esempio: Scal. S. Ag. Oimè, come mi duole, e come mi fa rio.
11) Dizion. 3° Ed. .
TORCITOIO.
Apri Voce completa

pag.1705



1) id: 9c3eda6038894752a8fcc8373cc3e7ac)
Esempio: Scal. S. Agost. E premela, rugumando assai, sì come, se la mettesse al torcitoio.


2) id: a6305b5bd0c441ab9f573c4398fcbe73)
Esempio: E Scal. S. Agost. appresso. La rompe, e mastica, e raguma tanto, premendola nel torcitoio della meditazione, che ella si leva più in alto.
12) Dizion. 3° Ed. .
DISIDERIO, e DISIDERO
Apri Voce completa

pag.543



1) id: c1c3ffb9b23b4ebf8d143916727cc4e2)
Esempio: Scal. S. Agost. L'orazione è secondo il disidero, e l'effetto di avere, e d'intendere.
13) Dizion. 3° Ed. .
APPETERE
Apri Voce completa

pag.120



1) id: 326de49edb6d40009347eb925f003067)
Esempio: Scal. S. Agost. La meditazione cerca diligentemente, che cose noi dobbiamo appetere, e disiderare.


2) id: bf1ba2f40ce4487e80e12bcd3ef56951)
Esempio: E Scal. S. Agost. appresso. La medítazione le mostrava, che ella dovesse desiderare, e appetere, e addomandare.
14) Dizion. 3° Ed. .
SALVARE
Apri Voce completa

pag.1432



1) id: 0305b87aef1a4ffa8021ef029645fa32)
Esempio: Scal. S. Agost. Priegoti o anima che ti salvi, e guardi monda, e pura.
15) Dizion. 3° Ed. .
MALFATTRICE
Apri Voce completa

pag.989



1) id: acf79df16ae44130879d6735513442e2)
Esempio: Scal. S. Agost. Hanno ricevuta in se la scelerosa, puzzolente, e malfattríce amistade de' peccatori.
16) Dizion. 3° Ed. .
ADDIMANDAMENTO.
Apri Voce completa

pag.29



1) id: 3653c75dad264554b52f287abc78dd77)
Esempio: Scal. S. Agost. L'orazione è solamente nell'addimandamento affettuoso d'avere questa dolcezza, ch'è in questa ec.
17) Dizion. 3° Ed. .
RISCHIARARE
Apri Voce completa

pag.1388



1) id: a8e850ab56f843f69233f030e26fcf08)
Esempio: Scal. S. Agost. La saporita scienza, la quale rischiara tutto colui che l'ha in se.


2) id: 318997e9e14b49ceb435a03a63b3024c)
Esempio: Fr. Giord. S. E ancora questo ti vuo' meglio rischiarare.


3) id: 081126b75fdf49398d32b25a4088ae28)
Esempio: Dial. S. Greg. M. La tua ragionevol risponsione m'ha rischiarato di quello, che prima mi dubitava.
18) Dizion. 3° Ed. .
MAESTRIA
Apri Voce completa

pag.979



1) id: e8539b07574849058aa7a448bb320b87)
Esempio: Scal. S. Agost. E quando egli si parte, si parte a maestria, e a sagacitade.
19) Dizion. 3° Ed. .
LASCIVITÀ, LASCIVITADE, e LASCIVITATE
Apri Voce completa

pag.938



1) id: 2f7520b609e94e00aba135a32688f9a3)
Esempio: Scal. S. Agost. S'egli ritorna alle sozzúre de' peccati, e alle puzzolenti lascivitadi del mondo.
20) Dizion. 3° Ed. .
PULCELLA.
Apri Voce completa

pag.1279



1) id: e88f882352d34f81b027d39217efbb66)
Esempio: Scal. S. Agost. Io ho fatto patti cogli occhi miei, acciocch'io non pensassi della pulcella.