Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 422 msec - Sono state trovate 8967 voci

La ricerca è stata rilevata in 29397 forme, per un totale di 20353 occorrenze

3° Edizione
Diz Giu. totali
29216 181 29397 forme
20249 104 20353 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 3° Ed. .
LUSSURIOSO
Apri Voce completa

pag.975



1) id: 96980f1ad8fa4588845e1f8770882857)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Maometto di sua natura molto lussurioso.
2) Dizion. 3° Ed. .
REEDIFICARE.
Apri Voce completa

pag.1332



1) id: 3618d0c1a26d436289f4756ec2b7a69c)
Esempio: G. V. Vit. Maom. 12. Maom. Furono gran cagione di reedificar la nostra Città di Firenze.


2) id: cd6065528a4146799ef0be73d3fc745a)
Esempio: Boc. Vit. Dant. 8. Lo fece reedificare, ed abitare simile a Roma.


3) id: 8aaaa3f59962470ea8167e757ec03499)
Esempio: M. V. 7. 41. Ordinarono, che si reedificasse maggiore, e più bella.
3) Dizion. 3° Ed. .
INCOMINCIAMENTO
Apri Voce completa

pag.858



1) id: 4f93741dc909434180df05d307c8d9f7)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Lasceremo dello incominciamento della legge de' Saracini.
4) Dizion. 3° Ed. .
ORGOGLIO
Apri Voce completa

pag.1126



1) id: 2769f16be6384a34a1db4ad0db8294d4)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Sì montò in grande orgoglio, e superbia.


2) id: 6399e642336041c29986445af960bd92)
Esempio: E G. V. Vit. Maom. 1. 2. 2. E per lo suo orgoglio, e forza, si credette contrastare a Dio.
5) Dizion. 3° Ed. .
ANCELLA, e ANCILLA.
Apri Voce completa

pag.87



1) id: e470ea9bf0b84c28ba7a9fc6c9588016)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Ismael figliuolo d'Abraam, e d'Agar sua ancilla.


2) id: 77e4cfb45f1945cab1db8d2471659346)
Esempio: Vit. S. Pad. Iesu Cristo Re, e fattore d'ogni creatura non mi fraudare del mio desiderio, ma concedimi, che io vegga ancóra questa tua ancilla.
6) Dizion. 3° Ed. .
ADDIZIONE.
Apri Voce completa

pag.29



1) id: 95cc6ffdeedd4a3a9fa92dd0e6576f95)
Esempio: G. V. Vit. Maom. E feciono addizione, e correzione alla legge prima.
7) Dizion. 3° Ed. .
CARNALITÀ, CARNALITADE, e CARNALITATE
Apri Voce completa

pag.291



1) id: ef758ab5057945699f696cd4c46a8639)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Per lo vizio lascivo, e largo della carnalità.
8) Dizion. 3° Ed. .
IMBALSIMATO
Apri Voce completa

pag.828



1) id: 4ea502c2c6504502839eced6a4637619)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Lui poi, imbalsimato, il portarono alla sua Città.
9) Dizion. 3° Ed. .
TENIMENTO.
Apri Voce completa

pag.1685



1) id: a42f334b204d4573a4fe14dadf86bb43)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Sta sospesa in aria, senza nullo altro tenimento.


2) id: 532d2c251841457ea4dde1fcb9cc6517)
Esempio: M. V. 3. 106. Se la compera era lecita, senza tenimento di restìtuzione.
10) Dizion. 3° Ed. .
GIUDEARIA
Apri Voce completa

pag.773



1) id: f82a51d718c443eca16003983e2b4eec)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Fece una legge, seguendo la giudearia del vecchio testamento.
11) Dizion. 3° Ed. .
MAGISTERO, e MAGISTERIO
Apri Voce completa

pag.983



1) id: 62e1feb716f74b598c6b8f666d3e52f7)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Per magistéro di ferro, per forza di calamíta [cioè ordigno]


2) id: 062ec947117848429fa429ef7d27f656)
Esempio: Vit. S. Pad. Questi fece tanti discepoli, che quel diserto, dove stava, pareva quasi una Cittade, per la moltitudine di quelli, che vi stavano sotto 'l magistéro del predetto Elpidio anni otto, o in quel torno, sì si rinchiuse in uno sepolcro.
12) Dizion. 3° Ed. .
VELATO
Apri Voce completa

pag.1755



1) id: 3054d1f2b91e445b8485268c96f3dcd8)
Esempio: G. V. Vit. Maom. E per gelosía le teneva nascose, e velate il viso.
13) Dizion. 3° Ed. .
SQUARCIARE
Apri Voce completa

pag.1601



1) id: a68a0cf2add842aabcef503cad43c7ea)
Esempio: G. V. Vit. Maom. Che dovea squarciare, e aprir la porta della Santa Chiesa Roma.


2) id: 5fc972a540bf494f8734038f679201fd)
Esempio: Vit. Crist. S'egli l'avesse saputo, tutto quanto l'avrebbe squarciato co' denti.
14) Dizion. 3° Ed. .
GENERE,
Apri Voce completa

pag.754



1) id: 1a34ab5b41324df0a8e8f30012cb3d71)
Esempio: Gio. Vill. Vit. Maom. Ma, nel genero, la legge dell'un Califfe, e dell'altro, si concordavano insieme.
15) Dizion. 3° Ed. .
MERCATO
Apri Voce completa

pag.1026



1) id: 948c0ac0ed704208bcfa7f0228ed51b4)
Esempio: G. V. 1. 42. 2.


2) id: 42bdb3fdb3c44075ad5dda9f166aedb9)
Esempio: M. V. 1. 28. Per Quel pregio, che 'l Re di Francia volle a buon mercato.
16) Dizion. 3° Ed. .
SCHIUMARE
Apri Voce completa

pag.1464



1) id: b5327ad00ba04b2999c5930b1ad6e189)
Esempio: G. V. Vit. Maom. E avea Maometto la malattia di morbo caduco, che spesso cadeva in terra, e dibatteva, e schiumava colla bocca sanza sentimento.
17) Dizion. 3° Ed. .
SCISMA
Apri Voce completa

pag.1470



1) id: 77d34b36e44c4462b2eca73e46bbad9f)
Esempio: Gio. Vill. Vit. Maom. Bene ebbe tra loro al cominciamento per la 'nvidia della signoria grande scisma [Lat. dissidium, discidium]
18) Dizion. 3° Ed. .
CALAMITA
Apri Voce completa

pag.258



1) id: 1f8fe4f7501c4a15b427925dadd0df48)
Esempio: G. V. Maom. E per magistéro di ferro con forza di calamíta, la detta arca col suo corpo sta sospesa in aria.
19) Dizion. 3° Ed. .
G
Apri Voce completa

pag.741



2) id: 410716f2e7c04521b162cb230823855a)
Definiz: Lettera compagna del C, la quale, anch'ella, ha due suoni diversi, perchè posta avanti all'A, O, U, ha il suono più rotondo: come Gallo, Gota, Gusto; e avanti all'E, ed I, ha il suono più sottile, o aspirato: come Gente, Giro; onde per necessità di proprio carattere, per servircene nel primo suono colla E, e coll'I, pogniamo dopo la H: come Gherone, Ghiro. Questo Gh, quando ne seguita l'I, ha anch'egli due suoni, l'uno più rotondo, e grosso: come Ghirlanda, Vegghi dal verbo Vedere; l'altro più sottile, e schiacciato, il quale, per lo più, avviene, quando all'I segue un'altra vocale, come Ghianda, Ghiera, Vegghia: e a cotali suoni, per isfuggire errore, sarebbe di bisogno proprio carattere a ciascheduno. Delle consonanti riceve dopo di se, nella stessa sillaba, la L, N, R: come Negletto, Gloria, Egli, Regno, Sogno, Disegnare, Ingrato, Gretola; bene è vero, che dopo la L, dove non seguita l'I, per esser suono, per sua durezza sfuggito da questa lingua, si truova di rado. Quando alla L, col G avanti seguita l'I, in tal caso ha due suoni, l'uno più rotondo, e grosso: come Negligente, il quale non è molto ricevuto da noi; l'altro più sottile, o schiacciato: come Giglio, Foglio, e questo è nostro proprio. Aggiunto, come s'è detto, il G alla L, e N, gran parte ne perde del suo suono, come Aglio, Ragna. Consente avanti di se la L, N, R, S. Nel mezzo della parola, e in diversa sillaba: come Volgo, Vanga, Verga, Disgregare, benchè la S si trovi in mezzo di rado, e per lo più, in composizione, colla preposizione DIS. Ma nel principio di parola, più frequentemente: come Sgarare; e si pronunzia sempre la S avanti al G, nel secondo modo, cioè nel suono più rimesso, come nella voce Accusa. Raddoppiasi questa lettera nelle nostre voci molto spesso: come Poggio, Oggi, ec.
20) Dizion. 3° Ed. .
CENTO
Apri Voce completa

pag.314



1) id: e7fa525fc9564649bfd56c5aecfa318e)
Esempio: G. V. 6. Sedici cento di Cavalieri.


2) id: 450ffef23e5341aeaaad73110c048ff6)
Esempio: G. V. 9. 150. 2. Cencinquanta de' suoi Cavalieri mandò.